Italy: Libano, Imposizione Fiscale E Segreto Bancario: Sfide Locali E Soluzioni Nei Rapporti Con l'Italia

Last Updated: 19 September 2017
Article by Claudia Caluori

 Per lungo tempo il Libano è stato noto a tutti per il regime di segretezza vigente nel sistema bancario, che risulta essere uno dei piu forti e stabili al mondo dal 1956, anno dell'entrata in vigore della legge che istituisce il vincolo per le banche.

Eppure, in seguito ai recenti eventi che hanno scosso il mercato finanziario e bancario internazionale, a partire dalla crisi globale, passando per i centri offshore, fino al più recente scandalo dei panama papers, le amministrazioni statali pretendono piu trasparenza e uniformità di disciplina da parte tanto degli operatori quanto dei contribuenti.

In uno scenario simile e considerando il numero crescente di operazioni a livello globale, mantenere inviolato il segreto bancario diventa sempre più difficile.

COSA ACCADE

Nel maggio 2016 il Libano ha formalmente aderito al Global Forum sulla Trasparenza e lo Scambio delle Informazioni ai fini fiscali, e si è impegnato ad applicare una serie di riforme che porteranno ad integrare la legislazione domestica con gli Standard dell'OCSE in ambito tributario. Gli Standard impongono l'obbligo, in capo alle Amministrazioni finanziarie degli Stati aderenti, di scambiare reciprocamente ed automaticamente i dati relativi ai conti finanziari detenuti da soggetti non residenti ad esse trasmessi dalle istituzioni finanziarie (banche, fondi comuni, assicurazioni, trust, fondazioni ecc.) localizzate nel loro territorio.

Conosciuta anche come AEOI (Automatic Exchange of Information) o SAI (Scambio automatico delle informazioni), la normativa prevede l'introduzione di regole comuni in materia di rendicontazione (reporting), analisi dei conti (due diligence) e scambio delle informazioni (exchange of information), per permettere una comunicazione più fluida tra tutti i Paesi aderenti. Dalla mancata applicazione degli Standard deriva per gli attori locali (banche, aziende e individui) la violazione delle leggi, e per il Libano l'iscrizione nella blacklist ed il rischio di non essere più considerato attore chiave nella comunità economica internazionale.

Problematiche vengono sollevate dal fatto che il modello Ocse abolisce il segreto bancario, finanziario e fiduciario quando un'amministrazione finanziaria di uno Stato chiede a un'altra amministrazione di uno Stato contraente informazioni finanziarie su un suo contribuente residente.

In base agli accordi, a partire da settembre 2018, il Libano scambierà automaticamente informazioni sui soggetti non residenti (fiscali), e avrà accesso alle informazioni sui residenti che detengono beni all'estero.

Adesione e impegno non equivalgono, tuttavia, a preparazione. Il Paese attualmente non possiede un'organizzazione tale a livello di classificazione delle informazioni né un quadro normativo ed amministrativo tale da introdurre speditamente quanto richiesto dall'OCSE. Inoltre decenni di segreto bancario non possono essere sotterrati senza preavviso e tutela per i beneficiari.

La sfida attuale del Libano è, dunque, bilanciare il segreto bancario con l'introduzione di leggi conformi agli standard internazionali.

PERCHE QUESTE RIFORME

Le nuove normative hanno come scopo ultimo la lotta all'evasione fiscale e l'emersione delle operazioni sospette a fini di riciclaggio, o autoriciclaggio, basato su reati a presupposto tributario. Le ragioni sottese a tale sistema risiedono nel comune interesse delle amministrazioni nazionali di promuovere crescita economica e prosperità a livello globale mediante la circolazione trasparente e l'accuratezza delle informazioni riguardanti beni detenuti in giurisdizioni diverse da quella di residenza.

CHI È COINVOLTO

La nuova normativa impatterà le istituzioni finanziare che hanno l'obbligo di comunicare le informazioni: banche, broker, trust, fiduciarie, compagnie assicurative, anche se solo per alcuni prodotti, ed alcuni fondi collettivi di investimento.

