Italy: Principali novità in materia fiscale

IMPOSTE DIRETTE

NOVITÀ PER LE PERSONE FISICHE

Plusvalenze e dividendi "qualificati" al 26% - modifiche alla disciplina dei redditi di capitale e redditi diversi di natura finanziaria (art. 1, co. da 999 a 1006)

La Legge di Bilancio 2018 ha equiparato il regime di tassa-zione delle partecipazioni qualificate a quello già previsto per le partecipazioni non qualificate: per i redditi di capitale e i redditi diversi conseguiti da persone fisiche al di fuori dell'esercizio dell'attività d'impresa, in relazione al possesso o alla cessione di partecipazioni societarie qualificate, è pre-visto l'abbandono della tassazione progressiva ai fini Irpef a favore dell'applicazione di una ritenuta a titolo d'imposta (o imposta sostitutiva) pari al 26%.

Il nuovo regime si applicherà alle plusvalenze realizzate a partire dal 1° gennaio 2019 e agli utili percepiti a partire dal 1° gennaio 2018 mentre la distribuzione degli utili prodotti fino all'esercizio in corso al 31 dicembre 2017 resterà assog-gettata al regime previgente (tassazione progressiva sul 58,14% dei dividendi) se deliberata nel lasso temporale dal 1° gennaio 2018 e il 31 dicembre 2022.

Viene, altresì, ampliato alle partecipazioni qualificate l'ambi-to di applicazione (dal 1° gennaio 2019) del regime del ri-sparmio amministrato e di quello del risparmio gestito ex art. 6 e 7 del D.Lgs. 461/97.

Viene, inoltre, ammessa la compensazione tra "plusvalenze qualificate" e minusvalenze "non qualificate" (e viceversa).

NOVITÀ PER LE PERSONE GIURIDICHE

Nuova definizione di stabile organizzazione ai fini delle impo-ste sui redditi (art. 1, co. 1010)

Al fine di recepire le indicazioni fornite dall'OCSE nell'ambito del progetto BEPS viene ridefinita la nozione di stabile or-ganizzazione ai fini delle imposte sui redditi contenuta nell'art. 162 del Tuir, con riguardo alle seguenti fattispecie:

  • integrazione della "positive list": la notevole diffusione di attività digitali e/o multidimensionali che consentono alle imprese di operare senza una presenza fisica sul territorio, ha reso necessario l'aggiornamento della no-zione, ormai obsoleta, di stabile organizzazione. In tal senso, il Legislatore è intervenuto prevedendo che "una significativa e continuativa presenza economica nel terri-torio dello Stato costruita in modo tale da non fare risul-tare una sua consistenza fisica nel territorio dello stesso" possa configurare una S.O.
  • "Negative list": le attività singolarmente elencate nella norma (o la loro combinazione) che costituiscono la ne-gative list non integrano una S.O. a condizione che ab-biano carattere preparatorio o ausiliario.
  • Anti fragmentation rule : introduzione di una nuova pre-visione antielusiva finalizzata ad evitare che la negative list trovi applicazione ad una singola sede fissa d'affari, attraverso un frazionamento dell'attività svolta dal grup-po di appartenenza nel territorio dello Stato, anche tra più imprese alla stessa collegate.
  • Agente dipendente e indipendente: miglior definizione (ed estensione dell'ambito di applicazione) per quelle attività che, qualora svolte nel territorio dello Stato da un agente "dipendente" dell'impresa non residente, con-figurano una S.O. personale in Italia.

Web tax al 3% (art. 1, co. da 1011 a 1017)

Viene introdotta l'imposta del 3% sulle singole transazioni digitali, relative a servizi B2B – in numero eccedente le 3.000 prestazioni nell'anno solare – effettuate tramite mez-zi elettronici rese nei confronti di soggetti residenti nel terri-torio dello Stato nonché delle S.O. di soggetti non residenti situate nel medesimo territorio.

La web tax si applica nei confronti del soggetto prestatore ma verrà prelevata, all'atto del pagamento del corrispettivo, dal soggetto committente, con obbligo di rivalsa sul primo.

L'imposta troverà applicazione a partire dal 1° gennaio 2019 assumendo che le disposizioni attuative vengano approvate con Decreto Ministeriale nel corso del 2018 (il termine pre-visto è il 30 aprile 2018).

