Italy: COSA RENDE STRATEGICHE LE DECISIONI DEL COLLEZIONISTA

Last Updated: 10 July 2018
Article by Emanuela Rollino and Matteo Moretti

Sempre più spesso l'opera d'arte è considerata un bene di lusso che può soddisfare differenti desideri: l'interesse culturale, il godimento estetico, l'intento speculativo, il prestigio personale o sociale. Nonostante ciò, oggi l'arte ha assunto anche carattere collettivo, suscitando spesso la curiosità del grande pubblico.

Ebbene, il collezionista raffinato si distingue dal grande pubblico per la capacità di individuare una particolare opera, insostituibile con altre similari, che è unica per la qualità e le modalità di esecuzione adottate dall'artista. Quell'opera dovrà dunque essere tutelata, valorizzata, conservata e sarà magari ceduta per acquistarne un'altra che riscontri maggiormente i gusti del collezionista. La passione per l'arte conduce a cercare nuovi artisti e ad acquisire opere che potranno apprezzarsi negli anni a venire, in un crescendo di acquisti e rivendite.

Il collezionista private

Gli aspetti giuridici e fiscali connessi all'arte sono oramai molteplici e devono essere sempre considerati non solo nell'ambito di una corretta gestione di una collezione, ma anche, se del caso, ai fini di una efficiente programmazione preventiva del processo successorio, prestandosi, più di altri beni, ad essere trasferiti velocemente.

Nel nostro ordinamento fiscale casistico e complesso non è presente una norma che preveda di tassare il collezionista che cede le opere possedute nella propria sfera privata e nell'ambito di un'attività non speculativa, mentre è già prevista la tassazione delle cessioni effettuate con finalità speculative, se qualificabili come attività commerciali ancorché non abituali. Tempo fa è circolata la notizia della possibile introduzione, nell'ambito della Legge di Bilancio 2018, di una norma di interpretazione autentica di un articolo del Testo Unico delle Imposte sui Redditi, volta a tassare (come "reddito diverso") le eventuali plusvalenze realizzate da collezionisti privati nella cessione a terzi delle proprie opere d'arte, fissandone altresì le modalità di calcolo ed introducendo il principio del cd. "modico valore". La modifica, che in base ad una prima ipotesi di lavoro avrebbe avuto efficacia retroattiva per tutte le annualità ancora accertabili, ha destato lo sconcerto dei professionisti e la comprensibile preoccupazione dei collezionisti. Il Legislatore, particolarmente attento al termine del mandato elettorale, non ha dato seguito alla proposta, ma non si può escludere che l'attuale assetto normativo possa essere oggetto di ulteriore revisione, auspicabilmente in termini meno dirompenti rispetto alla prima ipotesi formulata. Ci sembra che un possibile intervento normativo potrebbe limitarsi a identificare quando si è in presenza di un intento «speculativo», eventualmente anche ricorrendo a presunzioni, ma sempre prestando attenzione a non equiparare fattispecie che presentino connotati del tutto differenti. Accomunare il collezionista d'arte che agisce con uno spirito avulso da intenti speculativi, frutto solo del "sacro fuoco" del collezionista, a chi opera, invece, nell'ambito di un'attività commerciale, sia essa abituale od occasionale, non è condivisibile: appare ben diverso, infatti, il caso di chi vende un'opera con lo scopo, come spesso accade, di comprarne un'altra, più rispondente ai propri gusti personali, magari di artisti esordienti o promettenti, rispetto al caso di chi acquista un'opera con l'intento di realizzarci un profitto. La mancanza, nel nostro ordinamento fiscale, di una norma che disciplini in modo esplicito i criteri oggettivi di tassazione del guadagno realizzato dal collezionista – ricorrendo anche a limiti quantitativi, laddove una diversa e nuova politica fiscale ne concedesse l'esenzione – provoca una situazione di forte incertezza, essendo il confine tra il collezionista genuino e lo speculatore a volte piuttosto sottile e del tutto lasciato alla discrezionalità dell'amministrazione finanziaria, attenta a nuova base imponibile. Si auspica, quindi, che il legislatore non confonda i collezionisti genuini con gli speculatori, ma che valorizzi, possibilmente con minori margini di incertezza, le differenze correnti tra le diverse casistiche. Un altro tema significativo che il collezionista, residente fiscalmente in Italia, non dovrebbe trascurare è l'obbligo di monitoraggio fiscale cui sono soggette le opere per qualsiasi motivo detenute all'estero. In tale circostanza, il collezionista è tenuto ad indicare, nella propria dichiarazione dei redditi, il valore delle opere.

