United States: Le Nuove Garanzie Introdotte Dal Decreto Legge N. 59 Del 2016, Il Pegno Non Possessorio Ed Il Patto Marciano

LE NUOVE GARANZIE INTRODOTTE DAL DECRETO LEGGE N. 59/16: IL PEGNO NON POSSESSORIO ED IL PATTO MARCIANO

In data 3 maggio 2016, sulla Gazzetta Ufficiale n. 102 è stato pubblicato il decreto legge n. 59/16, varato dal Governo in data 29 aprile (il "Decreto") che contiene, inter alia, una serie di misure finalizzate ad accelerare il recupero di crediti. Tali misure, pensate soprattutto come strumento a supporto della gestione e del recupero di NPLs, possono essere distinte in:

  1. misure di carattere sostanziale. A tal riguardo, occorrerà fare riferimento agli articoli 1 e 2 del Decreto con cui sono stati introdotti e riconosciuti nel nostro ordinamento, rispettivamente, l'istituto del "pegno non possessorio" e del "trasferimento della proprietà in funzione di garanzia di beni immobili";
  2. misure di carattere procedurale, volte in particolare a snellire e ad abbreviare i termini delle procedure di recupero (concorsuali ed esecutive).

Il presente alert viene redatto al fine di fornire alcune prime indicazioni relative alle nuove forme di garanzie introdotte dal Decreto (Pegno non possessorio e trasferimento della proprietà in funzione di garanzia di beni immobili). Il Decreto è in vigore dal 4 maggio 2016 ed è già presso le Camere per la sua conversione in legge. In tale sede, non è escluso che siano apportate modifiche alle previsioni che si riportano di seguito.

1. PEGNO NON POSSESSORIO

La prima novità introdotta dal Decreto è rappresentata dal pegno non possessorio che le imprese possono concedere per garantire il rimborso di crediti, presenti e futuri, inerenti l'esercizio dell'impresa. Ai fini della costituzione di tale tipologia di pegno e della sua opponibilità nei confronti di terzi non è necessario che l'impresa si privi del possesso del bene e, conseguentemente, del suo utilizzo, per consegnarlo al creditore o ad un terzo custode, come invece fino ad ora richiesto dalle previsioni del codice civile.

Il pegno non possessorio previsto dal Decreto – che ricorda molto il floating charge di diritto inglese – comporta un indubbio vantaggio per le imprese che, non perdendo il possesso del bene strumentale all'impresa concesso in pegno, potrebbero continuare ad esercitare la propria attività senza alcun pregiudizio. Sotto il profilo dell'interesse del creditore garantito, i vantaggi offerti da questa forma di garanzia riguarderebbero principalmente le diverse possibili modalità di escussione del pegno. Come si descriverà più in dettaglio nel prosieguo, al verificarsi di un evento di inadempimento, il creditore garantito potrà escutere il pegno non possessorio, oltre che procedendo alla vendita del bene, anche appropriandosi dello stesso bene oggetto della garanzia o procedendo alla sua locazione, imputando i canoni a soddisfacimento del credito garantito.

Il credito garantito

Il pegno non possessorio può essere costituito a garanzia del rimborso di crediti presenti e futuri (in quest'ultimo caso, purché determinati o determinabili), concessi per l'esercizio dell'impresa. All'interno del relativo contratto di pegno, deve essere indicato l'importo massimo garantito.

Oggetto del pegno non possessorio

Il pegno non possessorio può essere costituito su beni mobili destinati all'esercizio dell'impresa, ad esclusione dei beni mobili registrati. Tali beni mobili possono essere:

  • esistenti o futuri; e
  • determinati o determinabili anche mediante riferimento ad una o più categorie merceologiche o ad un valore complessivo.

A ben vedere, i beni mobili che possono essere concessi in garanzia coinciderebbero con quelli già previsti dall'articolo 46 del Testo Unico Bancario in materia di privilegio speciale a garanzia di finanziamenti concessi a medio e lungo termine da banche a imprese.

