United States: Decreto Legge 17 Febbraio 2017 N. 13 – Disposizioni Urgenti Per L'accelerazione Dei Procedimenti In Materia Di Protezione Internazionale, Nonché Per Il Contrasto All'immigrazione Illegale

Il Decreto n. 13/2017, entrato in vigore lo scorso 18 febbraio, è in procinto di essere convertito in legge. Con questo intervento normativo il Governo ha cercato di rispondere alla situazione emergenziale relativa alla imponente crescita delle domande di protezione internazionale dovute all'esponenziale aumento del fenomeno migratorio. Questo obiettivo è stato perseguito attraverso l'introduzione di alcune fondamentali novità relative ad aspetti procedurali ed organizzativi della normativa in materia di protezione internazionale. Il procedimento di conversione in legge del Decreto in esame è caratterizzato da forti contrasti in merito alla natura ed alla portata delle novità introdotte dalla riforma.

A) L' ISTITUZIONE DELLE SEZIONI SPECIALIZZATE

1. Nel Capo I del Decreto n. 13/2017 è prevista l'istituzione, presso 14 Tribunali Ordinari, di sezioni specializzate in materia di immigrazione, protezione internazionale e libera circolazione dei cittadini dell'Unione europea. I magistrati che andranno a comporre tali sezioni – come sancito all'articolo 2 - dovranno essere scelti dal CSM tra soggetti dotati di specifiche competenze e dovranno essere continuamente aggiornati in relazione alla materia in esame attraverso la partecipazione ad appositi corsi organizzati dalla Scuola Superiore della Magistratura.

Per quanto concerne la competenza attribuita dal Legislatore a queste sezioni specializzate, il Decreto distingue rispettivamente - agli articoli 3 e 4 - la competenza per materia e quella per territorio. In relazione alla prima (Art. 3), si evidenzia la portata particolarmente settoriale della competenza attribuita alle nuove sezioni. In particolare, tali sezioni saranno competenti a giudicare in merito alle controversie in materia di: a) mancato riconoscimento del diritto di soggiorno a cittadini europei; b) impugnazione del provvedimento di allontanamento – per motivi di pubblica sicurezza - di cittadini europei; c) riconoscimento della protezione internazionale; d) riconoscimento della protezione umanitaria; e) diniego del nulla osta al ricongiungimento familiare.

La competenza territoriale è invece disciplinata dall'art. 4. In base a tale disposizione la competenza si individua nel luogo in cui ha sede l'autorità che ha adottato il provvedimento impugnato ovvero nel luogo in cui ha sede la struttura di accoglienza governativa o il sistema di protezione.

Il criterio di attribuzione è diverso a seconda delle sezioni. Infatti, per le sezioni istituite presso i Tribunali di Bologna, Catania, Catanzaro, Firenze, Lecce, Palermo, Napoli, Roma, Torino e Venezia, è pluridistrettuale, nel senso che tali sezioni saranno competenti a giudicare in merito a controversie sorte al di fuori del distretto di Corte d'Appello di riferimento. Per le sezioni istituite presso i Tribunali di Bari, Brescia, Cagliari e Milano invece la competenza è distrettuale, limitandosi al distretto di Corte d'Appello di appartenenza.

2. Numerose sono state le critiche mosse da vari esponenti - istituzionali e non - in merito all'istituzione delle sezioni specializzate in esame. In primis, occorre richiamare il Parere del CSM reso con Delibera del 15 marzo 2017 ("Parere CSM"), richiesto dal Ministro della Giustizia, ai sensi dell'art. 10 della legge 24 marzo 1958, n. 195. La conversione del Decreto n. 13/2017 dovrà tenere conto delle perplessità avanzate dal Parere CSM, al fine di non esporre la legge di conversione a profili di contrasto con la Costituzione e con le norme sovranazionali in materia.

Il CSM si è espresso in maniera chiara in relazione alla non conformità delle norme disposte dal Capo I del Decreto in analisi con il principio generale di "prossimità del giudice naturale". Vertendo le controversie attribuite alla competenza delle neo-istituite sezioni specializzate in materia di status e diritti della persona, non si dovrebbe consentire la trattazione di cause sorte lontano dal luogo in cui si verificano le fattispecie dalle quali scaturisce il diritto dell'individuo di rivolgersi all'autorità giurisdizionale. A tal fine il CSM ha pertanto suggerito di estendere il numero delle sezioni specializzate.

La parte finale dell'articolo 1 del Decreto n. 13/2017 prevede che l'istituzione delle nuove sezioni dovrà avvenire "senza oneri aggiuntivi per la finanza pubblica né incrementi di dotazioni organiche"; pertanto, quanto sopra porterà inevitabilmente ad un ulteriore aggravamento della situazione (già difficile) della giustizia civile che si ritroverebbe oberata dalla ingente mole di ricorsi e priva dei mezzi - finanziari e di personale – idonei a garantire una tutela efficiente ed adeguata.