La nuova imposta non si applica alle prestazioni rese nei confronti di privati e alle prestazioni rese nei confronti di soggetti in regime forfettario o in regime di vantaggio per l'imprenditoria giovanile.

Piani di risparmio a lungo termine – PIR (art. 1, co. 80)

La Legge di Bilancio per il 2018 estende il perimetro di inve-stimento per i PIR al settore immobiliare, in particolare alle società immobiliari pure e alle società di investimento im-mobiliare quotate - SIIQ.

Modifiche al regime di deducibilità degli interessi passivi (art.1, co. 84 – 86; 994 – 995)

La legge di bilancio 2018 ha apportato alcune modifiche ai criteri di deducibilità degli interessi passivi da parte di sog-getti Ires (art. 96 Tuir).

Le novità normative applicabili dal periodo di imposta 2017 riguardano, in particolare:

  • l'introduzione della deducibilità, ai fini Ires e Irap, degli interessi passivi sostenuti dalle società di intermediazio-ne mobiliare ("SIM") in misura pari al 96% del loro am-montare.
  • l'esclusione dal computo del Risultato Operativo Lordo ("ROL") dei dividendi provenienti da controllate estere.

Credito d'imposta per le spese di formazione nel settore delle tecnologie 4.0 (art. 1, co. da 46 a 56)

Viene introdotto, a partire dal 1° gennaio 2018, un credito d'imposta pari al 40% per le imprese che sostengono spese di formazione finalizzate ad acquisire o consolidare le cono-scenze delle tecnologie previste dal Piano nazionale "Industria 4.0".

Il credito viene riconosciuto fino ad un importo massimo annuale di Euro 300.000 per ciascun beneficiario.

I costi devono essere certificati dal soggetto incaricato della revisione legale o da un professionista iscritto nel registro dei revisori legali.

Il credito d'imposta può essere utilizzato in compensazione "orizzontale" attraverso il mod. F24 a decorrere dal periodo d'imposta successivo a quello in cui i costi sono sostenuti.

Dividendi provenienti da soggetti a fiscalità privilegiata "black list" (art. 1, co. 1007 – 1008)

A seguito degli interventi legislativi che hanno modificato i criteri di individuazione degli ordinamenti a fiscalità privile-giata (black list), la Legge di Bilancio 2018 ha previsto:

  • per gli utili maturati in paesi "white list" poi diventati "black list", non si considerano provenienti da società residenti o localizzate in Paesi a regime fiscale privilegia-to gli utili percepiti a partire dal periodo di imposta suc-cessivo a quello in corso al 31 dicembre 2014 e maturati in periodi di imposta precedenti;
  • non sono integralmente imponibili gli utili maturati nei periodi di imposta successivi al 31 dicembre 2014 in Stati o territori non a regime fiscale privilegiato e, in seguito, percepiti in periodi di imposta in cui risultino integrate le condizioni per l'individuazione di uno Stato a fiscalità privilegiata di cui all'art. 167, co. 4, del Tuir.

Sempre in tema di dividendi provenienti da soggetti esteri, la Legge di Bilancio 2018 prevede che gli utili distribuiti da un soggetto non residente si presumono prioritariamente formati con quelli da considerare non provenienti da Stati o territori a regime fiscale privilegiato.

Detassazione degli utili provenienti da soggetti a fiscalità privilegiata (art. 1, co. 1009)

La Legge di Bilancio 2018 prevede che, in luogo della tassa-zione integrale, i proventi da partecipazione (o da contratti di associazione in partecipazione) provenienti da società controllate residenti o localizzate in Stati o territori a fisca-lità privilegiata – per cui la controllante dimostri che la CFC svolge un'effettiva attività industriale o commerciale, come sua principale attività, in tali territori – concorrono limitatamente al 50% alla formazione del reddito della società o dell'ente ricevente.

Resta impregiudicato il diritto riconosciuto al soggetto con-trollante – residente nel territorio dello Stato, ovvero alle sue controllate residenti percipienti gli utili – di beneficiare di un credito d'imposta in ragione delle imposte assolte all'estero sugli utili maturati dalla società partecipata du-rante il periodo di possesso della partecipazione.

Credito d'imposta per le imprese culturali e creative (art. 1, co. da 57 a 60)

La Legge di Bilancio 2018 ha previsto il riconoscimento di un credito d'imposta nella misura del 30% per i costi soste-nuti da imprese culturali e creative per attività di sviluppo, produzione e promozione di prodotti e servizi culturali e creativi.

