Italy: Le Sanzioni Per Il Responsabile Del Trattamento Dopo Il GDPR: Non E' Poi Tutto Cosi' Chiaro

Last Updated: 28 March 2018
Article by NATALIA JURISCH

Ormai è sulla bocca di tutti: il 25 maggio entrerà in vigore il Regolamento (UE) 679/2016 sulla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, meglio noto come GDPR, l'acronimo inglese ormai d'uso prevalente (di seguito anche "Regolamento").

L'intento del legislatore europeo, palesato nei numerosi considerando del Regolamento, è quello di uniformare la disciplina del trattamento dei dati personali nella UE, innalzando gli standard di tutela riconosciuti e garantiti ai soggetti interessati al trattamento.

Uno dei mezzi per raggiungere al meglio tali obiettivi è senza dubbio il principio di responsabilizzazione (o "accountability"), in base al quale non solo il titolare, ma anche – per la prima volta – il responsabile del trattamento sono direttamente responsabili delle violazioni commesse nell'ambito delle attività o fasi del trattamento di rispettiva competenza.

Si tratta senza dubbio di una delle principali novità introdotte dal Regolamento, che peraltro non sembra ad oggi aver attirato l'attenzione che ci si sarebbe aspettati.

Entrambi i soggetti, quindi, sono tenuti – ed ognuno risponde per sé in caso contrario – a porre in essere tutte le misure necessarie perché i dati vengano trattati in conformità al Regolamento. In tale ottica, il principio di responsabilizzazione passa non solo attraverso una migliore conoscenza della normativa, ma soprattutto attraverso una presa di coscienza, da parte dei soggetti che sono coinvolti nel trattamento, delle relative implicazioni, dei rischi connessi e di ciò che è necessario fare per limitare tali rischi1.

Per assicurare che sia il titolare sia il responsabile del trattamento adempiano con la massima diligenza agli obblighi prescritti dal GDPR, il Regolamento, oltre a riconoscere il diritto al risarcimento dei danni subiti da chiunque (dunque non solo l'interessato) a causa di una violazione del Regolamento2, prevede un sistema sanzionatorio articolato su due livelli: sanzioni amministrative pecuniarie3, da un lato, e sanzioni penali, dall'altro.

Per quanto riguarda le sanzioni penali, in ottemperanza al principio di competenza esclusiva degli Stati membri in materia penale (come noto fanno eccezione solamente le aree di criminalità espressamente sancite all'art. 83 TFUE), il GDPR si limita a raccomandarne la previsione, lasciando ai legislatori nazionali piena autonomia, salvo il principio del ne bis in idem4. Gli Stati dovranno notificare le relative disposizioni di legge adottate alla Commissione entro il 25 maggio 2018.

Per quanto attiene le sanzioni amministrative, il quadro delineato dall'art. 83 GDPR è severo: a seconda della gravità delle violazioni i paragrafi 4 e 5 dell'art. 83 prevedono rispettivamente fino a 10 o 20 milioni di Euro o (se si tratta di imprese) fino al 2% o al 4% del fatturato mondiale totale annuo.

Come osservato, destinatari delle sanzioni amministrative possono essere sia il titolare, sia il responsabile del trattamento, ciascuno – almeno in linea di principio – a seconda degli obblighi di cui è gravato. Ciò si riflette chiaramente nel testo del paragrafo 2 dell'art. 83 GDPR, che, nell'elencare i criteri per valutare l'an e il quantum della sanzione pecuniaria, fa riferimento espresso (tra gli altri) al "grado di responsabilità del titolare del trattamento o del responsabile del trattamento" o alle "misure adottate dal titolare del trattamento o dal responsabile per attenuare il danno subito dagli interessati".

Dobbiamo però chiederci come, nella pratica, detto principio si concreterà. Detto in altri termini, non è sempre chiaro quando e in che limiti la responsabilità di una violazione potrà essere attribuita al responsabile del trattamento, quando al titolare e quando a entrambi.

Infatti, mentre il par. 4 lett. a) dell'art. 83 GDPR àncora la sanzione alla violazione degli "obblighi del titolare o del responsabile a norma degli articoli 85, 116, da 25 a 397, 428 e 439", in quanto da tali norme espressamente posti in capo al titolare e/o al responsabile, il par. 5 per l'applicazione delle sanzioni più gravi fa riferimento alla violazione di precetti, o di principi, o di obblighi dettati dal GDPR, non facendo invece menzione dei soggetti attivi della violazione stessa10.