B. LA NUOVA DISCIPLINA PROCESSUALE APPLICABILE E L'ELIMINAZIONE DELL'APPELLO

1. Un passaggio rilevante del Decreto in esame è contenuto nell'art. 6 che, modificando alcune disposizioni del decreto legislativo 28 gennaio 2008, n. 25 (Attuazione della direttiva 2005/85/CE recante norme minime per le procedure applicate negli Stati membri ai fini del riconoscimento e della revoca dello 'status' di rifugiato) ha previsto delle novità nel panorama del processo civile italiano. In particolare, l'articolo 6 comma 1, lett. g) sancisce che – ove non diversamente disposto – la normativa applicabile alle controversie in materia di impugnazione dei provvedimenti di diniego delle domande di protezione internazionale sarà quella sancita dagli artt. 737 e seguenti del c.p.c.

Si passa, quindi, dal rito sommario di cognizione previsto dall'art. 19 del d.lgs. n. 150/2011, abrogato dall'articolo 7 del Decreto n. 13/2017, al rito camerale a contradditorio scritto ed udienza eventuale.

2. A tal riguardo, occorre necessariamente richiamare quanto disposto dalla Corte Costituzionale (Ordinanza n. 35/2002) che, con specifico riferimento al rito camerale ha affermato: "la procedura camerale, quando sia prevista senza l'imposizione di specifiche limitazioni del contraddittorio, non viola di per sé il diritto di difesa, e l'adottarla in vista della esigenza di speditezza e semplificazione delle forme processuali è una scelta che solo il legislatore, avuto riguardo agli interessi coinvolti, può compiere e che sfugge al sindacato di questa Corte salvo che non si risolva nella violazione di specifici precetti costituzionali e non sia viziata da irragionevolezza".

Lo scopo dell'Esecutivo sembra essere quello della semplificazione dei procedimenti giurisdizionali in materia; tuttavia l'applicazione della summenzionata tipologia rituale alle controversie in materia di protezione internazionale non può che suscitare dubbi di legittimità.

Infatti, le controversie in esame sono incentrate su diritti soggettivi fondamentali, costituzionalmente protetti, quali ad esempio il diritto alla vita, dignità e salute.

Al riguardo appare opportuno evidenziare quanto affermato il 7 marzo 2017 dinanzi alle Commissioni Affari costituzionali e Giustizia del Senato. In particolare, nel corso di tale audizione, è stato sostenuto che il nuovo regime processuale risulta in contrasto con l'articolo 6 della Carta Europea dei Diritti dell'Uomo 8 ("CEDU"), che sancisce il "diritto ad un equo processo".

Pertanto, dal momento che "nell'intero arco della procedura giudiziaria non vi è alcuna fase in cui - fatte salve le eccezioni di cui al comma 10 dell'art. 6- il richiedente protezione internazionale ha, non la semplice possibilità rimessa all'apprezzamento discrezionale del giudicante, ma il diritto di comparire davanti al suo giudice" (cfr. Parere A. Cosentino 7/3/2017) la normativa in commento potrebbe non conciliarsi con le esigenze di tutela che tali fattispecie meriterebbero.

3. I sollevati dubbi appaiono ancora più fondati se si considera che il Decreto n. 13/2017, all'articolo 6 comma 13, prevede l'eliminazione della possibilità di impugnare dinnanzi alla Corte di Appello il Decreto di rigetto del ricorso dell'interessato. Come confermato anche dal Parere del CSM, il suesposto regime processuale unito alla cancellazione di un grado di merito comporta una eccessiva compressione dei diritti individuali.

L'eliminazione del secondo grado di giudizio risulterebbe infatti in evidente contrasto con la natura dei procedimenti relativi all'accertamento dello status di rifugiato (et similia).

Infatti, nucleo fondamentale di queste procedure è proprio l'accertamento del fatto, in merito al quale la Direttiva 2013/32/UE pone a carico del giudice particolari oneri istruttori, stante la "debolezza" della capacità in tal senso del soggetto ricorrente.

Pertanto, dal momento che, come è noto, dinanzi alla Cassazione è preclusa ogni valutazione in merito alle circostanze fattuali, nei nuovi procedimenti ex D.L. n. 13/2017, sarebbe impedita al ricorrente ogni possibilità di contestazione di eventuali errori del giudice di primo grado in merito ai fatti di causa.

Inoltre, l'abolizione del grado d'appello per tali procedimenti, arrecherebbe gravi conseguenze organizzative e funzionali in capo alla Corte di Cassazione dinnanzi alla quale confluirebbero un gran numero di ricorsi.