L'agevolazione sarà attribuita nel limite di spesa di Euro 500.000 per il 2018 e di Euro 1 milione per il 2019 e per il 2020.

IMPOSTE INDIRETTE

Clausola di salvaguardia Iva – sterilizzazione delle aliquote per il 2018 (art. 1, co. 2)

Per l'anno d'imposta 2018, sono confermate:

  • l'aliquota IVA ordinaria, in misura pari al 22%;
  • l'aliquota IVA "ridotta", in misura pari al 10%.

Per il futuro, invece, viene previsto un aumento dell'aliquo-ta ordinaria pari:

  • al 24,2% a decorrere dal 1° gennaio 2019;
  • al 24,9% a decorrere dal 1° gennaio 2020;
  • al 25% a decorrere dal 1° gennaio 2021.

un aumento dell'aliquota "ridotta" pari:

  • al 11,5% a decorrere dal 1° gennaio 2019;
  • al 13% a decorrere dal 1° gennaio 2020.

Obbligo di fatturazione elettronica (art. 1, co. da 909 a 917, 920 a 923)

La Legge di Bilancio 2018 prevede la graduale estensione dell'obbligo di fatturazione elettronica a partire da luglio 2018 nel settore dei subappalti pubblici e delle cessioni di carburanti, e dal 2019 per tutte le cessioni di beni e presta-zioni di servizi effettuate tra soggetti passivi residenti, sta-biliti o identificati nel territorio dello Stato sia in ambito B2B (business to business), sia in ambito B2C (business to consumer).

Se la fattura è emessa nei confronti di privati, verrà resa disponibile al destinatario mediante i servizi telematici dell'Agenzia delle Entrate, anche se copia elettronica o ana-logica del documento verrà fornita direttamente dal sog-getto emittente.

In caso di omissione della trasmissione in formato elettro-nico, troverà applicazione la sanzione dal 90% al 180% dell'imposta non correttamente documentata (oppure da Euro 250 a Euro 2.000 se la violazione non incide sulla liquidazione dell'imposta).

  • Comunicazione delle operazioni transfrontaliere
    I dati delle cessioni di beni e delle prestazioni di servizi ef-fettuate verso soggetti non stabiliti nel territorio dello Sta-to, o ricevute da questi ultimi, non essendo ricompresi nell'obbligo di fatturazione elettronica, dovranno essere comunicati all'Agenzia delle Entrate, salvo che risultino già documentati tramite bolletta doganale o siano state emes-se o ricevute attraverso il sistema di Interscambio.

    I dati devono essere comunicati telematicamente entro l'ultimo giorno del mese successivo a quello della data del documento stesso ovvero a quello della data di ricezione del documento comprovante l'operazione.
  • Acquisti di carburante

    Dal 1° luglio 2018 viene previsto che le cessioni di benzina o gasolio destinati ad essere utilizzati come carburanti per motori devono essere documentati mediante fatturazione elettronica ove effettuate nei confronti di soggetti passivi Iva.

    Ai fini della detraibilità Iva e della deducibilità del costo, l'ac-quisto del carburante deve essere documentato con mezzi di pagamento tracciabili (in sostituzione della scheda carbu-rante).
  • Incentivi per la tracciabilità dei pagamenti - riduzione dei termini di decadenza per l'accertamento

    I termini di decadenza per l'accertamento sia ai fini Iva che delle imposte dirette sono ridotti di due anni per i soggetti passivi che garantiranno, nei modi da stabilirsi con apposito Decreto, la tracciabilità dei pagamenti ricevuti e effettuati relativi ad operazioni di ammontare superiore a Euro 500.

Abuso del diritto ed interpretazione degli atti nell'imposta di registro (art. 1, co. 87)

La Legge di Bilancio 2018 ha modificato la disciplina dell'in-terpretazione degli atti in materia di imposta di registro.

Fatto salvo il potere dell'Amministrazione finanziaria di ri-qualificare – nel rispetto dei presupposti della norma anti abuso – una pluralità di atti tra loro correlati in un'unica operazione complessivamente voluta, in ragione degli effet-ti economici degli stessi, dal 1° gennaio 2018 l'atto oggetto di registrazione sarà tassato solo sulla base del proprio con-tenuto e dei propri effetti giuridici, senza considerare ele-menti o negozi ad esso estranei.

