Italy: Performance Bond: gli obblighi della banca in caso di escussione

Last Updated: 24 September 2018
Article by Giuseppe Broccoli

Il Performance Bond è una garanzia autonoma a prima richiesta che viene emessa da una banca su istruzioni di un soggetto (ad esempio il venditore o l'appaltatore, detti 'l'ordinante') sulla base di un apposito contratto tra la banca e l'ordinante. L'ordinante chiede l'emissione del bond sulla base di quanto stabilito nel contratto principale firmato tra venditore/appaltatore e acquirente/committente. Lo scopo di questo bond è di garantire l'acquirente/committente in caso di inadempimento del venditore/appaltatore.

Abbiamo analizzato in altri articoli le caratteristiche principali del  Performance Bond, ma qui è essenziale sottolineare che si tratta di una garanzia sostanzialmente svincolata dal contratto principale (nel nostro esempio, il contratto di compravendita o di appalto) e che può essere pagata sulla base di una semplice domanda che l'acquirente invierà alla banca (che ha emesso la garanzia).

Anche se spesso (a nostro avviso con imprecisione) viene semplicemente definita come 'garanzia a prima richiesta' essa dovrebbe essere più correttamente definita come garanzia autonoma a prima richiesta.

***

Abbiamo detto che:

il performance bond viene emesso sulla base di un contratto che il venditore/appaltatore (l'ordinante) stipula con la propria banca.

E' proprio da questo contratto (separato ed indipendente dal contratto di compravendita o di appalto) che sorgono una serie di obblighi a carico della banca soprattutto in fase di escussione.

Il rispetto di tali obblighi consente, spesso, di ottenere che la banca non esegua il pagamento che gli è stato richiesto (perché l'escussione è abusiva o fraudolenta).

1. Obblighi della banca in fase di emissione della garanzia

In ogni ipotesi di contratto tra un cliente ed una banca bisogna sempre tener conto del livello di conoscenza che il cliente ha di quel determinato contratto e della sua esperienza nel relativo settore.

In caso di richiesta di emissione di performance bond, si ritiene che la banca non abbia specifici obblighi di informare ed 'educare' l'ordinante circa i rischi connessi all'emissione di questo tipo di garanzia.

Questo per la ragione che si parte dal presupposto chel'esportatore/appaltatore sia un imprenditore in grado di valutare e comprendere bene i rischi che possono derivare dall'emissione di questa garanzia.

Ciò nonostante, riteniamo che la banca abbia un generale obbligo quanto meno di verificare che, in effetti, il venditore/appaltatore abbia effettivamente la conoscenza dei rischi connessi. E' chiaro che, se si tratta della prima operazione internazionale che l'ordinante fa, la banca non può esimersi dallo spiegare bene, ad esempio, le differenze tra garanzia a prima richiesta e fideiussione

Sappiamo bene che, ogni volta che una banca emette un performance bond (o altra garanzia autonoma) solitamente procede all'apertura di credito a favore dell'ordinante. In caso di escussione della garanzia, la banca si rivarrà sul credito concesso all'ordinante esercitando il cosiddetto 'diritto di rivalsa' sul proprio cliente e rientrando di quello che la banca ha pagato all'acquirente/committente che ha escusso il bond.

Quindi, a maggior ragione, riteniamo che in tutte le ipotesi in cui il testo del performance bond sia suggerito dall'acquirente/committente, la banca abbia un dovere di evidenziare all'ordinante tutte le clausole che potrebbero essere particolarmente rischiose. 

2. Obblighi della banca in caso di escussione

Qui entriamo in un campo 'minato' nel senso che esistono due tipi di obblighi delle banche:

  • obbligo di informare prontamente l'ordinante del fatto che la banca ha ricevuto una richiesta di escussione;
  • obbligo della banca di verificare se l'escussione sia abusiva.

Vediamo meglio di cosa parliamo e di come questi obblighi si articolano nella pratica.

