Italy: Focus sulle modifiche al Codice degli Appalti di cui al D.lgs. n. 50/2016 e s.m.i.

Il c.d. "Decreto Semplificazioni" riscrive l'art. 80 comma 5 lett. c) del D.lgs. n. 50/2016 e la Legge 30 dicembre 2018, n. 145 introduce delle deroghe in materia di affidamento di lavori pubblici sotto soglia.

A) La "riscrittura" dell'Art. 80 del D.lgs. n. 50/2016

Nella Gazzetta Ufficiale del 14 dicembre 2018 è stato pubblicato il Decreto Legge n. 135 recante "Disposizioni urgenti in materia di sostegno e semplificazione per le imprese e per la pubblica amministrazione" (il c.d. "Decreto Semplificazioni") il quale, con l'art. 5, co. 1, ha modificato l'art. 80 – Motivi di esclusione", co. 5, lett. c) del D.lgs. n. 50/2016 il c.d. "Codice dei Contratti Pubblici" (il "Codice"), inserendo le lettere "c-bis" e "c-ter".

Tra le modifiche al Codice attese, quella in commento rappresenta l'unica novità introdotta con il Decreto Semplificazioni, mentre, per le altre, si rimanda al paragrafo successivo.

Con specifico riferimento alla riscrittura dell'art. 80 comma 5 lett. c) del Codice, si riporta, di seguito, il vecchio ed il nuovo testo dell'art. 80, comma 5 a fronte:

Nuovo testo

c) la stazione appaltante dimostri con mezzi adeguati che l'operatore economico si è reso colpevole di gravi illeciti professionali, tali da rendere dubbia la sua integrità o affidabilità;

c-bis) l'operatore economico abbia tentato di influenzare indebitamente il processo decisionale della stazione appaltante o di ottenere informazioni riservate a fini di proprio vantaggio oppure abbia fornito, anche per negligenza, informazioni false o fuorvianti suscettibili di influenzare le decisioni sull'esclusione, la selezione o l'aggiudicazione, ovvero abbia omesso le informazioni dovute ai fini del corretto svolgimento della procedura di selezione;

c-ter) l'operatore economico abbia dimostrato significative o persistenti carenze nell'esecuzione di un precedente contratto di appalto o di concessione che ne hanno causato la risoluzione per inadempimento ovvero la condanna al risarcimento del danno o altre sanzioni comparabili; su tali circostanze la stazione appaltante motiva anche con riferimento al tempo trascorso dalla violazione e alla gravità della stessa;.

Vecchio testo

c) la stazione appaltante dimostri con mezzi adeguati che l'operatore economico si è reso colpevole di gravi illeciti professionali, tali da rendere dubbia la sua integrità o affidabilità. Tra questi rientrano: le significative carenze nell'esecuzione di un precedente contratto di appalto o di concessione che ne hanno causato la risoluzione anticipata, non contestata in giudizio, ovvero confermata all'esito di un giudizio, ovvero hanno dato luogo ad una condanna al risarcimento del danno o ad altre sanzioni; il tentativo di influenzare indebitamente il processo decisionale della stazione appaltante o di ottenere informazioni riservate ai fini di proprio vantaggio; il fornire, anche per negligenza, informazioni false o fuorvianti suscettibili di influenzare le decisioni sull'esclusione, la selezione o l'aggiudicazione ovvero l'omettere le informazioni dovute ai fini del corretto svolgimento della procedura di selezione.

 In sostanza, le modifiche possono sintetizzarsi come segue:     

  • l'impresa potrà essere esclusa dalla procedura di gara nel caso in cui la stazione appaltante dimostri, con mezzi adeguati, che l'operatore economico si sia reso colpevole di gravi illeciti professionali, tali da rendere dubbia la sua integrità o affidabilità.