Questi dovranno organizzare e poi comunicare alle amministrazioni competenti informazioni su:

  • individui/persone fisiche non residenti che detengono conti/beni tassabili, e residenti che detegono beni all'estero;
  • enti/società che svolgono attivita ed individuabili in base al luogo di residenza o di costituzione;
  • conti detenuti da un ente passivo che abbia uno o piu controllanti soggetti a verifiche (per controllanti si intende la persona fisica o le che detenga una partecipazione di controllo o che eserci un controllo finale su un trust);
  • alcuni prodotti assicurativi, quali ad esempio i contratti di rendita.

Un aspetto cruciale dell'impalcatura SAI che toccherà i residenti libanesi è l'imposizione fiscale a cui sarà soggetto il fatturato derivato da redditi passivi percepiti all'estero: un tale fatturato fino ad oggi non è stato considerato stante il vigente principio di territorialità nel sistema tributario nazionale.

Nessuna preoccupazione, invece, per i Libanesi residenti nel proprio Paese di origine, in capo ai quali non sorge alcun obbligo di comunicazione e i cui dati non saranno condivisi dagli operatori finanziari con l'amministrazione tributaria.

QUANDO AVVERRÀ LO SCAMBIO

Le scadenze previste dalla SAI seguono le diverse fasi della procedura ed i corrispondenti adempimenti. In altre parole, l'effettiva applicazione dei CRS avviene dal 31 dicembre 2016 per tutti i conti preesistenti e dal 1 gennaio 2017 per tutti i "nuovi" conti (ovvero aperti successivamente a quella data); le banche e gli istituti finanziari interessati dovranno svolgere la due diligence entro il 31 dicembre 2017 sui conti bancari individuali preesistenti con saldo superiore a $ 1 ml (cd. high-value), ed per tutti gli altri conti preesistenti entro il 31 dicembre 2018. Infine, il primo scambio pertinente ai nuovi conti e ai conti preesistenti superiori a $ 1 ml avverrà a settembre 2018 relativamente all'anno fiscale 2017, mentre per gli altri è prevista ad un anno di distanza nel 2019.

COME AVVIENE L'APPLICAZIONE DEI CRS

Il desiderio del Libano di conformarsi alle disposizioni internazionali, non solo all'AEOI ma prima di questo al FATCA, per preservare la propria reputazione a livello globale comporteranno nel futuro una serie di continui, seppur graduali, cambiamenti.

Le prime applicazioni della disciplina internazionale si riscontrano in alcune leggi recenti approvate dal governo libanese allo scopo di combattere l'evasione fiscale. Sono atti di poco successivi all'emissione del rapporto supplementare del Global Forum sul Libano e dimostrarno la forte volontà del Paese di conformarsi ai criteri OCSE.

Ad esempio, già la legge n. 43 del 24 novembre 2015, autorizzava il governo a concludere accordi bilaterali o multilaterali per lo scambio di informazioni, invece la più recente legge n. 55 del 27 ottobre 2016, che integra e abroga la legge n. 43, prevede le procedure e individua le autorità responsabili per lo scambio delle informazioni sia su richiesta che automatico.

Per consentire l'effettivo rispetto della legge n. 55 in combinato disposto con la legge del 1956, l'ordinamento prevede che qualora le informazioni oggetto di comunicazione risultino essere protette dal segreto bancario, la richiesta sia inoltrata al SIC (Special Investigation Commission) con un parere di revisione da parte Ministero delle Finanze, prima che possa essere divulgata all'amministrazione fiscale straniera sulla base di un accordo di SAI. Il SIC è un organismo istituito in seno alla Banca Centrale del Libano con legge n. 318 del 20 aprile 2001 – in seguito al primo report del FATF del giugno 2000 – a tutela del segreto bancario e a difesa dell'identità e dei dati sensibili dei clienti.