C. LE NOVITA' IN MATERIA DI AUDIZIONE

L'articolo 6 comma 1 lett. c) del Decreto n. 13 /2017 introduce una interessante novità in merito alla audizione personale del richiedente la protezione internazionale dinnanzi alle Commissioni Territoriali competenti. Infatti, la lett. c) prevede che l'audizione si svolga attraverso la videoregistrazione del colloquio che sarà poi trascritto in lingua italiana.

Il comma 5 dell'articolo in esame, dispone che la suddetta registrazione verrà messa a disposizione dell'autorità giurisdizionale.

Con particolare riguardo a quanto esposto nel paragrafo precedente, si evidenzia come il Legislatore abbia cercato di sopperire alla quasi completa mancanza di comparizione del ricorrente dinnanzi all'autorità giudiziaria, attraverso un mezzo che risulta invero poco idoneo a garantire il diritto alla difesa.

Infatti, la semplice possibilità del giudice di consultare quanto il richiedente ha esposto di fronte alla Commissione Territoriale, non è paragonabile ad un vero contraddittorio dove la parte, in udienza dinanzi al giudice, può effettivamente esercitare il suo diritto alla difesa.

The content of this article is intended to provide a general guide to the subject matter. Specialist advice should be sought about your specific circumstances.

To print this article, all you need is to be registered on Mondaq.com.

Click to Login as an existing user or Register so you can print this article.

Authors
 
In association with
Up-coming Events Search
Tools
Print
Font Size:
Translation
Channels
Mondaq on Twitter
 
Register for Access and our Free Biweekly Alert for
This service is completely free. Access 250,000 archived articles from 100+ countries and get a personalised email twice a week covering developments (and yes, our lawyers like to think you’ve read our Disclaimer).
 
Email Address
Company Name
Password
Confirm Password
Position
Mondaq Topics -- Select your Interests
 Accounting
 Anti-trust
 Commercial
 Compliance
 Consumer
 Criminal
 Employment
 Energy
 Environment
 Family
 Finance
 Government
 Healthcare
 Immigration
 Insolvency
 Insurance
 International
 IP
 Law Performance
 Law Practice
 Litigation
 Media & IT
 Privacy
 Real Estate
 Strategy
 Tax
 Technology
 Transport
 Wealth Mgt
Regions
Africa
Asia
Asia Pacific
Australasia
Canada
Caribbean
Europe
European Union
Latin America
Middle East
U.K.
United States
Worldwide Updates
Check to state you have read and
agree to our Terms and Conditions

Terms & Conditions and Privacy Statement

Mondaq.com (the Website) is owned and managed by Mondaq Ltd and as a user you are granted a non-exclusive, revocable license to access the Website under its terms and conditions of use. Your use of the Website constitutes your agreement to the following terms and conditions of use. Mondaq Ltd may terminate your use of the Website if you are in breach of these terms and conditions or if Mondaq Ltd decides to terminate your license of use for whatever reason.

Use of www.mondaq.com

You may use the Website but are required to register as a user if you wish to read the full text of the content and articles available (the Content). You may not modify, publish, transmit, transfer or sell, reproduce, create derivative works from, distribute, perform, link, display, or in any way exploit any of the Content, in whole or in part, except as expressly permitted in these terms & conditions or with the prior written consent of Mondaq Ltd. You may not use electronic or other means to extract details or information about Mondaq.com’s content, users or contributors in order to offer them any services or products which compete directly or indirectly with Mondaq Ltd’s services and products.

Disclaimer

Mondaq Ltd and/or its respective suppliers make no representations about the suitability of the information contained in the documents and related graphics published on this server for any purpose. All such documents and related graphics are provided "as is" without warranty of any kind. Mondaq Ltd and/or its respective suppliers hereby disclaim all warranties and conditions with regard to this information, including all implied warranties and conditions of merchantability, fitness for a particular purpose, title and non-infringement. In no event shall Mondaq Ltd and/or its respective suppliers be liable for any special, indirect or consequential damages or any damages whatsoever resulting from loss of use, data or profits, whether in an action of contract, negligence or other tortious action, arising out of or in connection with the use or performance of information available from this server.

The documents and related graphics published on this server could include technical inaccuracies or typographical errors. Changes are periodically added to the information herein. Mondaq Ltd and/or its respective suppliers may make improvements and/or changes in the product(s) and/or the program(s) described herein at any time.

Registration

Mondaq Ltd requires you to register and provide information that personally identifies you, including what sort of information you are interested in, for three primary purposes:

  • To allow you to personalize the Mondaq websites you are visiting.
  • To enable features such as password reminder, newsletter alerts, email a colleague, and linking from Mondaq (and its affiliate sites) to your website.
  • To produce demographic feedback for our information providers who provide information free for your use.

Mondaq (and its affiliate sites) do not sell or provide your details to third parties other than information providers. The reason we provide our information providers with this information is so that they can measure the response their articles are receiving and provide you with information about their products and services.