 Pertanto, dal testo dell'art. 80 sono stati espunti gli esempi che caratterizzavano la vecchia norma e che avevano portato a seri contrasti interpretativi;

  • l'operatore verrà inoltre escluso quando abbia tentato di influenzare indebitamente il processo decisionale della stazione appaltante o di ottenere informazioni riservate "ai fini di proprio vantaggio" oppure abbia fornito, anche per negligenza, informazioni false o fuorvianti suscettibili di influenzare le decisioni sull'esclusione, la selezione o l'aggiudicazione. Oppure, ancora, quando abbia omesso le informazioni dovute ai fini del corretto svolgimento della procedura di selezione;
  •  l'ultima ipotesi di esclusione è prevista quando l'impresa abbia dimostrato significative o persistenti carenze nell'esecuzione di un precedente contratto di appalto o di concessione che ne abbiano causato la risoluzione per inadempimento o la condanna al risarcimento del danno o altre sanzioni comparabili. In questo caso, la stazione appaltante dovrà fare riferimento al tempo trascorso dalla violazione ed alla sua gravità.

 La modifica in commento avrebbe dovuto sanare la gravi incertezze ermeneutiche che hanno caratterizzato l'applicazione della previgente versione della lettera c) dell'Art. 80 comma 5 del Codice.

 Invero, il Legislatore si è limitato ad una sostanziale omologazione del dettato normativo a quanto disposto dall'art. 57 paragrafo 4 della direttiva europea 2014/24/UE.

 Tale norma, infatti, considera in maniera autonoma le singole ipotesi di esclusione - oggi previste alle lettere c), c-bis) c-ter) - a differenza di quanto veniva disposto dalla precedente formulazione dell'art. 80 comma 5 lett. c) in cui le suddette ipotesi erano da considerarsi come esempi di fattispecie che rendevano dubbia l'integrità o l'affidabilità dell'operatore economico.

Pertanto, se da un punto di vista meramente formale l'attuale formulazione risulta comunque più chiara e conforme alla normativa comunitaria, sembrerebbero comunque permanere dubbi in merito alla capacità della modifica introdotta dal Decreto Semplificazioni di sanare i contrasti interpretativi sorti in sede di applicazione della stessa.

In particolare, in merito all'attuale lett. c), rimane in capo alle stazioni appaltanti un'ampia discrezionalità in ordine, sia alla valutazione della "gravità" degli illeciti, sia in merito alla stima dell'incidenza di tali illeciti professionali sull'integrità o affidabilità degli operatori economici.

Per quanto riguarda l'entrata in vigore, l'art. 5 comma 2 del Decreto Semplificazioni chiarisce che le nuove disposizioni si applicheranno:

  • alle procedure i cui bandi o avvisi sono pubblicati successivamente alla data di entrata in vigore del Decreto Semplificazioni;
  • in caso di assenza di bandi o avvisi, alle procedure in cui, alla data di entrata in vigore del Decreto Semplificazioni, ancora non sono stati inviati gli inviti a presentare le offerte.

B) La modifica "transitoria" al Codice introdotta dall'Art. 1 comma 912 della legge di Bilancio 2019

 Il complesso procedimento di emendamento della Legge di Bilancio 2019 è recentemente culminato con la definitiva pubblicazione in Gazzetta Ufficiale avvenuta il 31/12/2018 (Serie Generale n. 302).

 La Legge di Bilancio 2019 è così vigente dal 01/01/2019, salvo che per alcune specifiche disposizioni, la cui entrata in vigore è stata espressamente anticipata al 31/12/2018.

 Con riferimento al Codice, all'art. 1, comma 912, della Legge di Bilancio, è stata introdotta una deroga temporanea (fino al 31 dicembre 2019) ad alcune disposizioni dell'art. 36 del Codice, premettendo che il suddetto sistema debba valere "nelle more di una complessiva revisione del codice dei contratti pubblici".

 In particolare, è stata attribuita alle stazioni appaltanti la facoltà di "procedere all'affidamento di lavori di importo pari o superiore a 40.000 euro ed inferiore a 150.000 euro mediante affidamento diretto previa consultazione, ove esistenti, di tre operatori economici e mediante le procedure di cui al comma 2, lettera b), del medesimo articolo 36 per i lavori di importo pari o superiore a 150.000 euro e inferiore a 350.000 euro".

