Italy: La Clausola Di Vincolo Nelle Polizze Assicurative: Una Interessante Pronuncia Della Corte D’Appello Di Napoli Sulle Implicazioni Di Natura Processuale

The binding clause in the bond insurance policies: an interesting decision by the Court of Appeal of Naples on the implications of a procedural nature.

Le coperture assicurative corpi e property nel mercato italiano presentano una fattispecie che ricorre con particolare frequenza e che spesso determina contenziosi, come quella della polizza stipulata dal conduttore che abbia la disponibilità del bene per effetto di un contratto di leasing o dal proprietario dell'immobile acquistato con finanziamento/mutuo gravato da ipoteca.

In tal caso possono spesso verificarsi problemi nell'individuazione del soggetto assicurato e legittimato ad agire per il conseguimento dell'indennizzo, soprattutto in presenza di pattuizioni in base alle quali l'utilizzatore "a salvaguardia di ogni suo interesse, anche se in comune con il concedente, dovrà in proprio e a sue spese coltivare ogni opportuna iniziativa, anche in sede processuale, perché siano tempestivamente tutelati nei confronti di qualsiasi terzo ragioni e diritti aventi ad oggetto il bene".

Il problema viene generalmente risolto attraverso la pattuizione di una clausola o appendice "di vincolo", che attribuisce al finanziatore della somma utilizzata per l'acquisto del bene assicurato il diritto di soddisfarsi, nel caso di perdita del bene, sull'eventuale indennità dovuta dall'assicuratore1.

In tal caso, secondo un consolidato orientamento giurisprudenziale, si crea un collegamento diretto tra il contratto di assicurazione ed il contratto di finanziamento, in forza del quale il finanziatore non assume la qualità di assicurato (giacché a suo favore non è stipulata la polizza), ma può pretendere di percepire l'indennizzo in luogo dell'utilizzatore-contraente assicurato.

Sono infatti numerose le decisioni che hanno ribadito che l'esistenza di un'appendice di vincolo in favore del finanziatore o creditore ipotecario non determina affatto due distinte situazioni contrattuali2, ma determina una legittimazione attiva esclusiva in capo all'istituto finanziatore,3 al punto che questo ha l'onere di attivarsi, nei confronti della compagnia assicuratrice, per ottenere l'indennizzo assicurativo che il conduttore non può chiedere direttamente.

La legittimazione in capo al conduttore o proprietario, ad agire per il conseguimento dell'indennizzo assicurativo, può poi configurarsi qualora lo stesso agisca in qualità di contraente di polizza, e si munisca ex art. 1891 secondo comma c.c. del consenso del finanziatore/concedente.

In tal caso, evidentemente, va valutata da parte dell'assicuratore l'effettiva esistenza di tale consenso, accertando in particolare se esso abbia la natura e la forma richiesta dalla legge, in quanto il versamento dell'indennizzo in favore del contraente, in mancanza di un effettivo consenso dell'assicurato, espone al rischio che quest'ultimo chieda la liquidazione del danno esercitando un diritto mai abbandonato o ceduto.

Sul punto merita attenzione una recentissima sentenza della Corte d'Appello di Napoli (n. 3544/2014 depositata in data 8 agosto 2014) con particolare riguardo alle implicazioni e alle conseguenze di natura processuale che le indicate clausole comportano.

Il contesto processuale affermatosi in primo grado era quello di un'azione risarcitoria promossa dall'utilizzatore/conduttore di un'imbarcazione (acquistata in leasing con un primario istituito di credito) nei confronti della compagnia assicurativa, per l'ottenimento dell'indennizzo assicurativo pari al valore dell'imbarcazione oggetto di furto.

La compagnia assicurativa aveva eccepito la carenza di legittimazione attiva del conduttore assicurato, ritenendo sussistente la stessa unicamente in capo al soggetto vincolatario, che alcun consenso aveva espresso (rectius: risultava aver espresso) sul pagamento diretto all'utilizzatore del bene.

Solo nel corso dell'ultima udienza del giudizio (quindi oltre i termini di rito previsti per l'articolazione delle istanze istruttorie) si è registrato l'intervento in causa dell'istituto di credito finanziatore e vincolatario di polizza, che ha confermato la propria adesione/consenso al versamento dell'indennizzo assicurativo all'utilizzatore del bene.