Facoltà di disporre dei beni mobili oggetto di pegno non possessorio e trasferimento della garanzia (senza novazione)

Se non diversamente previsto nel relativo contratto di pegno, il debitore o il terzo concedente il pegno ha la facoltà di trasformare o alienare, nel rispetto della relativa destinazione economica, o comunque disporre del bene concesso in pegno.

In questo caso, il pegno si trasferisce automaticamente, a seconda del caso, al prodotto risultante dalla trasformazione, al corrispettivo della cessione del bene gravato dal pegno o al bene sostitutivo acquistato con tale corrispettivo, senza che ciò comporti costituzione di una nuova garanzia. Costituzione del pegno non possessorio ed opponibilità Ai fini della costituzione del pegno non possessorio, si richiede:

  1. un contratto costitutivo del pegno che deve risultare, a pena di nullità, da atto scritto contenente (a) indicazione del creditore, del debitore e dell'eventuale terzo concedente il pegno; (b) la descrizione del bene dato in garanzia e del credito garantito; (c) l'indicazione dell'importo massimo garantito;
  2. l'iscrizione in un apposito registro istituito presso l'Agenzia delle Entrate, denominato "registro dei pegni non possessori"

Dalla data di iscrizione nel registro dei pegni non possessori, il pegno diviene opponibile nei confronti dei terzi e delle procedure concorsuali. Si prevede altresì che il pegno non possessorio prenda "grado" dalla stessa data di iscrizione.

Anche se sulla base del dato letterale del Decreto, sembrerebbe che la costituzione del pegno dipenda solo dalla iscrizione dello stesso nel registro (si prevede testualmente che "il pegno non possessorio si costituisce esclusivamente con l'iscrizione in un registro..."), non si ritiene che per questo non sia "anche" necessario il relativo contratto di pegno che nello stesso Decreto si definisce come "contratto costitutivo".

Escussione del pegno non possessorio Al verificarsi di un evento di escussione del pegno, previo avviso scritto al datore della garanzia e agli eventuali titolari di un pegno non possessorio trascritto successivamente, il creditore garantito ha la facoltà di procedere all'escussione della garanzia con le seguenti modalità:

  1. vendendo il bene oggetto del pegno non possessorio e trattenendo il corrispettivo a soddisfacimento del proprio credito, avvertendo il datore della garanzia dell'importo ricavato e restituendo allo stesso l'eventuale eccedenza. La vendita deve avvenire tramite procedure competitive sulla base di una stima del bene effettuata da soggetti terzi specializzati (il cui intervento non è richiesto qualora il bene non abbia un valore apprezzabile: tale previsione potrebbe incontrare alcune difficoltà applicative dal momento che nel Decreto non si fornisce alcun criterio né si rinvia ad una valutazione terza per stabilire quando il bene possa essere considerato di "non apprezzabile valore");
  2. escutendo l'oggetto del pegno non possessorio, fino a concorrenza della somma garantita (si segnala che nel Decreto si parla di crediti; tale riferimento sembrerebbe essere un refuso, indicando l'articolo 1, comma 2, del Decreto che oggetto del pegno non possessorio sono beni mobili destinati all'esercizio dell'impresa);
  3. ove previsto nel contratto di pegno e iscritto nel registro delle imprese, dando in locazione il bene concesso in garanzia e imputando i canoni a soddisfacimento del proprio credito fino a concorrenza della somma garantita, a condizione che il contratto preveda i criteri e le modalità di valutazione del corrispettivo della locazione. Non è chiaro che cosa si richieda sia oggetto di iscrizione nel registro delle imprese e non è da escludere che in realtà si volesse fare riferimento al registro dei pegni non possessori (da considerare tuttavia che il Decreto, nel descrivere il contenuto dell'iscrizione da effettuarsi nel registro dei pegni non possessori, non menziona l'indicazione della modalità con cui si intende procedere all'escussione del pegno);
  4. ove previsto nel contratto di pegno e iscritto nel registro delle imprese (si ripropone al riguardo la medesima osservazione di cui al numero (iii) che precede), appropriandosi del bene oggetto della garanzia fino a concorrenza della somma garantita, a condizione che il contratto preveda i criteri e le modalità di valutazione del valore oggetto del bene e dell'obbligazione garantita.