 Alla luce della suesposta formulazione della Legge di Bilancio è possibile quindi distinguere due eventuali ipotesi di deroga al regime di affidamento dei contratti aventi ad oggetto lavori di importo inferiore alle soglie comunitarie.

 La prima ipotesi concerne i contratti per la realizzazione di lavori di importo compreso tra Euro 40.000 e 150.000: è previsto un affidamento diretto "anomalo", che si dovrebbe realizzare "previa consultazione, ove esistenti, di tre operatori economici".

 Tale disposizione, sembra richiamare quanto previsto dall'ANAC nelle Linee Guida n. 4 del 2016 e s.m.i. in materia di affidamenti di contratti pubblici di importo inferiore alle soglie di rilevanza comunitaria dove, nell'ambito dell'affidamento diretto, si precisa che un minimo di confronto concorrenziale, ove possibile, costituisce sempre una best practice.

 Ciononostante, tale particolare forma di affidamento diretto "filtrato" attraverso una possibile consultazione di altri operatori, potrebbe arrecare alle amministrazioni serie problematiche applicative, in quanto ci si troverebbe a dover scegliere se applicare le norme del Codice ovvero le deroghe previste nella Legge di Bilancio, a scapito - evidentemente - della semplificazione.

 In particolare, nel solco della riforma del 2016, il Legislatore ha - ancora una volta - aumentato il margine della discrezionalità delle stazioni appaltanti che, in questo caso, si ritrovano a poter scegliere il grado di concorrenzialità da applicare a determinati affidamenti.

 Se da un lato questa rinnovata discrezionalità in capo alla stazioni appaltanti potrà portare ad un miglioramento dell'efficienza nella fase di selezione del contraente, dall'altro, in assenza di adeguato controllo, si corre il rischio effettivo di aumento del fenomeno corruttivo in questo particolare settore.

 La seconda ipotesi, attribuisce invece alle stazioni appaltanti la facoltà di affidare lavori di importo compreso tra Euro 150.000 e 350.000 attraverso la procedura disciplinata dalla lett. b) del comma 2 dell'Art. 36 del Codice, ossia mediante procedura negoziata previa consultazione, ove esistenti, di almeno dieci operatori economici.

 Questa ulteriore fattispecie di deroga, oltre a presentare le stesse perplessità sopra descritte in merito alle possibili implicazioni pratiche, evidenzia una palese volontà di alleggerire, ulteriormente, un procedimento già di per sé privo delle tutele dell'evidenza pubblica, con possibili risvolti in termini di riduzione della concorrenza.

 Per concludere, la disposizione della Legge di Bilancio in commento appare non perfettamente in linea con l'obiettivo cardine della semplificazione che avrebbe dovuto sorreggere la riforma del Codice la quale sembrava dover portare cambiamenti di portata ben maggiore rispetto a quelli effettivamente introdotti con la manovra recentemente varata.

 Ciò chiarito, dalle stesse parole del Legislatore, si dovrà ancora attendere per quella che si preannuncia come una "complessiva revisione del codice dei contratti pubblici".

The content of this article is intended to provide a general guide to the subject matter. Specialist advice should be sought about your specific circumstances.

To print this article, all you need is to be registered on Mondaq.com.

Click to Login as an existing user or Register so you can print this article.

Authors
Events from this Firm
1 Oct 2019, Other, Washington, DC, United States

Orrick is proud to host the AIPN for its final breakfast meeting of 2019 for a session titled “Helping the World Gasify”. As natural gas production and use is very unevenly distributed throughout the world, often gas produced in association with crude oil is sold below cost or flared.

25 Nov 2019, Speaking Engagement, New York, United States

Lorraine McGowen will be speaking on the upcoming “Evaluating the Financial Health of an Entity” panel at the New York session of the Pocket MBA: Finance for Lawyers and Other Professionals program, hosted by the Practising Law Institute.

2 Dec 2019, Speaking Engagement, New York, United States

Evan Hollander will co-chair the Practising Law Institute’s annual Nuts and Bolts of Corporate Bankruptcy this year.