Oltre alla citata legge n. 55, gli ultimi mesi hanno visto l'approvazione di altri atti normativi, che affiancano la vigente disciplina fiscale e tributaria. In particolare, ai sensi della l. n. 44/2015, l'evasione fiscale è attualmente considerata quale reato presupposto per la configurazione dei reati di riciclaggio e finanziamento al terrorismo; la l. 75/2016 cancella di fatto dal diritto societario libanese le azioni al portatore proibendole, mentre la l. 74/2016 impone obblighi fiscali ai soggetti che svolgono attività in qualità di Trustee. Infine, la l. 60/2016 introduce nell'ordinamento la definizione di "residenza" sia per gli enti sia per gli individui, nozione che non aveva ancora trovato spazio nei codici e che adesso diviene obbligatoria ai sensi dei CRS.

EFFETTI E SOLUZIONI NEL RAPPORTO CON L'ITALIA

Anche l'Italia, come tutti i Paesi membri dell'Unione Europea, sta provvedendo ad adeguare il proprio sistema domestico ai CRS.

Il Ministero dell'Economia e delle Finanze italiano già nel giugno 2015 ha emesso il decreto di attuazione della legge 18 giugno 2015, n. 95, e della direttiva 2014/107/UE del Consiglio del 9 dicembre 2014, così disciplinando le modalità di rilevazione, trasmissione e comunicazione all'Agenzia delle entrate delle informazioni relative ai conti finanziari, nonché le procedure relative agli obblighi di adeguata verifica ("due diligence") ai fini fiscali.

Un sistema interno ed internazionale così articolato fa sorgere la necessità di superare gli ostacoli giuridici connessi all'applicazione della normativa e di rendere lo scambio di informazioni reciproco.

Le relazioni di scambio tra gli Stati aderenti attualmente trovano fondamento in diversi strumenti giuridici, come il CRS MCAA (Multilateral Competent Authority Agreement on AEOI), oppure su accordi bilaterali per evitare la doppia imposizione fiscale, come ad esempio quello vigente tra Libano e Italia dal 2011.

La Voluntary Disclosure 2.0

A fronte della difficoltà sempre crescente di tenere celati capitali all'estero e del rischio sempre maggiore di incorrere in sanzioni non solo amministrative e tributarie ma anche penali, ci sono strumenti messi a disposizione delle Amministrazioni competenti.

Per favorire la regolarizzazione dei patrimoni esteri ai propri residenti, l'Italia – come già aveva fatto nel 2015 – ha reintrodotto la procedura di Voluntary Disclosure cd. 2.0, per l'anno fiscale 2016 e per gli anni che sono ancora oggetto di accertamento da parte dell'amministrazione tributaria.

Il decreto legge n. 193/2016 ha previsto la riapertura dei termini della procedura di collaborazione volontaria relativa alle violazioni agli obblighi di dichiarazione annuale dei capitali detenuti all'estero compiute fino al 30 settembre 2016. La procedura prevede la possibilità di pagare integralmente imposte evase e interessi e al tempo stesso riduce in maniera significativa le conseguenti sanzioni.

La richiesta puo' essere trasmessa entro il 31 luglio 2017, ed entro il 30 settembre 2017 possono essere inoltrati relazione e relativa documentazione. Lo scorso 28 dicembre 2016, l'Agenzia delle entrate ha diffuso la circolare che indica le informazioni necessarie da includere nella relazione in maniera analitica e per ogni annualità d'imposta oggetto della procedura.

The content of this article is intended to provide a general guide to the subject matter. Specialist advice should be sought about your specific circumstances.

To print this article, all you need is to be registered on Mondaq.com.

Click to Login as an existing user or Register so you can print this article.