Si sottolinea che il Decreto prevede la possibilità per il debitore (si aggiunge che la stessa possibilità dovrebbe essere riconosciuta al datore della garanzia quando diverso dal debitore) di agire per il risarcimento del danno quando la vendita, la locazione o l'appropriazione del bene avviene in violazione dei criteri e delle modalità contrattualmente stabiliti e il prezzo della vendita, il corrispettivo della locazione o il valore del bene oggetto di pegno in caso di appropriazione non siano corrispondenti ai valori correnti di mercato.

Prime Osservazioni

Sulla base di una valutazione complessiva delle disposizioni contenute nel Decreto in materia di pegno non possessorio, oltre agli aspetti poco chiari già segnalati, potrebbero essere svolte le seguenti osservazioni e riflessioni.

  1. Collocamento sistematico delle nuove disposizioni: mentre per il trasferimento della proprietà in funzione di garanzia, come si vedrà al paragrafo 2 che segue, viene introdotto un nuovo articolo all'interno della disciplina del Testo Unico Bancario, la figura del pegno non possessorio non viene collocata all'interno di una più generale disciplina, come dovrebbe essere quella del codice civile.
  2. Ambito di applicazione: in merito all'ambito di applicazione delle previsioni relative al pegno possessorio, sarebbe auspicabile che, in sede di conversione, sia specificato che le stesse possono trovare applicazione a tutela del rimborso di qualsiasi credito concesso per l'esercizio dell'attività di impresa (e quindi non solo per crediti derivanti da contratti di finanziamento ma anche dall'emissione di titoli di debito e/o obbligazionari).
  3. Sufficiente tutela del creditore garantito dal pegno non possessorio: se lo spossessamento del bene da concedere in garanzia, da una parte, può costituire un ostacolo per l'impresa alla propria attività, dall'altra, lo stesso spossessamento garantisce al creditore la sottrazione del bene alla sfera di disponibilità del debitore e, quindi, che il debitore o il terzo datore di garanzia non possa compiere atti distrattivi del bene o che ne possano diminuire il valore. Anche se il pegno non possessorio potrebbe avere ad oggetto anche un insieme di beni e lo stesso diritto di garanzia si trasferirebbe sul nuovo bene che risulterebbe dal compimento di un eventuale atto di disposizione del bene originariamente dato in pegno, ciò non toglie che il creditore sarebbe ancor più tutelato se allo stesso creditore venisse riconosciuto un potere di controllo/ispezione e/o una forma di co-custodia degli stessi beni oggetto del pegno (come d'altra parte previsto in altri ordinamenti europei, come quello austriaco).
  4. Oggetto del pegno non possessorio: nel caso in cui l'oggetto del pegno sia costituito da beni futuri non determinati ma determinabili e tale determinabilità si basi sul riferimento al valore complessivo dei beni, non sembrerebbe chiaro come e da chi tale valore complessivo venga o debba essere determinato.
  5. Opponibilità del pegno non possessorio sulla base dell'ordine di iscrizione della garanzia nel relativo registro: poiché si richiede che ai fini della costituzione del pegno non possessorio lo stesso debba essere iscritto nel relativo registro, sarebbe in linea con i principi codicistici ritenere che il pegno non possessoria costituito e reso opponibile anteriormente ad analoghe garanzie (i.e. pegno possessorio) prevalga su queste ultime. A tal riguardo si segnala invece che nel Decreto, con una disposizione di non facile interpretazione, si prevede che "il pegno non possessorio, anche se anteriormente costituito ed iscritto, non è opponibile a chi abbia finanziato l'acquisto di un bene determinato che sia destinato all'esercizio dell'impresa e sia garantito da riserva della proprietà sul bene medesimo o da un pegno anche non possessorio, a condizione che il pegno non possessorio sia iscritto nel registro in conformità al comma 6 e che al momento della sua iscrizione il creditore ne informi i titolari di pegno non possessorio iscritto anteriormente". E' auspicabile che in sede di conversione in legge del Decreto, tale disposizione sia oggetto di riformulazione.