L'eventuale omissione di tale indicazione  comporta l'applicazione di una sanzione amministrativa pecuniaria commisurata al valore non dichiarato dell'opera.

Il passaggio generazionale

Il tema dei passaggi generazionali è, in generale, di estrema attualità, ed è molto sentito anche da parte di coloro che possiedono una collezione di opere d'arte, soprattutto se si tratta di un patrimonio rilevante, spesso per acquisti effettuati in anni non recenti in cui il mercato dell'arte poteva essere considerato ben diverso e alla portata del grande pubblico, almeno per certi filoni artistici. È importante, in certe circostanze, programmare bene e per tempo il proprio passaggio generazionale. Due le ragioni sottostanti: la prima è che non possiamo ad oggi prevedere se e come cambieranno le norme (il nostro Paese è ancora, con riguardo alle aliquote dell'imposta di successone e donazione, un "paradiso fiscale"). La seconda risiede nel fatto che esistono soluzioni per evitare di incorrere in errori e leggerezze che spesso si traducono in una ben maggiore imposizione fiscale, con l'eventuale esigenza di ricorrere alla vendita di alcune opere per acquisire la liquidità necessaria a far fronte al carico fiscale. Un particolare strumento utilizzato per la gestione, la tutela e/o il trasferimento generazionale di opere d'arte è sicuramente il Trust, spesso utilizzato in maniera distorta rispetto alle ragioni che ne hanno suggerito

la nascita in epoche non recenti. La scelta di trasferire le opere d'arte in un Trust può trovare giustificazione, ad esempio, nell'interesse che le opere siano conservate in modo unitario o messe a disposizione della collettività attraverso specifiche istruzioni impartite al Trustee, oppure, nel desiderio del disponente di preservare a lungo la tradizione familiare tramandando nel tempo il patrimonio artistico di famiglia. E ancora, nell'esigenza salvaguardare depositi presso enti istituzionali nazionali ed esteri con soggetti qualificati in grado di valorizzarne l'esposizione e la fruibilità. Ciò che rende questo istituto più flessibile e versatile rispetto ad altri è il fatto che le opere in esso trasferite siano vincolate a specifiche finalità predeterminate, connesse al soddisfacimento dei desideri del disponente attraverso regole e modalità dallo stesso stabilite. L'aspetto maggiormente caratterizzante del Trust è senz'altro la creazione di un patrimonio separato rispetto al patrimonio residuo del disponente e a quello del Trustee o dei beneficiari. Ne consegue che qualunque accadimento coinvolga detti soggetti non avrà effetti sui beni in Trust (cd. "segregazione patrimoniale"). Dal punto di vista fiscale, in assenza di disposizioni normative specifiche, il tema più rilevante è capire quando le opere trasferite al Trust debbano essere assoggettate all'imposta sulle successioni e donazioni. Sull'argomento si è espressa copiosa giurisprudenza, con orientamenti difformi. Secondo un primo orientamento, condiviso dall'Amministrazione finanziaria, il momento impositivo dovrebbe coincidere con la costituzione del "vincolo di destinazione" –ossia il momento del trasferimento deibeni nel Trust – che secondo tale tesi èsempre soggetta all'imposta a prescinderedalla tipologia di Trust prescelta e daglieffetti giuridici che ne derivano. Di contro,vi è un secondo orientamento, condivisoda autorevole dottrina e da recentegiurisprudenza di legittimità, secondocui rileverebbe, ai fini dell'applicazionedell'imposta di successione e donazione,il momento della definitiva attribuzionedei beni ai beneficiari, con conseguentearricchimento di questi ultimi.

Al di là della tecnica legislativa adottata,che pure influenza le decisioni a basedelle operazioni di trasferimento, rimane ilfatto che sempre più ragioni di opportunitàsuggeriscono – in un panorama nonsempre univoco – di trasmettere la propriaeredità artistica alle nuove generazionicon le modalità più efficienti ed efficaci,consci che anche tale sforzo consentiràai beneficiari di trasmetterle a loro volta,magari con qualche pezzo in più frutto diun buon acquisto. APRILE, 2018 FORBES | 99

The content of this article is intended to provide a general guide to the subject matter. Specialist advice should be sought about your specific circumstances.

To print this article, all you need is to be registered on Mondaq.com.