Authors
 
Some comments from our readers…
“The articles are extremely timely and highly applicable”
“I often find critical information not available elsewhere”
“As in-house counsel, Mondaq’s service is of great value”

Related Topics
 
Related Articles
 
Up-coming Events Search
Tools
Print
Font Size:
Translation
Channels
Mondaq on Twitter
 
Mondaq Sign Up
Gain free access to lawyers expertise from more than 250 countries.
 
Email Address
Company Name
Password
Confirm Password
Country
Position
Industry
Mondaq Newsalert
Select Topics
Select Regions
Registration (please scroll down to set your data preferences)

Mondaq Ltd requires you to register and provide information that personally identifies you, including your content preferences, for three primary purposes (full details of Mondaq’s use of your personal data can be found in our Privacy and Cookies Notice):

  • To allow you to personalize the Mondaq websites you are visiting to show content ("Content") relevant to your interests.
  • To enable features such as password reminder, news alerts, email a colleague, and linking from Mondaq (and its affiliate sites) to your website.
  • To produce demographic feedback for our content providers ("Contributors") who contribute Content for free for your use.

Mondaq hopes that our registered users will support us in maintaining our free to view business model by consenting to our use of your personal data as described below.

Mondaq has a "free to view" business model. Our services are paid for by Contributors in exchange for Mondaq providing them with access to information about who accesses their content. Once personal data is transferred to our Contributors they become a data controller of this personal data. They use it to measure the response that their articles are receiving, as a form of market research. They may also use it to provide Mondaq users with information about their products and services.

Details of each Contributor to which your personal data will be transferred is clearly stated within the Content that you access. For full details of how this Contributor will use your personal data, you should review the Contributor’s own Privacy Notice.

Please indicate your preference below:

Yes, I am happy to support Mondaq in maintaining its free to view business model by agreeing to allow Mondaq to share my personal data with Contributors whose Content I access
No, I do not want Mondaq to share my personal data with Contributors

Also please let us know whether you are happy to receive communications promoting products and services offered by Mondaq:

Yes, I am happy to received promotional communications from Mondaq
No, please do not send me promotional communications from Mondaq
Terms & Conditions

Mondaq.com (the Website) is owned and managed by Mondaq Ltd (Mondaq). Mondaq grants you a non-exclusive, revocable licence to access the Website and associated services, such as the Mondaq News Alerts (Services), subject to and in consideration of your compliance with the following terms and conditions of use (Terms). Your use of the Website and/or Services constitutes your agreement to the Terms. Mondaq may terminate your use of the Website and Services if you are in breach of these Terms or if Mondaq decides to terminate the licence granted hereunder for any reason whatsoever.

Use of www.mondaq.com

To Use Mondaq.com you must be: eighteen (18) years old or over; legally capable of entering into binding contracts; and not in any way prohibited by the applicable law to enter into these Terms in the jurisdiction which you are currently located.

You may use the Website as an unregistered user, however, you are required to register as a user if you wish to read the full text of the Content or to receive the Services.

You may not modify, publish, transmit, transfer or sell, reproduce, create derivative works from, distribute, perform, link, display, or in any way exploit any of the Content, in whole or in part, except as expressly permitted in these Terms or with the prior written consent of Mondaq. You may not use electronic or other means to extract details or information from the Content. Nor shall you extract information about users or Contributors in order to offer them any services or products.

In your use of the Website and/or Services you shall: comply with all applicable laws, regulations, directives and legislations which apply to your Use of the Website and/or Services in whatever country you are physically located including without limitation any and all consumer law, export control laws and regulations; provide to us true, correct and accurate information and promptly inform us in the event that any information that you have provided to us changes or becomes inaccurate; notify Mondaq immediately of any circumstances where you have reason to believe that any Intellectual Property Rights or any other rights of any third party may have been infringed; co-operate with reasonable security or other checks or requests for information made by Mondaq from time to time; and at all times be fully liable for the breach of any of these Terms by a third party using your login details to access the Website and/or Services

however, you shall not: do anything likely to impair, interfere with or damage or cause harm or distress to any persons, or the network; do anything that will infringe any Intellectual Property Rights or other rights of Mondaq or any third party; or use the Website, Services and/or Content otherwise than in accordance with these Terms; use any trade marks or service marks of Mondaq or the Contributors, or do anything which may be seen to take unfair advantage of the reputation and goodwill of Mondaq or the Contributors, or the Website, Services and/or Content.