  • OBBLIGO DELLA BANCA DI INFORMARE L'ORDINANTE DELL'ESCUSSIONE

Malgrado le banche cerchino di limitare tale obbligo, è sostanzialmente fuori discussione che, appena la banca garante riceve una richiesta di escussione, debba informarne l'ordinante.

Questo per varie ragioni ma le principali sono che:

  • la banca deve adempiere al contratto con l'ordinante con la dovuta diligenza e questa diligenza non viene meno per il solo fatto che la banca si sia impegnata a pagare 'a prima richiesta' un determinato importo;
  • solo l'ordinante è in grado di fornire alla banca gli eventuali dettagli per dimostrare, se del caso, che si tratta di escussione abusiva e mettere la banca in condizioni di rifiutare il pagamento.

Come detto, spesso, le banche cercano di limitare l'obbligo di informare l'ordinante, inserendo nei contratti clausole tipo

'la banca pagherà a prima domanda,

senza obbligo di darne preventiva informazione all'ordinante'.

Riteniamo che esistano fondate ragioni per ritenere clausole di questo tipo invalide e comunque la loro efficacia sarebbe quantomeno minima visto che l'ordinante solitamente inizia le attività per evitare il pagamento non appena abbia il fondato sospetto che il beneficiario della garanzia sia oramai in procinto di escutere il bond.

Si tenga presente, ad ulteriore dimostrazione di quanto detto, che le Norme Uniformi della ICC (Camera di Commercio Internazionale ICC Rules n. 758) prevedono espressamente che, non appena ricevuta la richiesta di escussione, la banca sia obbligata ad informarne l'ordinante.

  • OBBLIGO DELLA BANCA DI VERIFICARE SE L'ESCUSSIONE SIA ABUSIVA

Per quanto riguarda questo obbligo, non c'è alcun dubbio che la banca, prima di procedere al pagamento, debba verificare (anche se entro determinati limiti) che non si trovi di fronte ad un'escussione abusiva. Su questo punto, è essenziale ricordare quanto abbiamo scritto in un altro articolo relativo all' escussione abusiva del Performance Bond

 

Nel caso la banca rilevi che si tratta di escussione abusiva, la banca ha il diritto/dovere di non pagare l'importo della garanzia.

Come già detto, l'escussione è abusiva o fraudolenta quando:

  • non sono state rispettate le condizioni per escutere la garanzia così come stabilite nel testo del performance bond; oppure
  • il contratto è stato adempiuto correttamente.

L'escussione del performance bond deve avvenire ai termini e alle condizioni previsti nel bond (ad esempio entro il giorno di scadenza, allegando un eventuale documento che sia richiesto dalla garanzia, con lo strumento di trasmissione indicato nella garanzia -messaggio SWIFT, per corriere, a mano etc.). E questa situazione è facilmente individuabile dalla banca stessa nel momento in cui riceve una richiesta di escussione.

Allo stesso tempo, l'escussione del bond non sarà possibile se il contratto è stato correttamente adempiuto e non esistono contestazione in merito  perché, una volta adempiuto il contratto principale (e salvo rare eccezioni) il bond non ha più ragione di esistere.

Anche in questo caso, la banca dovrà rifiutare l'escussione della garanzia ma solo se ed in quanto sia stata messa nelle condizioni di poter verificare che il contratto principale è stato correttamente adempiuto e non esistono contestazioni circa il corretto adempimento.

Questa è la ragione per cui, in caso di escussione o di imminente escussione, il nostro suggerimento è quello di informare immediatamente la banca garante per metterla a conoscenza di tutti quei fatti (allegando documenti) che dimostrino l'escussione abusiva del bond.

3. Cosa fare nel caso la banca non rispetti i suoi obblighi

Abbiamo detto che la banca, una volta che ha pagato il performance bond a seguito di escussione, avrà il diritto di rivalsa nei confronti dell'ordinante (il venditore o l'appaltatore), potendo richiedergli la restituzione di quanto la banca ha pagato.