2. TRASFERIMENTO DI IMMOBILI (SOSPENSIVAMENTE CONDIZIONATO) A GARANZIA DI FINANZIAMENTI

Con il Decreto viene introdotta una nuova disposizione all'interno del Testo Unico Bancario. Si tratta dell'articolo 48bis, rubricato "Finanziamento alle imprese garantito da trasferimento di bene immobile sospensivamente condizionato", ai sensi del quale:

  1. il rimborso del finanziamento concesso da una banca o da un intermediario finanziario autorizzato alla concessione di finanziamenti nei confronti del pubblico può essere garantito dal trasferimento, a favore del creditore o di una società dallo stesso controllata o ad esso collegata autorizzata ad acquistare, detenere e trasferire diritti immobiliari, della proprietà di un immobile o di altro diritto immobiliare (rectius: di altro diritto reale su beni immobili)(1);
  2. il trasferimento della proprietà dell'immobile a favore del creditore è sospensivamente condizionato all'inadempimento del debitore, ricorrente qualora (a) il mancato pagamento si protragga per oltre sei mesi dalla scadenza di almeno tre rate, anche non consecutive, nel caso in cui il rimborso sia amortising (sembrerebbe quindi che i sei mesi debbano computarsi dalla scadenza di ciascuna delle tre rate); o (b) il mancato pagamento si protragga per oltre sei mesi dalla scadenza anche di una sola rata, quando il debitore è tenuto al rimborso rateale secondo termini di scadenza superiori al periodo mensile; o (c) il mancato pagamento si protragga per oltre sei mesi dalla scadenza del rimborso, in caso di finanziamento bullet;
  3. al verificarsi dell'evento di inadempimento, il creditore è tenuto a comunicare, al debitore o al titolare del diritto reale immobiliare concesso in garanzia, oltre che a coloro che vantano rispetto al medesimo bene immobile diritti derivanti da titolo iscritto o trascritto sull'immobile successivamente alla trascrizione del patto di trasferimento, la volontà di avvalersi del patto stesso;
  4. oggetto del patto di trasferimento non possono essere immobili adibiti ad abitazione principale del proprietario, del coniuge o dei suoi parenti e affini entro il terzo grado;
  5. il patto di trasferimento può essere stipulato al momento della conclusione del contratto di finanziamento o, per i contratti in corso al momento dell'entrata in vigore del Decreto, per atto notarile, in sede di successiva modificazione delle condizioni contrattuali del finanziamento.

Opponibilità del patto di trasferimento

Ai fini dell'opponibilità del patto di trasferimento dell'immobile, risulta che il patto debba essere trascritto, verosimilmente, nei registri immobiliari. A tal riguardo, si specifica che, qualora il finanziamento sia già garantito da ipoteca, il trasferimento sospensivamente condizionato all'inadempimento, una volta trascritto, prevale sulle trascrizioni ed iscrizioni eseguite successivamente all'iscrizione ipotecaria.

Attuazione del trasferimento della proprietà dell'immobile

Al verificarsi di un evento di inadempimento, una volta che il creditore abbia notificato al debitore l'intenzione di volersi avvalere del patto di trasferimento, decorsi 60 giorni dalla stessa notificazione (per la quale non sembrano essere previste formalità particolari), il creditore dovrà e potrà chiedere al presidente del tribunale del luogo in cui si trova l'immobile, la nomina di un perito per la stima del bene immobile. La stima del bene dovrà essere comunicata sia al debitore che al creditore.