Il Tribunale partenopeo ha in primis qualificato (dato processuale di non poco conto) come "eccezione rilevabile d'ufficio" in ogni fase e grado del procedimento quella relativa alla legittimazione attiva del conduttore dell'imbarcazione in relazione alla domanda azionata nei confronti della compagnia: "deve ritenersi che l'accertamento circa la titolarità, in capo al mero conduttore di un bene in leasing, della facoltà di esercitare la presente azione di risarcimento, costituisce un accertamento suscettibile di essere effettuato anche d'ufficio".

In secondo luogo (determinazione decisiva ai fini della lite), il Giudice ha rilevato che la presenza agli atti di una clausola di vincolo in favore dell'istituto concedente "lascia chiaramente intendere che il conduttore non sia legittimato, per effetto della predetta clausola, all'esercizio dell'azione derivante dal rapporto assicurativo".

A nulla è valso il fatto che l'istituto concedente fosse intervenuto in giudizio a sostegno della domanda attorea, in quanto tale intervento (e la contestuale produzione documentale attestante il consenso prestato) si era attuato solo nell'ultima udienza del procedimento, quando ormai risultavano superati i termini di rito per le produzioni documentali. La decisione è stata pertanto assunta dal Giudice "allo stato degli atti, con riferimento ai soli documenti acquisiti al giudizio", determinando così la reiezione della domanda attore per carenza di legittimazione attiva.

La sentenza indicata è stata quindi impugnata innanzi alla Corte d'Appello di Napoli che, riformando quanto stabilito dal Giudice di primo grado, ha meglio chiarito la natura e l'estensione della clausola di vincolo suindicata, soffermandosi in particolare sulle conseguenze di natura procedurale e sui requisiti richiesti al consenso espresso dal vincolatario.

In primo luogo è stato confermato il difetto di legittimatio ad causam come questione rilevabile d'ufficio dal giudice in ogni fase e grado del procedimento, attenendo alla verifica della regolarità processuale del contraddittorio secondo la stessa prospettazione offerta dall'attore, essendo peraltro chiaro il contenuto della clausola di vincolo nelle produzioni di polizza.

La novità interessante – che ha portato alla riforma della sentenza di primo grado, piuttosto intransigente sul punto – è quella relativa al superamento del termini processuali in senso stretto e ai requisiti (oltre che alle caratteristiche) che il consenso dell'assicurato deve possedere ai sensi dell'art. 1891 c.c.

Rileva la Corte che "il primo giudice ha fermato la propria attenzione sul dato processuale, vale a dire il momento in cui quell'intervento era avvenuto (l'udienza di precisazione delle conclusioni) e sulle connesse preclusioni istruttorie; ma così facendo, ad avviso di questa Corte, ha omesso di considerare il dato sostanziale rappresentato dal consenso espresso manifestato dall'assicurato a che il contraente esercitasse i diritti scaturenti dall'assicurazione ai sensi dell'art. 1891 secondo comma c.c.".

Prosegue ancora la decisione, precisando che "il consenso richiesto dalla norma in questione non esige una formale procura diretta a conferire la rappresentanza processuale, ma implica solo che l'assicurato abbia espresso il proprio consenso anche implicitamente, purchè in modo idoneo a rivelare univocamente la volontà del soggetto".

Non solo, viene altresì specificato che tale consenso non deve necessariamente essere indirizzato all'assicuratore e che pertanto "nulla impedisce che la stessa manifestazione del consenso sia ravvisabile anche in una dichiarazione resa al contraente della polizza, il quale risulterebbe conseguentemente legittimato, in base a tale presupposto ad esercitare i predetti diritti derivanti dal contratto".

In altre parole, e come emerge chiaramente dalle motivazioni, la Corte ha dato rilievo assorbente al dato sostanziale che il consenso della vincolataria era comunque intervenuto prima della decisione, seppur oltre il termine per le preclusioni istruttorie, non ritenendo necessari a configurare tale consenso né formalità particolari,  né che lo stesso fosse documentato al momento della proposizione della domanda.