Tale operazione di rivalsa è pressoché automatica, considerato che nella prassi bancaria, la banca apre una linea di credito all'ordinante a fronte dell'emissione del bond. Quindi, di fatto, la banca non farà altro che addebitare direttamente sul conto corrente dell'ordinante l'importo della garanzia che la banca ha pagato.

L'ordinante potrà opporsi alla richiesta di rivalsa della banca in tutte quelle situazioni in cui la banca ha pagato la garanzia senza rispettare i suoi obblighi nei confronti dell'ordinante stesso.

In un altro articolo abbiamo visto cosa fare in caso di escussione abusiva di un performance bond, e abbiamo visto che, per tentare di impedire il pagamento della garanzia, solitamente si ricorre, prima, ad una diffida alla banca e, in caso la banca non reagisca a tale diffida, si ricorre al Tribunale competente per ottenere un provvedimento che ordini alla banca di non pagare.

Anche in questo caso (come visto sopra), la banca tenta di limitare i propri obblighi e, di conseguenza, il diritto dell'ordinante inserendo nel contratto con il cliente clausole tipo:

'l'ordinante rinuncia preventivamente a chiedere provvedimenti giudiziari

che impediscano il pagamento della garanzia'

o addirittura clausole che prevedono che l'ordinante si impegna a rifondere la banca di quanto pagato dalla banca stessa

'nonostante qualsiasi provvedimento giudiziale che intimi alla banca di non pagare'.

Questo perché la banca, se non pagasse una garanzia quando le viene richiesto, metterebbe a serio rischio la propria reputazione, ma a tutto svantaggio dell'ordinante.

Tali clausole sono da considerare invalide se non altro perché limitano il diritto dell'ordinante alla propria difesa o comunque perché sarebbero clausole che mirano a violare ordini o provvedimenti di organi giudiziari.

Quindi nel caso in cui la banca non adempia correttamente ai propri obblighi nei confronti dell'ordinante si dovranno iniziare tutte le azioni necessarie ad evitare che la banca addebiti sul conto dell'ordinante gli importi pagati al beneficiario (ma in violazione, appunto, degli obblighi previsti dal contratto di mandato).

In presenza di clausole, come quelle citate prima, che mirino a limitare i diritti dell'ordinante si potrà far leva esattamente sull'invalidità di tali clausole.

4. Conclusioni

Troppo spesso si ritiene che l'escussione di un  bond sia una questione solo tra l'importatore/committente ed il fornitore/appaltatore. Spesso ci si dimentica che anche la banca che ha emesso la garanzia ha obblighi nei confronti dell'ordinante in virtù dell'apposito contratto che la banca stipula con il proprio cliente.

Proprio questo contratto e gli obblighi che derivano a carico della banca sono essenziali affinché il fornitore/appaltatore non subisca degli ingiusti pregiudizi in caso di escussione della garanzia.

L'ordinante che dà istruzioni alla propria banca di emettere un performance bond dovrebbe quindi tenere sempre in considerazione che la banca deve rispettare i propri obblighi e che proprio il rispetto di tali obblighi consentirà all'ordinante una maggiore protezione in caso di escussione abusiva della garanzia.

The content of this article is intended to provide a general guide to the subject matter. Specialist advice should be sought about your specific circumstances.

To print this article, all you need is to be registered on Mondaq.com.

Click to Login as an existing user or Register so you can print this article.

Authors
Giuseppe Broccoli
 
Some comments from our readers…
“The articles are extremely timely and highly applicable”
“I often find critical information not available elsewhere”
“As in-house counsel, Mondaq’s service is of great value”

Related Topics
 
Related Articles
 
Up-coming Events Search
Tools
Print
Font Size:
Translation
Channels
Mondaq on Twitter
 
Register for Access and our Free Biweekly Alert for
This service is completely free. Access 250,000 archived articles from 100+ countries and get a personalised email twice a week covering developments (and yes, our lawyers like to think you’ve read our Disclaimer).
 
