Italy: Novità In Materia Di Direct-Lending. Gli OICR Di Credito

In data 23 dicembre 2016, Banca d'Italia ha integrato il regolamento sulla gestione collettiva del risparmio (il "Regolamento") con cui, inter alia, viene data attuazione all'art. 46-ter del d.lgs. n. 58/1998 ("TUF"), introdotto con l'art. 17 del D.L. n. 18/2016, come convertito in legge, (il "Decreto"), che stabilisce le condizioni in base alle quali i Fondi di Investimento Alternativi UE (i "FIA UE") possono svolgere attività di investimento in crediti in Italia, sia sotto forma di erogazione diretta di finanziamenti che di acquisto crediti.
Il Regolamento è entrato in vigore il 5 gennaio 2017.
Al fine di esaminare le disposizioni di attuazione dell'art. 46-ter del TUF introdotte con il Regolamento, si riporta di seguito un breve recap della disciplina generale relativa alla concessione di finanziamenti da parte dei FIA (compresi quelli italiani) come prevista dal TUF a seguito delle modifiche apportate dal Decreto.

Il quadro normativo di riferimento

Il Decreto, come noto, ha introdotto alcune modifiche al TUF, al fine di disciplinare:

  1. l'attività di investimento in crediti da parte di FIA Italiani (art. 46-bis TUF) sotto forma di erogazione diretta di finanziamenti (potendo già tali FIA svolgere attività di acquisto crediti);
  2. l'attività di investimento in crediti da parte di FIA UE in Italia (art. 46-ter TUF), sia sotto forma di erogazione diretta di finanziamenti che di acquisto crediti.

Il Decreto ha inoltre introdotto l'art. 46-quater TUF, recante altre disposizioni applicabili in tema di FIA Italiani e di FIA UE in Italia.

Erogazione diretta di crediti da parte di Fondi di Investimento Alternativi Italiani (i "FIA Italiani")

Con l'introduzione dell'art. 46-bis TUF, il legislatore definitivamente chiarito che i FIA Italiani possano svolgere, oltre che attività di acquisto di crediti – a cui erano già ammessi - anche attività di erogazione diretta di finanziamenti, a valere sul proprio patrimonio, a favore di soggetti diversi da consumatori, nel rispetto delle norme del TUF e delle relative disposizioni di attuazione.
Con l'inserimento di tale previsione, il legislatore ha quindi finalmente attuato il processo di estensione dell'operatività dei FIA Italiani iniziato già nel 2014, con la legge n. 116/2014, con cui si era provveduto ad integrare la definizione di "Organismo di investimento collettivo del risparmio" di cui all'art. 1, lett. k) del TUF ("OICR"), prevedendo che gli OICR possono investire in crediti, inclusi quelli erogati a valere sul patrimonio dell'OICR stesso. Con il Decreto, il legislatore ha ribadito l'ammissibilità dell'erogazione diretta di crediti da parte di FIA Italiani specificando però che tale attività può essere svolta solo a favore di soggetti diversi dai consumatori nonché definendo la disciplina ad essi applicabile.
Infatti, sempre con riferimento ai FIA Italiani che svolgono attività di erogazione diretta di crediti, il nuovo art. 46-bis del TUF chiarisce che agli stessi fondi si applica il medesimo quadro regolamentare vigente per le altre categorie di OICR, ed in particolare:

  • le norme contenute nel Regolamento; e
  • il regolamento del Ministero dell'Economia e delle Finanze concernente la determinazione dei criteri generali cui devono uniformarsi gli Organismi di investimento collettivo del risparmio italiani, emanato con il decreto n. 30 del 5 marzo 2015 (il "Decreto MEF").

In considerazione di quanto sopra, l'OICR di credito:

  • investe il proprio patrimonio in crediti e titoli rappresentativi di crediti, ivi inclusi i crediti erogati a valere sul patrimonio dell'OICR;
  • è necessariamente un Fondo di Investimento Alternativo ("FIA");
  • può essere gestito solo da gestori di FIA ("GEFIA") autorizzati ed iscritti nell'apposita sezione dell'albo tenuto dalla Banca d'Italia;
  • non può avere durata superiore a quella dei crediti in cui è investito il proprio patrimonio;
  • può essere solo un FIA di tipo chiuso e