La condizione sospensiva cui è soggetto il trasferimento della proprietà del bene immobile si considera avverata quando (i) la stima del valore del bene viene comunicata al creditore; o (ii) nel caso in cui il valore stimato del bene sia superiore all'importo del debito inadempiuto, il creditore provvede a versare al debitore tale differenza.

  1. l'inadempimento del debitore viene accertato dal giudice dell'esecuzione e la stima del valore del bene è effettuata dall'esperto nominato dal giudice;
  2. entro il termine stabilito da giudice, il creditore deve versare una somma non inferiore alle spese di esecuzione e, qualora esistenti, all'ammontare dei crediti assistiti da diritti di prelazione anteriori a quello del creditore garantito dal patto di trasferimento o un ammontare pari all'eventuale differenza tra il valore stimato del bene e l'ammontare del debito inadempiuto: effettuato tale versamento, il giudice dà atto dell'avveramento della condizione con apposito decreto;
  3. il ricavato della vendita del bene che, in assenza di indicazioni contrarie del Decreto, si ritiene avvenga secondo le modalità e le condizioni previste dal codice di procedura civile, viene distribuito (tra i creditori che hanno preso parte alla procedura esecutiva) in conformità con le norme dello stesso codice di procedura civile.

Dal momento che la vendita del bene e la distribuzione delle somme ricavate dalla vendita avverrebbero secondo le modalità sopra indicate, non sembrerebbero chiare le ragioni per le quali sia richiesto al creditore, come indicato alla lettera (b) che precede, di provvedere egli stesso, e prima della vendita e della stessa distribuzione delle somme che ne derivano, al versamento degli importi a copertura dei crediti assistiti da diritti di prelazione anteriori a quello del creditore garantito dal patto di trasferimento o dell'eventuale differenza tra il valore stimato del bene e l'ammontare del debito inadempiuto.

Prime Osservazioni

  1. Ambito di applicazione: in merito all'ambito di applicazione delle previsioni relative al trasferimento della proprietà di beni immobili in funzione di garanzia, sarebbe auspicabile che, in sede di conversione, sia previsto che le stesse possono trovare applicazione non solo in caso di crediti derivanti da contratti di finanziamento, come invece espressamente indicato, ma anche almeno a tutela dei crediti derivanti dall'emissione di titoli di debito e/o obbligazionari.
  2. Oggetto del trasferimento: sarebbe opportuno che, sempre in sede di conversione, sia chiarita la conformità del trasferimento di diritti reali immobiliari diversi da quello di proprietà con le finalità che sembra si intendano perseguire, consistenti principalmente nel legittimare l'uso della proprietà in funzione di garanzia.

(1) Non risulterebbe essere chiaro l'inciso secondo cui oggetto del patto a favore del creditore possano essere anche "altri diritti immobiliari". Se infatti la finalità della disposizione è quella di consentire il trasferimento della proprietà di un immobile in funzione di garanzia, il trasferimento di ogni altro diritto, diverso da quello di proprietà, non consentirebbe di realizzare tale finalità. L'unico diritto reale pieno, assoluto ed incondizionato è quello di proprietà. Ulteriori diritti reali su beni immobili possono essere diritti reali di godimento (es: usufrutto) o di garanzia (ipoteca) che, proprio per il loro contenuto, non sarebbero in grado di offrire al creditore una tutela pari a quella che, con il trasferimento della proprietà, sembra invece volerglisi assicurare.

The content of this article is intended to provide a general guide to the subject matter. Specialist advice should be sought about your specific circumstances.

To print this article, all you need is to be registered on Mondaq.com.

Click to Login as an existing user or Register so you can print this article.

Authors
 
In association with
Related Video
Up-coming Events Search
Tools
Print
Font Size:
Translation
Channels
Mondaq on Twitter
 
Register for Access and our Free Biweekly Alert for
This service is completely free. Access 250,000 archived articles from 100+ countries and get a personalised email twice a week covering developments (and yes, our lawyers like to think you’ve read our Disclaimer).
 