Sul punto specifico la decisione è priva di richiami giurisprudenziali, ma rappresenta comunque un pronunciamento rilevante sia in relazione alla mancanza di forma alcuna richiesta al consenso di cui all'art. 1891 c.c., sia per quanto riguarda il superamento dei barrages procedurali per la prova di tale consenso.

Sul primo aspetto, la tesi sostenuta dalla Corte, che si spinge sino a rilevare sia sufficiente un consenso espresso implicitamente ("il consenso richiesto dalla norma in questione...implica solo che l'assicurato abbia espresso il proprio consenso anche implicitamente") appare obiettivamente eccessiva, e si pone peraltro in contrasto con quanto ribadito dalla Suprema Corte in diverse circostanze. Si veda sul punto, Cass. 16/04/2007, n. 9053 R.C. c. AUSL Cesena secondo cui "In tema di assicurazione per conto altrui o per conto di chi spetta,  l'art. 1891, comma secondo, cod. civ., nel prescrivere che ai fini dell'esercizio dei diritti derivanti da detto contratto da parte del contraente è richiesto che l'assicurato abbia espresso in proposito il proprio consenso, implica che tale consenso non può essere validamente manifestato attraverso un comportamento che si attui secondo modalità diverse da una dichiarazione esplicita"4.

Si aggiunga che la stessa valutazione del consenso "implicitamente espresso" potrebbe determinare non pochi problemi interpretativi, in particolare per le compagnie assicurative chiamate a liquidare l'avente diritto, che esigono un consenso chiaro ed esplicito - e ad essi indirizzato - al pagamento ad un soggetto diverso.

Per quanto invece riguarda la prova di tale consenso nel corso del procedimento e il superamento dei limiti temporali per le preclusioni istruttorie, la pronuncia sembra supportare un orientamento sempre più consolidato nella giurisprudenza di merito e di legittimità, secondo cui la legitimatio ad causam attenendo non ai presupposti del processo ma alle condizioni dell'azione, è sufficiente che sussista al momento della decisione.

In definitiva, in tutti i contenziosi in essere in cui si contesti (spesso per effetto di eccezioni specifiche espresse sul punto dalle compagnie resistenti) la legittimazione del soggetto agente per effetto di clausole di vincolo presenti in polizza, un eventuale intervento in causa del soggetto vincolatario (o comunque legittimato ai sensi di polizza), adesivo rispetto alla domanda formulata dal contraente, purché effettuato prima della pronuncia della decisione, avrebbe l'effetto di escluderebbe ogni rischio di reiezione della domanda perché proposta da un soggetto non legittimato, "correggendo il tiro" rispetto ad una richiesta originariamente azionata senza i necessari requisiti.

Footnotes

1 Le formule utilizzate nella prassi possono essere varie, partendo dalle clausole più semplici che attribuiscono una sorta di "diritto di veto" al beneficiario della pattuizione, sino a quelle più articolate che impongono il pagamento in favore del vincolatario. Sulla varietà di clausole si veda: Trib. Roma 18.09.1995 in Riv. Circ. e Trasp., 1995, 778

2 Trib. Trieste, 16.12.2013 con nota di Tereza Pertot in Nuova giurisprudenza civile commentata

3 Appello Milano, 27 febbraio 2001, Mercantile leasing c. Fin One, in Nuova giur. civ., 2001, I, pag. 604, n. CHINDEMI.

4 Sulla stessa linea Cassazione 7 dicembre 1995, n. 12593 secondo cui è sufficiente che tale consenso sia univocamente manifestato: «ciò, se esclude sia sufficiente un consenso implicito o solo presupposto, non si traduce, comunque, nella necessità che esso sia incorporato in una dichiarazione che lo specifichi formalmente, potendo risultare che da comportamenti ulteriori e diversi che lo esplicitino, attestandone direttamente l'esistenza ancorché senza l'impiego di formule sacramentali

The content of this article is intended to provide a general guide to the subject matter. Specialist advice should be sought about your specific circumstances.

To print this article, all you need is to be registered on Mondaq.com.

Click to Login as an existing user or Register so you can print this article.

Authors
 
Some comments from our readers…
“The articles are extremely timely and highly applicable”
“I often find critical information not available elsewhere”
“As in-house counsel, Mondaq’s service is of great value”

Related Topics
 
Related Articles
 
Up-coming Events Search
Tools
Print
Font Size:
Translation
Channels
Mondaq on Twitter
 
Register for Access and our Free Biweekly Alert for
This service is completely free. Access 250,000 archived articles from 100+ countries and get a personalised email twice a week covering developments (and yes, our lawyers like to think you’ve read our Disclaimer).
 