If you do not want us to provide your name and email address you may opt out by clicking here .

If you do not wish to receive any future announcements of products and services offered by Mondaq by clicking here .

Information Collection and Use

We require site users to register with Mondaq (and its affiliate sites) to view the free information on the site. We also collect information from our users at several different points on the websites: this is so that we can customise the sites according to individual usage, provide 'session-aware' functionality, and ensure that content is acquired and developed appropriately. This gives us an overall picture of our user profiles, which in turn shows to our Editorial Contributors the type of person they are reaching by posting articles on Mondaq (and its affiliate sites) – meaning more free content for registered users.

We are only able to provide the material on the Mondaq (and its affiliate sites) site free to site visitors because we can pass on information about the pages that users are viewing and the personal information users provide to us (e.g. email addresses) to reputable contributing firms such as law firms who author those pages. We do not sell or rent information to anyone else other than the authors of those pages, who may change from time to time. Should you wish us not to disclose your details to any of these parties, please tick the box above or tick the box marked "Opt out of Registration Information Disclosure" on the Your Profile page. We and our author organisations may only contact you via email or other means if you allow us to do so. Users can opt out of contact when they register on the site, or send an email to unsubscribe@mondaq.com with “no disclosure” in the subject heading

Mondaq News Alerts

In order to receive Mondaq News Alerts, users have to complete a separate registration form. This is a personalised service where users choose regions and topics of interest and we send it only to those users who have requested it. Users can stop receiving these Alerts by going to the Mondaq News Alerts page and deselecting all interest areas. In the same way users can amend their personal preferences to add or remove subject areas.

Cookies

A cookie is a small text file written to a user’s hard drive that contains an identifying user number. The cookies do not contain any personal information about users. We use the cookie so users do not have to log in every time they use the service and the cookie will automatically expire if you do not visit the Mondaq website (or its affiliate sites) for 12 months. We also use the cookie to personalise a user's experience of the site (for example to show information specific to a user's region). As the Mondaq sites are fully personalised and cookies are essential to its core technology the site will function unpredictably with browsers that do not support cookies - or where cookies are disabled (in these circumstances we advise you to attempt to locate the information you require elsewhere on the web). However if you are concerned about the presence of a Mondaq cookie on your machine you can also choose to expire the cookie immediately (remove it) by selecting the 'Log Off' menu option as the last thing you do when you use the site.

Some of our business partners may use cookies on our site (for example, advertisers). However, we have no access to or control over these cookies and we are not aware of any at present that do so.

Log Files

We use IP addresses to analyse trends, administer the site, track movement, and gather broad demographic information for aggregate use. IP addresses are not linked to personally identifiable information.

Links

This web site contains links to other sites. Please be aware that Mondaq (or its affiliate sites) are not responsible for the privacy practices of such other sites. We encourage our users to be aware when they leave our site and to read the privacy statements of these third party sites. This privacy statement applies solely to information collected by this Web site.

Surveys & Contests

From time-to-time our site requests information from users via surveys or contests. Participation in these surveys or contests is completely voluntary and the user therefore has a choice whether or not to disclose any information requested. Information requested may include contact information (such as name and delivery address), and demographic information (such as postcode, age level). Contact information will be used to notify the winners and award prizes. Survey information will be used for purposes of monitoring or improving the functionality of the site.

Mail-A-Friend

If a user elects to use our referral service for informing a friend about our site, we ask them for the friend’s name and email address. Mondaq stores this information and may contact the friend to invite them to register with Mondaq, but they will not be contacted more than once. The friend may contact Mondaq to request the removal of this information from our database.

Security

This website takes every reasonable precaution to protect our users’ information. When users submit sensitive information via the website, your information is protected using firewalls and other security technology. If you have any questions about the security at our website, you can send an email to webmaster@mondaq.com.

Correcting/Updating Personal Information

If a user’s personally identifiable information changes (such as postcode), or if a user no longer desires our service, we will endeavour to provide a way to correct, update or remove that user’s personal data provided to us. This can usually be done at the “Your Profile” page or by sending an email to EditorialAdvisor@mondaq.com.

Notification of Changes

If we decide to change our Terms & Conditions or Privacy Policy, we will post those changes on our site so our users are always aware of what information we collect, how we use it, and under what circumstances, if any, we disclose it. If at any point we decide to use personally identifiable information in a manner different from that stated at the time it was collected, we will notify users by way of an email. Users will have a choice as to whether or not we use their information in this different manner. We will use information in accordance with the privacy policy under which the information was collected.

How to contact Mondaq

You can contact us with comments or queries at enquiries@mondaq.com.

If for some reason you believe Mondaq Ltd. has not adhered to these principles, please notify us by e-mail at problems@mondaq.com and we will use commercially reasonable efforts to determine and correct the problem promptly.