 
Some comments from our readers…
“The articles are extremely timely and highly applicable”
“I often find critical information not available elsewhere”
“As in-house counsel, Mondaq’s service is of great value”

Related Topics
 
Related Articles
 
Up-coming Events Search
Tools
Print
Font Size:
Translation
Channels
Mondaq on Twitter
 
Mondaq Free Registration
Gain access to Mondaq global archive of over 375,000 articles covering 200 countries with a personalised News Alert and automatic login on this device.
Mondaq News Alert (some suggested topics and region)
Select Topics
Registration (please scroll down to set your data preferences)

Mondaq Ltd requires you to register and provide information that personally identifies you, including your content preferences, for three primary purposes (full details of Mondaq’s use of your personal data can be found in our Privacy and Cookies Notice):

  • To allow you to personalize the Mondaq websites you are visiting to show content ("Content") relevant to your interests.
  • To enable features such as password reminder, news alerts, email a colleague, and linking from Mondaq (and its affiliate sites) to your website.
  • To produce demographic feedback for our content providers ("Contributors") who contribute Content for free for your use.

Mondaq hopes that our registered users will support us in maintaining our free to view business model by consenting to our use of your personal data as described below.

Mondaq has a "free to view" business model. Our services are paid for by Contributors in exchange for Mondaq providing them with access to information about who accesses their content. Once personal data is transferred to our Contributors they become a data controller of this personal data. They use it to measure the response that their articles are receiving, as a form of market research. They may also use it to provide Mondaq users with information about their products and services.

Details of each Contributor to which your personal data will be transferred is clearly stated within the Content that you access. For full details of how this Contributor will use your personal data, you should review the Contributor’s own Privacy Notice.

Please indicate your preference below:

Yes, I am happy to support Mondaq in maintaining its free to view business model by agreeing to allow Mondaq to share my personal data with Contributors whose Content I access
No, I do not want Mondaq to share my personal data with Contributors

Also please let us know whether you are happy to receive communications promoting products and services offered by Mondaq:

Yes, I am happy to received promotional communications from Mondaq
No, please do not send me promotional communications from Mondaq
Terms & Conditions

Mondaq.com (the Website) is owned and managed by Mondaq Ltd (Mondaq). Mondaq grants you a non-exclusive, revocable licence to access the Website and associated services, such as the Mondaq News Alerts (Services), subject to and in consideration of your compliance with the following terms and conditions of use (Terms). Your use of the Website and/or Services constitutes your agreement to the Terms. Mondaq may terminate your use of the Website and Services if you are in breach of these Terms or if Mondaq decides to terminate the licence granted hereunder for any reason whatsoever.

Use of www.mondaq.com

To Use Mondaq.com you must be: eighteen (18) years old or over; legally capable of entering into binding contracts; and not in any way prohibited by the applicable law to enter into these Terms in the jurisdiction which you are currently located.

You may use the Website as an unregistered user, however, you are required to register as a user if you wish to read the full text of the Content or to receive the Services.

You may not modify, publish, transmit, transfer or sell, reproduce, create derivative works from, distribute, perform, link, display, or in any way exploit any of the Content, in whole or in part, except as expressly permitted in these Terms or with the prior written consent of Mondaq. You may not use electronic or other means to extract details or information from the Content. Nor shall you extract information about users or Contributors in order to offer them any services or products.

In your use of the Website and/or Services you shall: comply with all applicable laws, regulations, directives and legislations which apply to your Use of the Website and/or Services in whatever country you are physically located including without limitation any and all consumer law, export control laws and regulations; provide to us true, correct and accurate information and promptly inform us in the event that any information that you have provided to us changes or becomes inaccurate; notify Mondaq immediately of any circumstances where you have reason to believe that any Intellectual Property Rights or any other rights of any third party may have been infringed; co-operate with reasonable security or other checks or requests for information made by Mondaq from time to time; and at all times be fully liable for the breach of any of these Terms by a third party using your login details to access the Website and/or Services

however, you shall not: do anything likely to impair, interfere with or damage or cause harm or distress to any persons, or the network; do anything that will infringe any Intellectual Property Rights or other rights of Mondaq or any third party; or use the Website, Services and/or Content otherwise than in accordance with these Terms; use any trade marks or service marks of Mondaq or the Contributors, or do anything which may be seen to take unfair advantage of the reputation and goodwill of Mondaq or the Contributors, or the Website, Services and/or Content.