Mondaq reserves the right, in its sole discretion, to take any action that it deems necessary and appropriate in the event it considers that there is a breach or threatened breach of the Terms.

Mondaq’s Rights and Obligations

Unless otherwise expressly set out to the contrary, nothing in these Terms shall serve to transfer from Mondaq to you, any Intellectual Property Rights owned by and/or licensed to Mondaq and all rights, title and interest in and to such Intellectual Property Rights will remain exclusively with Mondaq and/or its licensors.

Mondaq shall use its reasonable endeavours to make the Website and Services available to you at all times, but we cannot guarantee an uninterrupted and fault free service.

Mondaq reserves the right to make changes to the services and/or the Website or part thereof, from time to time, and we may add, remove, modify and/or vary any elements of features and functionalities of the Website or the services.

Mondaq also reserves the right from time to time to monitor your Use of the Website and/or services.

Disclaimer

The Content is general information only. It is not intended to constitute legal advice or seek to be the complete and comprehensive statement of the law, nor is it intended to address your specific requirements or provide advice on which reliance should be placed. Mondaq and/or its Contributors and other suppliers make no representations about the suitability of the information contained in the Content for any purpose. All Content provided "as is" without warranty of any kind. Mondaq and/or its Contributors and other suppliers hereby exclude and disclaim all representations, warranties or guarantees with regard to the Content, including all implied warranties and conditions of merchantability, fitness for a particular purpose, title and non-infringement. To the maximum extent permitted by law, Mondaq expressly excludes all representations, warranties, obligations, and liabilities arising out of or in connection with all Content. In no event shall Mondaq and/or its respective suppliers be liable for any special, indirect or consequential damages or any damages whatsoever resulting from loss of use, data or profits, whether in an action of contract, negligence or other tortious action, arising out of or in connection with the use of the Content or performance of Mondaq’s Services.

General

Mondaq may alter or amend these Terms by amending them on the Website. By continuing to Use the Services and/or the Website after such amendment, you will be deemed to have accepted any amendment to these Terms.

These Terms shall be governed by and construed in accordance with the laws of England and Wales and you irrevocably submit to the exclusive jurisdiction of the courts of England and Wales to settle any dispute which may arise out of or in connection with these Terms. If you live outside the United Kingdom, English law shall apply only to the extent that English law shall not deprive you of any legal protection accorded in accordance with the law of the place where you are habitually resident ("Local Law"). In the event English law deprives you of any legal protection which is accorded to you under Local Law, then these terms shall be governed by Local Law and any dispute or claim arising out of or in connection with these Terms shall be subject to the non-exclusive jurisdiction of the courts where you are habitually resident.

You may print and keep a copy of these Terms, which form the entire agreement between you and Mondaq and supersede any other communications or advertising in respect of the Service and/or the Website.

No delay in exercising or non-exercise by you and/or Mondaq of any of its rights under or in connection with these Terms shall operate as a waiver or release of each of your or Mondaq’s right. Rather, any such waiver or release must be specifically granted in writing signed by the party granting it.

If any part of these Terms is held unenforceable, that part shall be enforced to the maximum extent permissible so as to give effect to the intent of the parties, and the Terms shall continue in full force and effect.

Mondaq shall not incur any liability to you on account of any loss or damage resulting from any delay or failure to perform all or any part of these Terms if such delay or failure is caused, in whole or in part, by events, occurrences, or causes beyond the control of Mondaq. Such events, occurrences or causes will include, without limitation, acts of God, strikes, lockouts, server and network failure, riots, acts of war, earthquakes, fire and explosions.

By clicking Register you state you have read and agree to our Terms and Conditions