Modalità di estrazione dal deposito fiscale di olii minerali (art.1, co. da 937 a 944)

A partire dal 1° febbraio 2018, nei casi di immissione in con-sumo di olii minerali dal deposito fiscale o di estrazione da un deposito di titolarità di un destinatario registrato, come regola generale l'imposta sul valore aggiunto dovrà essere corrisposta con utilizzo del mod. F24 e senza possibilità di compensazione.

Il versamento dovrà essere effettuato dal soggetto per con-to del quale il gestore dei predetti depositi procede ad im-mettere in consumo o ad estrarre i prodotti.

Le cessioni dei prodotti in esame, che intervengono durante la loro custodia nel deposito fiscale o nel deposito di un de-stinatario registrato, sono effettuate senza pagamento dell'Iva.

L'imposta sul valore aggiunto si applica ai prodotti introdot-ti a seguito di un acquisto intracomunitario, anche qualora il deposito fiscale di cui all'art. 23 del D.Lgs. 504/95 sia utiliz-zato come deposito Iva, eccetto il caso in cui l'immissione in consumo dal predetto deposito sia effettuata per conto di un soggetto che:

  • soddisfi i criteri di affidabilità stabiliti con apposito de-creto ministeriale, ovvero
  • presti idonea garanzia con le modalità e nei termini fissati dal medesimo decreto.

ACCISE

Stoccaggio dei prodotti energetici (art. 1, co. da 945 a 959)

In seguito all'emanazione della Legge di Bilancio, il soggetto che intenda avvalersi, per l'attività di stoccaggio di prodotti energetici dei quali non sia titolare, di un deposito fiscale o del deposito di un destinatario registrato, dovrà:

  • ottenere preventivamente un'autorizzazione dall'Agen-zia delle Dogane e dei Monopoli con validità biennale per l'esercizio di tale attività, previa presentazione di apposita istanza, ovvero
  • trasmettere, preventivamente allo svolgimento dell'at-tività, una comunicazione con validità annuale qualora il soggetto sia già titolare nel territorio dello Stato di un deposito fiscale di prodotti energetici.

L'attività di stoccaggio dei prodotti energetici dei depositi può avvenire solo successivamente all'acquisizione, da par-te dell'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, dell'atto di assenso del depositario autorizzato o del destinatario regi-strato.

Sterilizzazione dell'incremento di aliquote delle accise (art. 1, co. 2)

Viene sterilizzato, per il 2019, l'aumento dell'aliquota dell'accisa previsto dall'art. 1 co. 718 lett. c) della L. 190/2014:

  • sulla benzina;
  • sulla benzina con piombo;
  • sul gasolio usato come carburante.

Inoltre, prevede un incremento delle predette aliquote in misura tale da determinare entrate nette non inferiori a Euro 350 milioni annui a decorrere dall'anno 2020.

ACCERTAMENTO E RISCOSSIONE

Nuove scadenze fiscali (art. 1, co. 932, 933, 934)

Per il 2018 cambiano i termini "ordinari" di presentazione delle dichiarazioni fiscali:

  • il termine di presentazione del modello 730 è fissato al 23 luglio;
  • il termine di presentazione dei modelli Redditi e Irap per i soggetti il cui periodo d'imposta coincide con l'anno sola-re, è fissato al 31 ottobre; per i contribuenti con esercizio "a cavallo" trova applicazione il termine ordinario di nove mesi dalla data di chiusura dell'esercizio;
  • il termine di presentazione dei modelli 770 e CU conte-nenti esclusivamente redditi esenti o non dichiarabili me-diante la dichiarazione precompilata è fissato al 31 ottobre.

Blocco dei pagamenti delle Pubbliche Amministrazioni (art.1, co. da 986 a 989)

Vengono apportate alcune modifiche all'istituto del blocco dei pagamenti delle Pubbliche Amministrazioni disciplinato dall'art. 48-bis del D.P.R. 602/73.

Con decorrenza dal 1° marzo 2018, viene ridotta da Euro 10.000 a Euro 5.000 la soglia oltre la quale le Pubbliche Amministrazioni e le società a prevalente partecipazione pubblica, prima di effettuare i pagamenti, devono verificare se il beneficiario è inadempiente all'obbligo di versamento derivante dalla notifica di una o più cartelle di pagamento per un ammontare complessivo pari almeno a tale impor-to. Qualora la P.A. accerti un inadempimento, sospende il pagamento per i 60 giorni successivi alla comunicazione di cui sopra.