Click to Login as an existing user or Register so you can print this article.

Authors
 
Some comments from our readers…
“The articles are extremely timely and highly applicable”
“I often find critical information not available elsewhere”
“As in-house counsel, Mondaq’s service is of great value”

Related Topics
 
Related Articles
 
Up-coming Events Search
Tools
Print
Font Size:
Translation
Channels
Mondaq on Twitter
 
Register for Access and our Free Biweekly Alert for
This service is completely free. Access 250,000 archived articles from 100+ countries and get a personalised email twice a week covering developments (and yes, our lawyers like to think you’ve read our Disclaimer).
 
Email Address
Company Name
Password
Confirm Password
Position
Mondaq Topics -- Select your Interests
 Accounting
 Anti-trust
 Commercial
 Compliance
 Consumer
 Criminal
 Employment
 Energy
 Environment
 Family
 Finance
 Government
 Healthcare
 Immigration
 Insolvency
 Insurance
 International
 IP
 Law Performance
 Law Practice
 Litigation
 Media & IT
 Privacy
 Real Estate
 Strategy
 Tax
 Technology
 Transport
 Wealth Mgt
Regions
Africa
Asia
Asia Pacific
Australasia
Canada
Caribbean
Europe
European Union
Latin America
Middle East
U.K.
United States
Worldwide Updates
Registration (you must scroll down to set your data preferences)

Mondaq Ltd requires you to register and provide information that personally identifies you, including your content preferences, for three primary purposes (full details of Mondaq’s use of your personal data can be found in our Privacy and Cookies Notice):

  • To allow you to personalize the Mondaq websites you are visiting to show content ("Content") relevant to your interests.
  • To enable features such as password reminder, news alerts, email a colleague, and linking from Mondaq (and its affiliate sites) to your website.
  • To produce demographic feedback for our content providers ("Contributors") who contribute Content for free for your use.

Mondaq hopes that our registered users will support us in maintaining our free to view business model by consenting to our use of your personal data as described below.

Mondaq has a "free to view" business model. Our services are paid for by Contributors in exchange for Mondaq providing them with access to information about who accesses their content. Once personal data is transferred to our Contributors they become a data controller of this personal data. They use it to measure the response that their articles are receiving, as a form of market research. They may also use it to provide Mondaq users with information about their products and services.

Details of each Contributor to which your personal data will be transferred is clearly stated within the Content that you access. For full details of how this Contributor will use your personal data, you should review the Contributor’s own Privacy Notice.

Please indicate your preference below:

Yes, I am happy to support Mondaq in maintaining its free to view business model by agreeing to allow Mondaq to share my personal data with Contributors whose Content I access
No, I do not want Mondaq to share my personal data with Contributors

Also please let us know whether you are happy to receive communications promoting products and services offered by Mondaq:

Yes, I am happy to received promotional communications from Mondaq
No, please do not send me promotional communications from Mondaq
Terms & Conditions

Mondaq.com (the Website) is owned and managed by Mondaq Ltd (Mondaq). Mondaq grants you a non-exclusive, revocable licence to access the Website and associated services, such as the Mondaq News Alerts (Services), subject to and in consideration of your compliance with the following terms and conditions of use (Terms). Your use of the Website and/or Services constitutes your agreement to the Terms. Mondaq may terminate your use of the Website and Services if you are in breach of these Terms or if Mondaq decides to terminate the licence granted hereunder for any reason whatsoever.

Use of www.mondaq.com

To Use Mondaq.com you must be: eighteen (18) years old or over; legally capable of entering into binding contracts; and not in any way prohibited by the applicable law to enter into these Terms in the jurisdiction which you are currently located.

You may use the Website as an unregistered user, however, you are required to register as a user if you wish to read the full text of the Content or to receive the Services.

You may not modify, publish, transmit, transfer or sell, reproduce, create derivative works from, distribute, perform, link, display, or in any way exploit any of the Content, in whole or in part, except as expressly permitted in these Terms or with the prior written consent of Mondaq. You may not use electronic or other means to extract details or information from the Content. Nor shall you extract information about users or Contributors in order to offer them any services or products.