E il punto sta proprio qui: come si individua allora chi, tra il titolare e il responsabile del trattamento, sarà soggetto alla sanzione, quando si parla della violazione di un principio di base del trattamento, o di un diritto dell'interessato oppure di un obbligo in tema di trasferimento dei dati?

Per meglio chiarire la questione, facciamo alcuni esempi.

Caso a) Trasferimento dei dati in un Paese fuori dal SEE.

Scenario 1. Nell'ambito del trattamento di dati, il responsabile del trattamento ha i propri server in un Paese terzo per il quale non c'è una decisione di adeguatezza della Commissione, né sono state adottate dal responsabile clausole di protezione né alcun altro meccanismo di adeguatezza. Il responsabile non informa il titolare del fatto di utilizzare server al di fuori del SEE.

Scenario 2. Nell'ambito del trattamento di dati, è il titolare ad avere dato espresse istruzioni al responsabile a trasferire i dati in un Paese terzo, nonostante non vi siano meccanismi di adeguatezza, né il consenso dell'interessato (in quanto rilevante). Il responsabile, vincolato dal contratto con il titolare, effettua il trasferimento, senza fare alcuna verifica, né sollevare obiezioni.

Caso b) Trattamento basato sul consenso.

Il titolare raccoglie dati per alcune determinate finalità, chiedendo il consenso agli interessati. Al responsabile del trattamento prescrive di effettuare il trattamento per una o più finalità per le quali non ha ottenuto il consenso, né esistono altre basi giuridiche legittimanti il trattamento. Il responsabile esegue le proprie obbligazioni contrattuali verso il titolare.

Nei casi sopra immaginati, al di là di eventuali clausole di manleva (operanti a livello civilistico), chi sarà sanzionato dall'autorità?

Chi scrive ritiene che, in ottemperanza al criterio del grado di responsabilità congiuntamente a quello del dolo o della colpa, nel Caso a) sub Scenario 1 tendenzialmente dovrebbe essere sanzionato il solo responsabile del trattamento, anche se permane un'area grigia, che potrebbe aprire la strada ad una sanzione anche nei confronti del titolare, ove in particolare il titolare non dimostri di aver quanto meno chiesto al responsabile del trattamento rassicurazioni sulla residenza dei dati trattati nell'ambito del loro rapporto.

Nello Scenario 2, ferma la punibilità del titolare, si potrebbe sostenere che il responsabile del trattamento ha adempiuto alle proprie obbligazioni contrattuali, cui era vincolato e che dunque non gli si possa muovere alcuna critica. Ritengo tuttavia che la questione sia un po' più complessa e che, laddove la mancanza di legittimità sia manifesta o facilmente riconoscibile ed il responsabile del trattamento abbia la possibilità di verificare, egli non potrà andare esente da sanzione pecuniaria, sebbene, probabilmente, in misura inferiore rispetto al titolare.

Chi scrive ritiene che tali soluzioni prospettate possano dirsi ragionevolmente in linea sia con il principio di personalità della responsabilità amministrativa, sia con quello di responsabilizzazione di cui al GDPR. In buona sostanza, l'idea è che i due soggetti siano sanzionabili dall'autorità se e nella misura in cui abbiano il potere di conoscere ed incidere sulla eventuale violazione in corso.

Così, per tornare agli esempi sopra proposti, nell'opinione di chi scrive sarebbe troppo gravoso pretendere che al responsabile del trattamento di cui al Caso b) sia richiesto di verificare la sussistenza di tutti i consensi (o di altra base legale) per tutti i trattamenti che attua nell'interesse del titolare.

Tuttavia, quello che non sappiamo, e che sarà da vedere, è fino a che limite sarà richiesto che ciascuno dei due soggetti coinvolti nel trattamento verifichi che l'altro abbia effettivamente le carte in regola, sperando nel sempre auspicato buon senso delle autorità che tracceranno questo limite. Ad ogni modo, mi pare che questo bilanciamento di responsabilità tra titolare e responsabile del trattamento sia una delle aree che, alla luce delle novità introdotte dal GDPR, meritano particolare attenzione, soprattutto da parte dei consulenti, che dovranno guidare i rispettivi clienti (siano essi titolari o responsabili) nell'evitare di esporsi alle sanzioni previste dal GDPR o minimizzarne il rischio.