Email Address
Company Name
Password
Confirm Password
Position
Mondaq Topics -- Select your Interests
 Accounting
 Anti-trust
 Commercial
 Compliance
 Consumer
 Criminal
 Employment
 Energy
 Environment
 Family
 Finance
 Government
 Healthcare
 Immigration
 Insolvency
 Insurance
 International
 IP
 Law Performance
 Law Practice
 Litigation
 Media & IT
 Privacy
 Real Estate
 Strategy
 Tax
 Technology
 Transport
 Wealth Mgt
Regions
Africa
Asia
Asia Pacific
Australasia
Canada
Caribbean
Europe
European Union
Latin America
Middle East
U.K.
United States
Worldwide Updates
Registration (you must scroll down to set your data preferences)

Mondaq Ltd requires you to register and provide information that personally identifies you, including your content preferences, for three primary purposes (full details of Mondaq’s use of your personal data can be found in our Privacy and Cookies Notice):

  • To allow you to personalize the Mondaq websites you are visiting to show content ("Content") relevant to your interests.
  • To enable features such as password reminder, news alerts, email a colleague, and linking from Mondaq (and its affiliate sites) to your website.
  • To produce demographic feedback for our content providers ("Contributors") who contribute Content for free for your use.

Mondaq hopes that our registered users will support us in maintaining our free to view business model by consenting to our use of your personal data as described below.

Mondaq has a "free to view" business model. Our services are paid for by Contributors in exchange for Mondaq providing them with access to information about who accesses their content. Once personal data is transferred to our Contributors they become a data controller of this personal data. They use it to measure the response that their articles are receiving, as a form of market research. They may also use it to provide Mondaq users with information about their products and services.

Details of each Contributor to which your personal data will be transferred is clearly stated within the Content that you access. For full details of how this Contributor will use your personal data, you should review the Contributor’s own Privacy Notice.

Please indicate your preference below:

Yes, I am happy to support Mondaq in maintaining its free to view business model by agreeing to allow Mondaq to share my personal data with Contributors whose Content I access
No, I do not want Mondaq to share my personal data with Contributors

Also please let us know whether you are happy to receive communications promoting products and services offered by Mondaq:

Yes, I am happy to received promotional communications from Mondaq
No, please do not send me promotional communications from Mondaq
Terms & Conditions

Mondaq.com (the Website) is owned and managed by Mondaq Ltd (Mondaq). Mondaq grants you a non-exclusive, revocable licence to access the Website and associated services, such as the Mondaq News Alerts (Services), subject to and in consideration of your compliance with the following terms and conditions of use (Terms). Your use of the Website and/or Services constitutes your agreement to the Terms. Mondaq may terminate your use of the Website and Services if you are in breach of these Terms or if Mondaq decides to terminate the licence granted hereunder for any reason whatsoever.

Use of www.mondaq.com

To Use Mondaq.com you must be: eighteen (18) years old or over; legally capable of entering into binding contracts; and not in any way prohibited by the applicable law to enter into these Terms in the jurisdiction which you are currently located.

You may use the Website as an unregistered user, however, you are required to register as a user if you wish to read the full text of the Content or to receive the Services.

You may not modify, publish, transmit, transfer or sell, reproduce, create derivative works from, distribute, perform, link, display, or in any way exploit any of the Content, in whole or in part, except as expressly permitted in these Terms or with the prior written consent of Mondaq. You may not use electronic or other means to extract details or information from the Content. Nor shall you extract information about users or Contributors in order to offer them any services or products.