CREDITO D'IMPOSTA DEL 50% PER COSTI DI CONSULENZA SOSTENUTI DALLE PMI CHE INTENDONO QUOTARSI

L'art. 1, commi 89 a 92, della Legge di Bilancio 2018 ha in-trodotto un credito d'imposta per le PMI (definizione se-condo la raccomandazione 2003/36/CE) che a partire dal 1 gennaio 2018 iniziano una procedura di ammissione alla quotazione in un mercato regolamentato, o in sistemi mul-tilaterali di negoziazione di uno Stato membro UE o dello Spazio economico europeo.

L'agevolazione, pari al 50% dei costi di consulenza sostenu-ti sino al 31 dicembre 2020 in relazione al processo di quo-tazione e in ogni caso fino a un importo massimo di Euro 500.000, è riconosciuto solo nel caso di perfezionamento della procedura di ammissione alla quotazione.

I costi di consulenza ammissibili sono quelli sostenuti per il processo di quotazione, per tali intendendosi le consulenze specialistiche (in ambito fiscale, legale o marketing) prestate da professionisti esterni alla PMI e necessarie per valutare la fattibilità della quotazione e per sostenere la società nel cor-so di tutto il processo.

Il credito d'imposta è utilizzabile esclusivamente in compen-sazione mediante il mod. F24 (ai sensi dell'art. 17 D.Lgs. n.241/97), a decorrere dal periodo d'imposta successivo a quello in cui è stata ottenuta la quotazione.

Esso deve essere indicato nella dichiarazione dei redditi re-lativa al periodo d'imposta di maturazione del credito e nelle dichiarazioni dei redditi relative ai periodi d'imposta succes-sivi, fino a quello nel quale se ne conclude l'utilizzo.

La norma specifica che il credito d'imposta non concorre alla formazione del reddito, né alla base imponibile IRAP.

Il compito di definire le modalità e i criteri per l'attuazione dell'agevolazione è demandato a un decreto del Ministero dello sviluppo economico da emanare, di concerto con il Mi-nistro dell'economia e delle finanze, entro 120 giorni dalla data di entrata in vigore della Legge di Bilancio 2018.

PROROGHE

Rivalutazione dei terreni e delle partecipazioni (art. 1, co. 997 – 998)

La Legge di Bilancio 2018 ha prorogato la possibilità, per le persone fisiche, società semplici, enti non commerciali e soggetti non residenti privi di stabile organizzazione in Italia di rideterminare il costo o valore di acquisto delle parteci-pazioni non quotate e dei terreni, posseduti al 1° gennaio 2018.

Per usufruire della rivalutazione sarà necessario procedere al versamento (anche in tre rate) di un'imposta sostitutiva pari all' 8%.

La redazione e l'asseverazione della perizia, nonché il versa-mento dell'imposta sostitutiva dovuta (ovvero della prima rata), dovranno avvenire entro il 30 giugno 2018.

Super e iper ammortamento (art. 1, co. 29 – 36)

Super ammortamento

Viene prorogato agli investimenti agevolabili effettuati dal 1° gennaio 2018 al 31 dicembre 2018, ovvero entro il 30 giugno 2019, a condizione che entro il 31 dicembre 2018:

  • l'ordine risulti accettato dal venditore;
  • sia effettuato il pagamento di acconti in misura pari ad almeno il 20% del costo di acquisizione.

Tuttavia, nella nuova versione:

  • la maggiorazione applicata al costo di acquisizione è del 30%;
  • sono esclusi tutti i veicoli di cui all'art. 164, co. 1, del Tuir.

Iper ammortamento

La maggiorazione del 150% sul costo di acquisizione viene prorogata per gli investimenti effettuati entro il 31 dicem-bre 2018, ovvero entro il 31 dicembre 2019 a condizione che entro il 31 dicembre 2018:

  • l'ordine risulti accettato dal venditore;
  • sia effettuato il pagamento di acconti in misura pari ad almeno il 20% del costo di acquisizione.

Anche la correlata maggiorazione del 40% per gli investi-menti in beni immateriali è prorogata (ambito oggettivo di applicazione Allegato B alla L. 232/2016).

The content of this article is intended to provide a general guide to the subject matter. Specialist advice should be sought about your specific circumstances.

To print this article, all you need is to be registered on Mondaq.com.

Click to Login as an existing user or Register so you can print this article.