Mondaq reserves the right, in its sole discretion, to take any action that it deems necessary and appropriate in the event it considers that there is a breach or threatened breach of the Terms.

Mondaq’s Rights and Obligations

Unless otherwise expressly set out to the contrary, nothing in these Terms shall serve to transfer from Mondaq to you, any Intellectual Property Rights owned by and/or licensed to Mondaq and all rights, title and interest in and to such Intellectual Property Rights will remain exclusively with Mondaq and/or its licensors.

Mondaq shall use its reasonable endeavours to make the Website and Services available to you at all times, but we cannot guarantee an uninterrupted and fault free service.

Mondaq reserves the right to make changes to the services and/or the Website or part thereof, from time to time, and we may add, remove, modify and/or vary any elements of features and functionalities of the Website or the services.

Mondaq also reserves the right from time to time to monitor your Use of the Website and/or services.

Disclaimer

The Content is general information only. It is not intended to constitute legal advice or seek to be the complete and comprehensive statement of the law, nor is it intended to address your specific requirements or provide advice on which reliance should be placed. Mondaq and/or its Contributors and other suppliers make no representations about the suitability of the information contained in the Content for any purpose. All Content provided "as is" without warranty of any kind. Mondaq and/or its Contributors and other suppliers hereby exclude and disclaim all representations, warranties or guarantees with regard to the Content, including all implied warranties and conditions of merchantability, fitness for a particular purpose, title and non-infringement. To the maximum extent permitted by law, Mondaq expressly excludes all representations, warranties, obligations, and liabilities arising out of or in connection with all Content. In no event shall Mondaq and/or its respective suppliers be liable for any special, indirect or consequential damages or any damages whatsoever resulting from loss of use, data or profits, whether in an action of contract, negligence or other tortious action, arising out of or in connection with the use of the Content or performance of Mondaq’s Services.

General

Mondaq may alter or amend these Terms by amending them on the Website. By continuing to Use the Services and/or the Website after such amendment, you will be deemed to have accepted any amendment to these Terms.

These Terms shall be governed by and construed in accordance with the laws of England and Wales and you irrevocably submit to the exclusive jurisdiction of the courts of England and Wales to settle any dispute which may arise out of or in connection with these Terms. If you live outside the United Kingdom, English law shall apply only to the extent that English law shall not deprive you of any legal protection accorded in accordance with the law of the place where you are habitually resident ("Local Law"). In the event English law deprives you of any legal protection which is accorded to you under Local Law, then these terms shall be governed by Local Law and any dispute or claim arising out of or in connection with these Terms shall be subject to the non-exclusive jurisdiction of the courts where you are habitually resident.

You may print and keep a copy of these Terms, which form the entire agreement between you and Mondaq and supersede any other communications or advertising in respect of the Service and/or the Website.

No delay in exercising or non-exercise by you and/or Mondaq of any of its rights under or in connection with these Terms shall operate as a waiver or release of each of your or Mondaq’s right. Rather, any such waiver or release must be specifically granted in writing signed by the party granting it.

If any part of these Terms is held unenforceable, that part shall be enforced to the maximum extent permissible so as to give effect to the intent of the parties, and the Terms shall continue in full force and effect.

Mondaq shall not incur any liability to you on account of any loss or damage resulting from any delay or failure to perform all or any part of these Terms if such delay or failure is caused, in whole or in part, by events, occurrences, or causes beyond the control of Mondaq. Such events, occurrences or causes will include, without limitation, acts of God, strikes, lockouts, server and network failure, riots, acts of war, earthquakes, fire and explosions.

By clicking Register you state you have read and agree to our Terms and Conditions