Email Address
Company Name
Password
Confirm Password
Position
Mondaq Topics -- Select your Interests
 Accounting
 Anti-trust
 Commercial
 Compliance
 Consumer
 Criminal
 Employment
 Energy
 Environment
 Family
 Finance
 Government
 Healthcare
 Immigration
 Insolvency
 Insurance
 International
 IP
 Law Performance
 Law Practice
 Litigation
 Media & IT
 Privacy
 Real Estate
 Strategy
 Tax
 Technology
 Transport
 Wealth Mgt
Regions
Africa
Asia
Asia Pacific
Australasia
Canada
Caribbean
Europe
European Union
Latin America
Middle East
U.K.
United States
Worldwide Updates
Check to state you have read and
agree to our Terms and Conditions

Terms & Conditions and Privacy Statement

Mondaq.com (the Website) is owned and managed by Mondaq Ltd and as a user you are granted a non-exclusive, revocable license to access the Website under its terms and conditions of use. Your use of the Website constitutes your agreement to the following terms and conditions of use. Mondaq Ltd may terminate your use of the Website if you are in breach of these terms and conditions or if Mondaq Ltd decides to terminate your license of use for whatever reason.

Use of www.mondaq.com

You may use the Website but are required to register as a user if you wish to read the full text of the content and articles available (the Content). You may not modify, publish, transmit, transfer or sell, reproduce, create derivative works from, distribute, perform, link, display, or in any way exploit any of the Content, in whole or in part, except as expressly permitted in these terms & conditions or with the prior written consent of Mondaq Ltd. You may not use electronic or other means to extract details or information about Mondaq.com’s content, users or contributors in order to offer them any services or products which compete directly or indirectly with Mondaq Ltd’s services and products.

Disclaimer

Mondaq Ltd and/or its respective suppliers make no representations about the suitability of the information contained in the documents and related graphics published on this server for any purpose. All such documents and related graphics are provided "as is" without warranty of any kind. Mondaq Ltd and/or its respective suppliers hereby disclaim all warranties and conditions with regard to this information, including all implied warranties and conditions of merchantability, fitness for a particular purpose, title and non-infringement. In no event shall Mondaq Ltd and/or its respective suppliers be liable for any special, indirect or consequential damages or any damages whatsoever resulting from loss of use, data or profits, whether in an action of contract, negligence or other tortious action, arising out of or in connection with the use or performance of information available from this server.

The documents and related graphics published on this server could include technical inaccuracies or typographical errors. Changes are periodically added to the information herein. Mondaq Ltd and/or its respective suppliers may make improvements and/or changes in the product(s) and/or the program(s) described herein at any time.

Registration

Mondaq Ltd requires you to register and provide information that personally identifies you, including what sort of information you are interested in, for three primary purposes:

  • To allow you to personalize the Mondaq websites you are visiting.
  • To enable features such as password reminder, newsletter alerts, email a colleague, and linking from Mondaq (and its affiliate sites) to your website.
  • To produce demographic feedback for our information providers who provide information free for your use.

Mondaq (and its affiliate sites) do not sell or provide your details to third parties other than information providers. The reason we provide our information providers with this information is so that they can measure the response their articles are receiving and provide you with information about their products and services.

If you do not want us to provide your name and email address you may opt out by clicking here .

If you do not wish to receive any future announcements of products and services offered by Mondaq by clicking here .

Information Collection and Use

We require site users to register with Mondaq (and its affiliate sites) to view the free information on the site. We also collect information from our users at several different points on the websites: this is so that we can customise the sites according to individual usage, provide 'session-aware' functionality, and ensure that content is acquired and developed appropriately. This gives us an overall picture of our user profiles, which in turn shows to our Editorial Contributors the type of person they are reaching by posting articles on Mondaq (and its affiliate sites) – meaning more free content for registered users.