Authors
 
Some comments from our readers…
“The articles are extremely timely and highly applicable”
“I often find critical information not available elsewhere”
“As in-house counsel, Mondaq’s service is of great value”

Related Topics
 
Related Articles
 
Up-coming Events Search
Tools
Print
Font Size:
Translation
Channels
Mondaq on Twitter
 
Register for Access and our Free Biweekly Alert for
This service is completely free. Access 250,000 archived articles from 100+ countries and get a personalised email twice a week covering developments (and yes, our lawyers like to think you’ve read our Disclaimer).
 
Email Address
Company Name
Password
Confirm Password
Position
Mondaq Topics -- Select your Interests
 Accounting
 Anti-trust
 Commercial
 Compliance
 Consumer
 Criminal
 Employment
 Energy
 Environment
 Family
 Finance
 Government
 Healthcare
 Immigration
 Insolvency
 Insurance
 International
 IP
 Law Performance
 Law Practice
 Litigation
 Media & IT
 Privacy
 Real Estate
 Strategy
 Tax
 Technology
 Transport
 Wealth Mgt
Regions
Africa
Asia
Asia Pacific
Australasia
Canada
Caribbean
Europe
European Union
Latin America
Middle East
U.K.
United States
Worldwide Updates
Registration (you must scroll down to set your data preferences)

Mondaq Ltd requires you to register and provide information that personally identifies you, including your content preferences, for three primary purposes (full details of Mondaq’s use of your personal data can be found in our Privacy and Cookies Notice):

  • To allow you to personalize the Mondaq websites you are visiting to show content ("Content") relevant to your interests.
  • To enable features such as password reminder, news alerts, email a colleague, and linking from Mondaq (and its affiliate sites) to your website.
  • To produce demographic feedback for our content providers ("Contributors") who contribute Content for free for your use.

Mondaq hopes that our registered users will support us in maintaining our free to view business model by consenting to our use of your personal data as described below.

Mondaq has a "free to view" business model. Our services are paid for by Contributors in exchange for Mondaq providing them with access to information about who accesses their content. Once personal data is transferred to our Contributors they become a data controller of this personal data. They use it to measure the response that their articles are receiving, as a form of market research. They may also use it to provide Mondaq users with information about their products and services.

Details of each Contributor to which your personal data will be transferred is clearly stated within the Content that you access. For full details of how this Contributor will use your personal data, you should review the Contributor’s own Privacy Notice.

Please indicate your preference below:

Yes, I am happy to support Mondaq in maintaining its free to view business model by agreeing to allow Mondaq to share my personal data with Contributors whose Content I access
No, I do not want Mondaq to share my personal data with Contributors

Also please let us know whether you are happy to receive communications promoting products and services offered by Mondaq:

Yes, I am happy to received promotional communications from Mondaq
No, please do not send me promotional communications from Mondaq
Terms & Conditions

Mondaq.com (the Website) is owned and managed by Mondaq Ltd (Mondaq). Mondaq grants you a non-exclusive, revocable licence to access the Website and associated services, such as the Mondaq News Alerts (Services), subject to and in consideration of your compliance with the following terms and conditions of use (Terms). Your use of the Website and/or Services constitutes your agreement to the Terms. Mondaq may terminate your use of the Website and Services if you are in breach of these Terms or if Mondaq decides to terminate the licence granted hereunder for any reason whatsoever.

Use of www.mondaq.com

To Use Mondaq.com you must be: eighteen (18) years old or over; legally capable of entering into binding contracts; and not in any way prohibited by the applicable law to enter into these Terms in the jurisdiction which you are currently located.

You may use the Website as an unregistered user, however, you are required to register as a user if you wish to read the full text of the Content or to receive the Services.

You may not modify, publish, transmit, transfer or sell, reproduce, create derivative works from, distribute, perform, link, display, or in any way exploit any of the Content, in whole or in part, except as expressly permitted in these Terms or with the prior written consent of Mondaq. You may not use electronic or other means to extract details or information from the Content. Nor shall you extract information about users or Contributors in order to offer them any services or products.