Email Address
Company Name
Password
Confirm Password
Position
Mondaq Topics -- Select your Interests
 Accounting
 Anti-trust
 Commercial
 Compliance
 Consumer
 Criminal
 Employment
 Energy
 Environment
 Family
 Finance
 Government
 Healthcare
 Immigration
 Insolvency
 Insurance
 International
 IP
 Law Performance
 Law Practice
 Litigation
 Media & IT
 Privacy
 Real Estate
 Strategy
 Tax
 Technology
 Transport
 Wealth Mgt
Regions
Africa
Asia
Asia Pacific
Australasia
Canada
Caribbean
Europe
European Union
Latin America
Middle East
U.K.
United States
Worldwide Updates
Registration (you must scroll down to set your data preferences)

Mondaq Ltd requires you to register and provide information that personally identifies you, including your content preferences, for three primary purposes (full details of Mondaq’s use of your personal data can be found in our Privacy and Cookies Notice):

  • To allow you to personalize the Mondaq websites you are visiting to show content ("Content") relevant to your interests.
  • To enable features such as password reminder, news alerts, email a colleague, and linking from Mondaq (and its affiliate sites) to your website.
  • To produce demographic feedback for our content providers ("Contributors") who contribute Content for free for your use.

Mondaq hopes that our registered users will support us in maintaining our free to view business model by consenting to our use of your personal data as described below.

Mondaq has a "free to view" business model. Our services are paid for by Contributors in exchange for Mondaq providing them with access to information about who accesses their content. Once personal data is transferred to our Contributors they become a data controller of this personal data. They use it to measure the response that their articles are receiving, as a form of market research. They may also use it to provide Mondaq users with information about their products and services.

Details of each Contributor to which your personal data will be transferred is clearly stated within the Content that you access. For full details of how this Contributor will use your personal data, you should review the Contributor’s own Privacy Notice.

Please indicate your preference below:

Yes, I am happy to support Mondaq in maintaining its free to view business model by agreeing to allow Mondaq to share my personal data with Contributors whose Content I access
No, I do not want Mondaq to share my personal data with Contributors

Also please let us know whether you are happy to receive communications promoting products and services offered by Mondaq:

Yes, I am happy to received promotional communications from Mondaq
No, please do not send me promotional communications from Mondaq
Terms & Conditions

Mondaq.com (the Website) is owned and managed by Mondaq Ltd (Mondaq). Mondaq grants you a non-exclusive, revocable licence to access the Website and associated services, such as the Mondaq News Alerts (Services), subject to and in consideration of your compliance with the following terms and conditions of use (Terms). Your use of the Website and/or Services constitutes your agreement to the Terms. Mondaq may terminate your use of the Website and Services if you are in breach of these Terms or if Mondaq decides to terminate the licence granted hereunder for any reason whatsoever.

Use of www.mondaq.com

To Use Mondaq.com you must be: eighteen (18) years old or over; legally capable of entering into binding contracts; and not in any way prohibited by the applicable law to enter into these Terms in the jurisdiction which you are currently located.

You may use the Website as an unregistered user, however, you are required to register as a user if you wish to read the full text of the Content or to receive the Services.

You may not modify, publish, transmit, transfer or sell, reproduce, create derivative works from, distribute, perform, link, display, or in any way exploit any of the Content, in whole or in part, except as expressly permitted in these Terms or with the prior written consent of Mondaq. You may not use electronic or other means to extract details or information from the Content. Nor shall you extract information about users or Contributors in order to offer them any services or products.

In your use of the Website and/or Services you shall: comply with all applicable laws, regulations, directives and legislations which apply to your Use of the Website and/or Services in whatever country you are physically located including without limitation any and all consumer law, export control laws and regulations; provide to us true, correct and accurate information and promptly inform us in the event that any information that you have provided to us changes or becomes inaccurate; notify Mondaq immediately of any circumstances where you have reason to believe that any Intellectual Property Rights or any other rights of any third party may have been infringed; co-operate with reasonable security or other checks or requests for information made by Mondaq from time to time; and at all times be fully liable for the breach of any of these Terms by a third party using your login details to access the Website and/or Services

however, you shall not: do anything likely to impair, interfere with or damage or cause harm or distress to any persons, or the network; do anything that will infringe any Intellectual Property Rights or other rights of Mondaq or any third party; or use the Website, Services and/or Content otherwise than in accordance with these Terms; use any trade marks or service marks of Mondaq or the Contributors, or do anything which may be seen to take unfair advantage of the reputation and goodwill of Mondaq or the Contributors, or the Website, Services and/or Content.