Footnotes

1 A titolo di esempio, un corollario di tale presa di coscienza è l'eliminazione delle consultazioni e delle autorizzazioni preventive delle autorità di controllo (in Italia, il Garante della Privacy), mantenute solo per poche tassative ipotesi in cui il rischio connesso al trattamento è stato reputato dal legislatore europeo particolarmente alto.

2 A norma dell'art. 82 GDPR, il risarcimento è dovuto anche in solido, quando il titolare e il responsabile del trattamento abbiano entrambi concorso alla realizzazione del danno. Si badi che il risarcimento non è dovuto solamente all'interessato del trattamento, ma a chiunque subisca un danno materiale o immateriale causato da una violazione del Regolamento.

3 Restano ferme le ingiunzioni, gli ammonimenti e tutti i provvedimenti che, ex art. 58 GDPR, l'autorità può applicare in ogni caso di condotte illegittime.

4 Il legislatore italiano aveva già introdotto nel d.lgs. 196/2003 (Codice della Privacy) delle fattispecie di reato per le ipotesi di violazione più grave. Tali fattispecie sono formulate con la tecnica del rinvio alle norme. Pertanto, posto che il Regolamento fa salve le disposizioni nazionali salva incompatibilità, in attesa di un intervento di coordinamento tra le nuove norme del GDPR e le fattispecie penali previste dal Codice della Privacy, l'interprete dovrà capire l'ambito di permanenza in vigore ed applicabilità delle attuali norme incriminatrici sulla base di un'analisi sostanziale del contenuto delle disposizioni cui fanno rinvio in termini di compatibilità con il GDPR.

5 Art. 8 Consenso del minore.

6 Art. 11 Trattamento che non richiede l'identificazione.

7 Art. 25 Protezione dei dati fin dalla progettazione e protezione per impostazione predefinita; Art. 26 Contitolari del trattamento; Art. 27 Rappresentanti di titolari del trattamento o dei responsabili del trattamento non stabiliti nell'Unione; Art. 28 Responsabile del trattamento; Art. 29 Trattamento sotto l'autorità del titolare del trattamento o del responsabile del trattamento; Art. 30 Registri delle attività di trattamento; Art. 31 Cooperazione con l'autorità di controllo; Art. 32 Sicurezza del trattamento; Art. 33 Notifica di una violazione dei dati personali all'autorità di controllo; Art. 34 Comunicazione di una violazione dei dati personali all'interessato; Art. 35 Valutazione d'impatto sulla protezione dei dati; Art. 36 Consultazione preventiva; Art. 37 Designazione del responsabile della protezione dei dati; Art. 38 Posizione del responsabile della protezione dei dati; Art. 39 Compiti del responsabile della protezione dei dati.

8 Art. 42 Certificazione.

9 Art. 43 Organismi di certificazione.

10 In conformità al paragrafo 2, la violazione delle disposizioni seguenti è soggetta a sanzioni amministrative pecuniarie fino a 20 000 000 EUR, o per le imprese, fino al 4 % del fatturato mondiale totale annuo dell'esercizio precedente, se superiore:

  1. i principi di base del trattamento, comprese le condizioni relative al consenso, a norma degli articoli 5, 6, 7 e 9;
  2. i diritti degli interessati a norma degli articoli da 12 a 22;
  3. i trasferimenti di dati personali a un destinatario in un paese terzo o un'organizzazione internazionale a norma degli articoli da 44 a 49;
  4. qualsiasi obbligo ai sensi delle legislazioni degli Stati membri adottate a norma del capo IX;
  5. l'inosservanza di un ordine, di una limitazione provvisoria o definitiva di trattamento o di un ordine di sospensione dei flussi di dati dell'auto.

The content of this article is intended to provide a general guide to the subject matter. Specialist advice should be sought about your specific circumstances.

To print this article, all you need is to be registered on Mondaq.com.

Click to Login as an existing user or Register so you can print this article.