In your use of the Website and/or Services you shall: comply with all applicable laws, regulations, directives and legislations which apply to your Use of the Website and/or Services in whatever country you are physically located including without limitation any and all consumer law, export control laws and regulations; provide to us true, correct and accurate information and promptly inform us in the event that any information that you have provided to us changes or becomes inaccurate; notify Mondaq immediately of any circumstances where you have reason to believe that any Intellectual Property Rights or any other rights of any third party may have been infringed; co-operate with reasonable security or other checks or requests for information made by Mondaq from time to time; and at all times be fully liable for the breach of any of these Terms by a third party using your login details to access the Website and/or Services

however, you shall not: do anything likely to impair, interfere with or damage or cause harm or distress to any persons, or the network; do anything that will infringe any Intellectual Property Rights or other rights of Mondaq or any third party; or use the Website, Services and/or Content otherwise than in accordance with these Terms; use any trade marks or service marks of Mondaq or the Contributors, or do anything which may be seen to take unfair advantage of the reputation and goodwill of Mondaq or the Contributors, or the Website, Services and/or Content.

Mondaq reserves the right, in its sole discretion, to take any action that it deems necessary and appropriate in the event it considers that there is a breach or threatened breach of the Terms.

Mondaq’s Rights and Obligations

Unless otherwise expressly set out to the contrary, nothing in these Terms shall serve to transfer from Mondaq to you, any Intellectual Property Rights owned by and/or licensed to Mondaq and all rights, title and interest in and to such Intellectual Property Rights will remain exclusively with Mondaq and/or its licensors.

Mondaq shall use its reasonable endeavours to make the Website and Services available to you at all times, but we cannot guarantee an uninterrupted and fault free service.

Mondaq reserves the right to make changes to the services and/or the Website or part thereof, from time to time, and we may add, remove, modify and/or vary any elements of features and functionalities of the Website or the services.

Mondaq also reserves the right from time to time to monitor your Use of the Website and/or services.

Disclaimer

The Content is general information only. It is not intended to constitute legal advice or seek to be the complete and comprehensive statement of the law, nor is it intended to address your specific requirements or provide advice on which reliance should be placed. Mondaq and/or its Contributors and other suppliers make no representations about the suitability of the information contained in the Content for any purpose. All Content provided "as is" without warranty of any kind. Mondaq and/or its Contributors and other suppliers hereby exclude and disclaim all representations, warranties or guarantees with regard to the Content, including all implied warranties and conditions of merchantability, fitness for a particular purpose, title and non-infringement. To the maximum extent permitted by law, Mondaq expressly excludes all representations, warranties, obligations, and liabilities arising out of or in connection with all Content. In no event shall Mondaq and/or its respective suppliers be liable for any special, indirect or consequential damages or any damages whatsoever resulting from loss of use, data or profits, whether in an action of contract, negligence or other tortious action, arising out of or in connection with the use of the Content or performance of Mondaq’s Services.

General

Mondaq may alter or amend these Terms by amending them on the Website. By continuing to Use the Services and/or the Website after such amendment, you will be deemed to have accepted any amendment to these Terms.

These Terms shall be governed by and construed in accordance with the laws of England and Wales and you irrevocably submit to the exclusive jurisdiction of the courts of England and Wales to settle any dispute which may arise out of or in connection with these Terms. If you live outside the United Kingdom, English law shall apply only to the extent that English law shall not deprive you of any legal protection accorded in accordance with the law of the place where you are habitually resident ("Local Law"). In the event English law deprives you of any legal protection which is accorded to you under Local Law, then these terms shall be governed by Local Law and any dispute or claim arising out of or in connection with these Terms shall be subject to the non-exclusive jurisdiction of the courts where you are habitually resident.

You may print and keep a copy of these Terms, which form the entire agreement between you and Mondaq and supersede any other communications or advertising in respect of the Service and/or the Website.

No delay in exercising or non-exercise by you and/or Mondaq of any of its rights under or in connection with these Terms shall operate as a waiver or release of each of your or Mondaq’s right. Rather, any such waiver or release must be specifically granted in writing signed by the party granting it.

If any part of these Terms is held unenforceable, that part shall be enforced to the maximum extent permissible so as to give effect to the intent of the parties, and the Terms shall continue in full force and effect.

Mondaq shall not incur any liability to you on account of any loss or damage resulting from any delay or failure to perform all or any part of these Terms if such delay or failure is caused, in whole or in part, by events, occurrences, or causes beyond the control of Mondaq. Such events, occurrences or causes will include, without limitation, acts of God, strikes, lockouts, server and network failure, riots, acts of war, earthquakes, fire and explosions.

By clicking Register you state you have read and agree to our Terms and Conditions