Mondaq reserves the right, in its sole discretion, to take any action that it deems necessary and appropriate in the event it considers that there is a breach or threatened breach of the Terms.

Mondaq’s Rights and Obligations

Unless otherwise expressly set out to the contrary, nothing in these Terms shall serve to transfer from Mondaq to you, any Intellectual Property Rights owned by and/or licensed to Mondaq and all rights, title and interest in and to such Intellectual Property Rights will remain exclusively with Mondaq and/or its licensors.

Mondaq shall use its reasonable endeavours to make the Website and Services available to you at all times, but we cannot guarantee an uninterrupted and fault free service.

Mondaq reserves the right to make changes to the services and/or the Website or part thereof, from time to time, and we may add, remove, modify and/or vary any elements of features and functionalities of the Website or the services.

Mondaq also reserves the right from time to time to monitor your Use of the Website and/or services.

Disclaimer

The Content is general information only. It is not intended to constitute legal advice or seek to be the complete and comprehensive statement of the law, nor is it intended to address your specific requirements or provide advice on which reliance should be placed. Mondaq and/or its Contributors and other suppliers make no representations about the suitability of the information contained in the Content for any purpose. All Content provided "as is" without warranty of any kind. Mondaq and/or its Contributors and other suppliers hereby exclude and disclaim all representations, warranties or guarantees with regard to the Content, including all implied warranties and conditions of merchantability, fitness for a particular purpose, title and non-infringement. To the maximum extent permitted by law, Mondaq expressly excludes all representations, warranties, obligations, and liabilities arising out of or in connection with all Content. In no event shall Mondaq and/or its respective suppliers be liable for any special, indirect or consequential damages or any damages whatsoever resulting from loss of use, data or profits, whether in an action of contract, negligence or other tortious action, arising out of or in connection with the use of the Content or performance of Mondaq’s Services.

General

Mondaq may alter or amend these Terms by amending them on the Website. By continuing to Use the Services and/or the Website after such amendment, you will be deemed to have accepted any amendment to these Terms.

These Terms shall be governed by and construed in accordance with the laws of England and Wales and you irrevocably submit to the exclusive jurisdiction of the courts of England and Wales to settle any dispute which may arise out of or in connection with these Terms. If you live outside the United Kingdom, English law shall apply only to the extent that English law shall not deprive you of any legal protection accorded in accordance with the law of the place where you are habitually resident ("Local Law"). In the event English law deprives you of any legal protection which is accorded to you under Local Law, then these terms shall be governed by Local Law and any dispute or claim arising out of or in connection with these Terms shall be subject to the non-exclusive jurisdiction of the courts where you are habitually resident.

You may print and keep a copy of these Terms, which form the entire agreement between you and Mondaq and supersede any other communications or advertising in respect of the Service and/or the Website.

No delay in exercising or non-exercise by you and/or Mondaq of any of its rights under or in connection with these Terms shall operate as a waiver or release of each of your or Mondaq’s right. Rather, any such waiver or release must be specifically granted in writing signed by the party granting it.

If any part of these Terms is held unenforceable, that part shall be enforced to the maximum extent permissible so as to give effect to the intent of the parties, and the Terms shall continue in full force and effect.

Mondaq shall not incur any liability to you on account of any loss or damage resulting from any delay or failure to perform all or any part of these Terms if such delay or failure is caused, in whole or in part, by events, occurrences, or causes beyond the control of Mondaq. Such events, occurrences or causes will include, without limitation, acts of God, strikes, lockouts, server and network failure, riots, acts of war, earthquakes, fire and explosions.

By clicking Register you state you have read and agree to our Terms and Conditions