In your use of the Website and/or Services you shall: comply with all applicable laws, regulations, directives and legislations which apply to your Use of the Website and/or Services in whatever country you are physically located including without limitation any and all consumer law, export control laws and regulations; provide to us true, correct and accurate information and promptly inform us in the event that any information that you have provided to us changes or becomes inaccurate; notify Mondaq immediately of any circumstances where you have reason to believe that any Intellectual Property Rights or any other rights of any third party may have been infringed; co-operate with reasonable security or other checks or requests for information made by Mondaq from time to time; and at all times be fully liable for the breach of any of these Terms by a third party using your login details to access the Website and/or Services

however, you shall not: do anything likely to impair, interfere with or damage or cause harm or distress to any persons, or the network; do anything that will infringe any Intellectual Property Rights or other rights of Mondaq or any third party; or use the Website, Services and/or Content otherwise than in accordance with these Terms; use any trade marks or service marks of Mondaq or the Contributors, or do anything which may be seen to take unfair advantage of the reputation and goodwill of Mondaq or the Contributors, or the Website, Services and/or Content.

Mondaq reserves the right, in its sole discretion, to take any action that it deems necessary and appropriate in the event it considers that there is a breach or threatened breach of the Terms.

Mondaq’s Rights and Obligations

Unless otherwise expressly set out to the contrary, nothing in these Terms shall serve to transfer from Mondaq to you, any Intellectual Property Rights owned by and/or licensed to Mondaq and all rights, title and interest in and to such Intellectual Property Rights will remain exclusively with Mondaq and/or its licensors.

Mondaq shall use its reasonable endeavours to make the Website and Services available to you at all times, but we cannot guarantee an uninterrupted and fault free service.

Mondaq reserves the right to make changes to the services and/or the Website or part thereof, from time to time, and we may add, remove, modify and/or vary any elements of features and functionalities of the Website or the services.

Mondaq also reserves the right from time to time to monitor your Use of the Website and/or services.

Disclaimer

The Content is general information only. It is not intended to constitute legal advice or seek to be the complete and comprehensive statement of the law, nor is it intended to address your specific requirements or provide advice on which reliance should be placed. Mondaq and/or its Contributors and other suppliers make no representations about the suitability of the information contained in the Content for any purpose. All Content provided "as is" without warranty of any kind. Mondaq and/or its Contributors and other suppliers hereby exclude and disclaim all representations, warranties or guarantees with regard to the Content, including all implied warranties and conditions of merchantability, fitness for a particular purpose, title and non-infringement. To the maximum extent permitted by law, Mondaq expressly excludes all representations, warranties, obligations, and liabilities arising out of or in connection with all Content. In no event shall Mondaq and/or its respective suppliers be liable for any special, indirect or consequential damages or any damages whatsoever resulting from loss of use, data or profits, whether in an action of contract, negligence or other tortious action, arising out of or in connection with the use of the Content or performance of Mondaq’s Services.

General

Mondaq may alter or amend these Terms by amending them on the Website. By continuing to Use the Services and/or the Website after such amendment, you will be deemed to have accepted any amendment to these Terms.

These Terms shall be governed by and construed in accordance with the laws of England and Wales and you irrevocably submit to the exclusive jurisdiction of the courts of England and Wales to settle any dispute which may arise out of or in connection with these Terms. If you live outside the United Kingdom, English law shall apply only to the extent that English law shall not deprive you of any legal protection accorded in accordance with the law of the place where you are habitually resident ("Local Law"). In the event English law deprives you of any legal protection which is accorded to you under Local Law, then these terms shall be governed by Local Law and any dispute or claim arising out of or in connection with these Terms shall be subject to the non-exclusive jurisdiction of the courts where you are habitually resident.

You may print and keep a copy of these Terms, which form the entire agreement between you and Mondaq and supersede any other communications or advertising in respect of the Service and/or the Website.

No delay in exercising or non-exercise by you and/or Mondaq of any of its rights under or in connection with these Terms shall operate as a waiver or release of each of your or Mondaq’s right. Rather, any such waiver or release must be specifically granted in writing signed by the party granting it.

If any part of these Terms is held unenforceable, that part shall be enforced to the maximum extent permissible so as to give effect to the intent of the parties, and the Terms shall continue in full force and effect.

Mondaq shall not incur any liability to you on account of any loss or damage resulting from any delay or failure to perform all or any part of these Terms if such delay or failure is caused, in whole or in part, by events, occurrences, or causes beyond the control of Mondaq. Such events, occurrences or causes will include, without limitation, acts of God, strikes, lockouts, server and network failure, riots, acts of war, earthquakes, fire and explosions.

By clicking Register you state you have read and agree to our Terms and Conditions