Authors
 
Some comments from our readers…
“The articles are extremely timely and highly applicable”
“I often find critical information not available elsewhere”
“As in-house counsel, Mondaq’s service is of great value”

Related Topics
 
Related Articles
 
Related Video
Up-coming Events Search
Tools
Print
Font Size:
Translation
Channels
Mondaq on Twitter
 
Register for Access and our Free Biweekly Alert for
This service is completely free. Access 250,000 archived articles from 100+ countries and get a personalised email twice a week covering developments (and yes, our lawyers like to think you’ve read our Disclaimer).
 
Email Address
Company Name
Password
Confirm Password
Position
Mondaq Topics -- Select your Interests
 Accounting
 Anti-trust
 Commercial
 Compliance
 Consumer
 Criminal
 Employment
 Energy
 Environment
 Family
 Finance
 Government
 Healthcare
 Immigration
 Insolvency
 Insurance
 International
 IP
 Law Performance
 Law Practice
 Litigation
 Media & IT
 Privacy
 Real Estate
 Strategy
 Tax
 Technology
 Transport
 Wealth Mgt
Regions
Africa
Asia
Asia Pacific
Australasia
Canada
Caribbean
Europe
European Union
Latin America
Middle East
U.K.
United States
Worldwide Updates
Registration (you must scroll down to set your data preferences)

Mondaq Ltd requires you to register and provide information that personally identifies you, including your content preferences, for three primary purposes (full details of Mondaq’s use of your personal data can be found in our Privacy and Cookies Notice):

  • To allow you to personalize the Mondaq websites you are visiting to show content ("Content") relevant to your interests.
  • To enable features such as password reminder, news alerts, email a colleague, and linking from Mondaq (and its affiliate sites) to your website.
  • To produce demographic feedback for our content providers ("Contributors") who contribute Content for free for your use.

Mondaq hopes that our registered users will support us in maintaining our free to view business model by consenting to our use of your personal data as described below.

Mondaq has a "free to view" business model. Our services are paid for by Contributors in exchange for Mondaq providing them with access to information about who accesses their content. Once personal data is transferred to our Contributors they become a data controller of this personal data. They use it to measure the response that their articles are receiving, as a form of market research. They may also use it to provide Mondaq users with information about their products and services.

Details of each Contributor to which your personal data will be transferred is clearly stated within the Content that you access. For full details of how this Contributor will use your personal data, you should review the Contributor’s own Privacy Notice.

Please indicate your preference below:

Yes, I am happy to support Mondaq in maintaining its free to view business model by agreeing to allow Mondaq to share my personal data with Contributors whose Content I access
No, I do not want Mondaq to share my personal data with Contributors

Also please let us know whether you are happy to receive communications promoting products and services offered by Mondaq:

Yes, I am happy to received promotional communications from Mondaq
No, please do not send me promotional communications from Mondaq
Terms & Conditions

Mondaq.com (the Website) is owned and managed by Mondaq Ltd (Mondaq). Mondaq grants you a non-exclusive, revocable licence to access the Website and associated services, such as the Mondaq News Alerts (Services), subject to and in consideration of your compliance with the following terms and conditions of use (Terms). Your use of the Website and/or Services constitutes your agreement to the Terms. Mondaq may terminate your use of the Website and Services if you are in breach of these Terms or if Mondaq decides to terminate the licence granted hereunder for any reason whatsoever.

Use of www.mondaq.com

To Use Mondaq.com you must be: eighteen (18) years old or over; legally capable of entering into binding contracts; and not in any way prohibited by the applicable law to enter into these Terms in the jurisdiction which you are currently located.

You may use the Website as an unregistered user, however, you are required to register as a user if you wish to read the full text of the Content or to receive the Services.

You may not modify, publish, transmit, transfer or sell, reproduce, create derivative works from, distribute, perform, link, display, or in any way exploit any of the Content, in whole or in part, except as expressly permitted in these Terms or with the prior written consent of Mondaq. You may not use electronic or other means to extract details or information from the Content. Nor shall you extract information about users or Contributors in order to offer them any services or products.