We are only able to provide the material on the Mondaq (and its affiliate sites) site free to site visitors because we can pass on information about the pages that users are viewing and the personal information users provide to us (e.g. email addresses) to reputable contributing firms such as law firms who author those pages. We do not sell or rent information to anyone else other than the authors of those pages, who may change from time to time. Should you wish us not to disclose your details to any of these parties, please tick the box above or tick the box marked "Opt out of Registration Information Disclosure" on the Your Profile page. We and our author organisations may only contact you via email or other means if you allow us to do so. Users can opt out of contact when they register on the site, or send an email to unsubscribe@mondaq.com with “no disclosure” in the subject heading

Mondaq News Alerts

In order to receive Mondaq News Alerts, users have to complete a separate registration form. This is a personalised service where users choose regions and topics of interest and we send it only to those users who have requested it. Users can stop receiving these Alerts by going to the Mondaq News Alerts page and deselecting all interest areas. In the same way users can amend their personal preferences to add or remove subject areas.

Cookies

A cookie is a small text file written to a user’s hard drive that contains an identifying user number. The cookies do not contain any personal information about users. We use the cookie so users do not have to log in every time they use the service and the cookie will automatically expire if you do not visit the Mondaq website (or its affiliate sites) for 12 months. We also use the cookie to personalise a user's experience of the site (for example to show information specific to a user's region). As the Mondaq sites are fully personalised and cookies are essential to its core technology the site will function unpredictably with browsers that do not support cookies - or where cookies are disabled (in these circumstances we advise you to attempt to locate the information you require elsewhere on the web). However if you are concerned about the presence of a Mondaq cookie on your machine you can also choose to expire the cookie immediately (remove it) by selecting the 'Log Off' menu option as the last thing you do when you use the site.

Some of our business partners may use cookies on our site (for example, advertisers). However, we have no access to or control over these cookies and we are not aware of any at present that do so.

Log Files

We use IP addresses to analyse trends, administer the site, track movement, and gather broad demographic information for aggregate use. IP addresses are not linked to personally identifiable information.

Links

This web site contains links to other sites. Please be aware that Mondaq (or its affiliate sites) are not responsible for the privacy practices of such other sites. We encourage our users to be aware when they leave our site and to read the privacy statements of these third party sites. This privacy statement applies solely to information collected by this Web site.

Surveys & Contests

From time-to-time our site requests information from users via surveys or contests. Participation in these surveys or contests is completely voluntary and the user therefore has a choice whether or not to disclose any information requested. Information requested may include contact information (such as name and delivery address), and demographic information (such as postcode, age level). Contact information will be used to notify the winners and award prizes. Survey information will be used for purposes of monitoring or improving the functionality of the site.

Mail-A-Friend

If a user elects to use our referral service for informing a friend about our site, we ask them for the friend’s name and email address. Mondaq stores this information and may contact the friend to invite them to register with Mondaq, but they will not be contacted more than once. The friend may contact Mondaq to request the removal of this information from our database.

Security

This website takes every reasonable precaution to protect our users’ information. When users submit sensitive information via the website, your information is protected using firewalls and other security technology. If you have any questions about the security at our website, you can send an email to webmaster@mondaq.com.

Correcting/Updating Personal Information

If a user’s personally identifiable information changes (such as postcode), or if a user no longer desires our service, we will endeavour to provide a way to correct, update or remove that user’s personal data provided to us. This can usually be done at the “Your Profile” page or by sending an email to EditorialAdvisor@mondaq.com.

Notification of Changes

If we decide to change our Terms & Conditions or Privacy Policy, we will post those changes on our site so our users are always aware of what information we collect, how we use it, and under what circumstances, if any, we disclose it. If at any point we decide to use personally identifiable information in a manner different from that stated at the time it was collected, we will notify users by way of an email. Users will have a choice as to whether or not we use their information in this different manner. We will use information in accordance with the privacy policy under which the information was collected.

How to contact Mondaq

You can contact us with comments or queries at enquiries@mondaq.com.

If for some reason you believe Mondaq Ltd. has not adhered to these principles, please notify us by e-mail at problems@mondaq.com and we will use commercially reasonable efforts to determine and correct the problem promptly.