In your use of the Website and/or Services you shall: comply with all applicable laws, regulations, directives and legislations which apply to your Use of the Website and/or Services in whatever country you are physically located including without limitation any and all consumer law, export control laws and regulations; provide to us true, correct and accurate information and promptly inform us in the event that any information that you have provided to us changes or becomes inaccurate; notify Mondaq immediately of any circumstances where you have reason to believe that any Intellectual Property Rights or any other rights of any third party may have been infringed; co-operate with reasonable security or other checks or requests for information made by Mondaq from time to time; and at all times be fully liable for the breach of any of these Terms by a third party using your login details to access the Website and/or Services

however, you shall not: do anything likely to impair, interfere with or damage or cause harm or distress to any persons, or the network; do anything that will infringe any Intellectual Property Rights or other rights of Mondaq or any third party; or use the Website, Services and/or Content otherwise than in accordance with these Terms; use any trade marks or service marks of Mondaq or the Contributors, or do anything which may be seen to take unfair advantage of the reputation and goodwill of Mondaq or the Contributors, or the Website, Services and/or Content.

Mondaq reserves the right, in its sole discretion, to take any action that it deems necessary and appropriate in the event it considers that there is a breach or threatened breach of the Terms.

Mondaq’s Rights and Obligations

Unless otherwise expressly set out to the contrary, nothing in these Terms shall serve to transfer from Mondaq to you, any Intellectual Property Rights owned by and/or licensed to Mondaq and all rights, title and interest in and to such Intellectual Property Rights will remain exclusively with Mondaq and/or its licensors.

Mondaq shall use its reasonable endeavours to make the Website and Services available to you at all times, but we cannot guarantee an uninterrupted and fault free service.

Mondaq reserves the right to make changes to the services and/or the Website or part thereof, from time to time, and we may add, remove, modify and/or vary any elements of features and functionalities of the Website or the services.

Mondaq also reserves the right from time to time to monitor your Use of the Website and/or services.

Disclaimer

The Content is general information only. It is not intended to constitute legal advice or seek to be the complete and comprehensive statement of the law, nor is it intended to address your specific requirements or provide advice on which reliance should be placed. Mondaq and/or its Contributors and other suppliers make no representations about the suitability of the information contained in the Content for any purpose. All Content provided "as is" without warranty of any kind. Mondaq and/or its Contributors and other suppliers hereby exclude and disclaim all representations, warranties or guarantees with regard to the Content, including all implied warranties and conditions of merchantability, fitness for a particular purpose, title and non-infringement. To the maximum extent permitted by law, Mondaq expressly excludes all representations, warranties, obligations, and liabilities arising out of or in connection with all Content. In no event shall Mondaq and/or its respective suppliers be liable for any special, indirect or consequential damages or any damages whatsoever resulting from loss of use, data or profits, whether in an action of contract, negligence or other tortious action, arising out of or in connection with the use of the Content or performance of Mondaq’s Services.

General

Mondaq may alter or amend these Terms by amending them on the Website. By continuing to Use the Services and/or the Website after such amendment, you will be deemed to have accepted any amendment to these Terms.

These Terms shall be governed by and construed in accordance with the laws of England and Wales and you irrevocably submit to the exclusive jurisdiction of the courts of England and Wales to settle any dispute which may arise out of or in connection with these Terms. If you live outside the United Kingdom, English law shall apply only to the extent that English law shall not deprive you of any legal protection accorded in accordance with the law of the place where you are habitually resident ("Local Law"). In the event English law deprives you of any legal protection which is accorded to you under Local Law, then these terms shall be governed by Local Law and any dispute or claim arising out of or in connection with these Terms shall be subject to the non-exclusive jurisdiction of the courts where you are habitually resident.

You may print and keep a copy of these Terms, which form the entire agreement between you and Mondaq and supersede any other communications or advertising in respect of the Service and/or the Website.

No delay in exercising or non-exercise by you and/or Mondaq of any of its rights under or in connection with these Terms shall operate as a waiver or release of each of your or Mondaq’s right. Rather, any such waiver or release must be specifically granted in writing signed by the party granting it.

If any part of these Terms is held unenforceable, that part shall be enforced to the maximum extent permissible so as to give effect to the intent of the parties, and the Terms shall continue in full force and effect.

Mondaq shall not incur any liability to you on account of any loss or damage resulting from any delay or failure to perform all or any part of these Terms if such delay or failure is caused, in whole or in part, by events, occurrences, or causes beyond the control of Mondaq. Such events, occurrences or causes will include, without limitation, acts of God, strikes, lockouts, server and network failure, riots, acts of war, earthquakes, fire and explosions.

By clicking Register you state you have read and agree to our Terms and Conditions