In your use of the Website and/or Services you shall: comply with all applicable laws, regulations, directives and legislations which apply to your Use of the Website and/or Services in whatever country you are physically located including without limitation any and all consumer law, export control laws and regulations; provide to us true, correct and accurate information and promptly inform us in the event that any information that you have provided to us changes or becomes inaccurate; notify Mondaq immediately of any circumstances where you have reason to believe that any Intellectual Property Rights or any other rights of any third party may have been infringed; co-operate with reasonable security or other checks or requests for information made by Mondaq from time to time; and at all times be fully liable for the breach of any of these Terms by a third party using your login details to access the Website and/or Services

however, you shall not: do anything likely to impair, interfere with or damage or cause harm or distress to any persons, or the network; do anything that will infringe any Intellectual Property Rights or other rights of Mondaq or any third party; or use the Website, Services and/or Content otherwise than in accordance with these Terms; use any trade marks or service marks of Mondaq or the Contributors, or do anything which may be seen to take unfair advantage of the reputation and goodwill of Mondaq or the Contributors, or the Website, Services and/or Content.

Mondaq reserves the right, in its sole discretion, to take any action that it deems necessary and appropriate in the event it considers that there is a breach or threatened breach of the Terms.

Mondaq’s Rights and Obligations

Unless otherwise expressly set out to the contrary, nothing in these Terms shall serve to transfer from Mondaq to you, any Intellectual Property Rights owned by and/or licensed to Mondaq and all rights, title and interest in and to such Intellectual Property Rights will remain exclusively with Mondaq and/or its licensors.

Mondaq shall use its reasonable endeavours to make the Website and Services available to you at all times, but we cannot guarantee an uninterrupted and fault free service.

Mondaq reserves the right to make changes to the services and/or the Website or part thereof, from time to time, and we may add, remove, modify and/or vary any elements of features and functionalities of the Website or the services.

Mondaq also reserves the right from time to time to monitor your Use of the Website and/or services.

Disclaimer

The Content is general information only. It is not intended to constitute legal advice or seek to be the complete and comprehensive statement of the law, nor is it intended to address your specific requirements or provide advice on which reliance should be placed. Mondaq and/or its Contributors and other suppliers make no representations about the suitability of the information contained in the Content for any purpose. All Content provided "as is" without warranty of any kind. Mondaq and/or its Contributors and other suppliers hereby exclude and disclaim all representations, warranties or guarantees with regard to the Content, including all implied warranties and conditions of merchantability, fitness for a particular purpose, title and non-infringement. To the maximum extent permitted by law, Mondaq expressly excludes all representations, warranties, obligations, and liabilities arising out of or in connection with all Content. In no event shall Mondaq and/or its respective suppliers be liable for any special, indirect or consequential damages or any damages whatsoever resulting from loss of use, data or profits, whether in an action of contract, negligence or other tortious action, arising out of or in connection with the use of the Content or performance of Mondaq’s Services.

General

Mondaq may alter or amend these Terms by amending them on the Website. By continuing to Use the Services and/or the Website after such amendment, you will be deemed to have accepted any amendment to these Terms.

These Terms shall be governed by and construed in accordance with the laws of England and Wales and you irrevocably submit to the exclusive jurisdiction of the courts of England and Wales to settle any dispute which may arise out of or in connection with these Terms. If you live outside the United Kingdom, English law shall apply only to the extent that English law shall not deprive you of any legal protection accorded in accordance with the law of the place where you are habitually resident ("Local Law"). In the event English law deprives you of any legal protection which is accorded to you under Local Law, then these terms shall be governed by Local Law and any dispute or claim arising out of or in connection with these Terms shall be subject to the non-exclusive jurisdiction of the courts where you are habitually resident.

You may print and keep a copy of these Terms, which form the entire agreement between you and Mondaq and supersede any other communications or advertising in respect of the Service and/or the Website.

No delay in exercising or non-exercise by you and/or Mondaq of any of its rights under or in connection with these Terms shall operate as a waiver or release of each of your or Mondaq’s right. Rather, any such waiver or release must be specifically granted in writing signed by the party granting it.

If any part of these Terms is held unenforceable, that part shall be enforced to the maximum extent permissible so as to give effect to the intent of the parties, and the Terms shall continue in full force and effect.

Mondaq shall not incur any liability to you on account of any loss or damage resulting from any delay or failure to perform all or any part of these Terms if such delay or failure is caused, in whole or in part, by events, occurrences, or causes beyond the control of Mondaq. Such events, occurrences or causes will include, without limitation, acts of God, strikes, lockouts, server and network failure, riots, acts of war, earthquakes, fire and explosions.

By clicking Register you state you have read and agree to our Terms and Conditions