L'erogazione diretta di crediti da parte di FIA UE in Italia

Con l'articolo 46-ter TUF e le relative disposizioni attuative di cui al Regolamento, anche i FIA UE possono ora svolgere in Italia l'attività di (i) erogazione diretta di finanziamenti e (ii) acquisto di crediti.
Il Regolamento, in linea con l'articolo 46-ter TUF, prescrive che i gestori che gestiscono OICR di credito UE che intendono operare in Italia, investendo in crediti a valere sul proprio patrimonio, comunicano tale intenzione alla Banca d'Italia, mediante una comunicazione preventiva, almeno 60 giorni prima di poter iniziare ad operare (la "Comunicazione"). Con il Regolamento, inoltre, sono state dettagliate le informazioni che dovranno essere inserite nella Comunicazione, nonché i documenti che dovranno essere prodotti unitamente alla stessa.
A seguito della Comunicazione, la Banca d'Italia valuterà, in particolare, il ricorrere delle seguenti condizioni:

  • il FIA UE deve essere istituito ed operare in maniera compliant con le disposizioni contenute nella direttiva n. 2011/61/UE e nel regolamento europeo n. 231/2013 (il regolamento 213/2013/EU e la direttiva 2011/61/UE di seguito "Normativa AIFM");
  • il FIA UE, autorizzato dall'Autorità del proprio Stato Membro di origine, deve essere gestito da un gestore autorizzato e vigilato da un'autorità dello Stato Membro dell'Unione Europea ai sensi della Normativa AIFM ("GEFIA UE");
  • il GEFIA UE deve avviare le procedure necessarie ed assolvere agli adempimenti connessi con la possibilità di poter operare in uno Stato Membro diverso dal proprio Stato Membro di origine (cd. passporting);
  • il FIA UE deve essere autorizzato ad investire in crediti nel proprio Stato Membro di origine e, quindi, a svolgere l'attività di direct lending a valere sul proprio patrimonio;
  • il FIA UE deve essere di tipo chiuso  ed operare secondo schemi analoghi a quelli predefiniti dalla normativa italiana per i FIA autorizzati in Italia che investono in crediti;
  • le norme applicabili nello Stato Membro di origine del FIA UE impongono adempimenti equivalenti a quelli contenuti nelle norme del TUF, del Regolamento e del Decreto MEF per i FIA di credito italiani; ciò vale in particolare per gli aspetti connessi con (i) il contenimento e il frazionamento del rischio e (ii) i limiti di leva finanziaria.

La Banca d'Italia, qualora a seguito della valutazione complessiva del FIA UE riscontrasse delle criticità, può avviare un procedimento istruttorio entro 30 giorni dalla ricezione della Comunicazione, volto all'eventuale emanazione di un provvedimento di divieto nei confronti del FIA UE istante e, così, impedire l'avvio dell'operatività in Italia.
Al trascorrere dei sessanta giorni dall'avvenuta Comunicazione, e sempre nell'ipotesi in cui la Banca d'Italia non abbia emanato alcun provvedimento di divieto, gli OICR possono procedere con l'erogazione di crediti.
Occorre da ultimo evidenziare che, sulla base del quadro normativo delineato dall'art. 46-ter del TUF e dal Regolamento, la suddetta comunicazione preventiva è ulteriore e differente rispetto a quanto ad oggi richiesto dalla Normativa AIFM, e relative norme italiane di attuazione, ai GEFIA UE (i) per l'avvio dell'operatività di gestione in Italia, oppure, (ii) per la commercializzazione in Italia di quote o azioni di FIA UE.

L'operatività dei FIA nel quadro regolamentare e fiscale vigente

Nel contesto della nuova operatività soprattutto dei FIA UE, si riportano di seguito alcuni ulteriori spunti preliminari relativi all'applicazione delle disposizioni di trasparenza ed al regime fiscale relativo alle operazioni di finanziamento eseguite in Italia da FIA UE.
Si segnala in primo luogo che il nuovo articolo 46-quater del TUF, così come confermato dal Regolamento, introduce taluni specifici adempimenti con particolare riferimento alle vigenti disposizioni sulla trasparenza delle condizioni contrattuali e dei rapporti con i clienti di cui al Dlgs. N. 385/1993 ("TUB") .
In applicazione delle richiamate norme del TUB, anche i FIA italiani e i FIA UE di credito che operano in Italia devono assicurare il rispetto del Provvedimento del 29 luglio 2009 s.m.i. della Banca d'Italia concernente le "Disposizioni sulla trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari". A tal riguardo, si precisa che gli adempimenti ivi richiamati attengono principalmente alle disposizioni in materia di:

  • pubblicità e informativa precontrattuale;
  • fogli informativi, documento di sintesi e contratti;
  • indicatori sintetici di costo;
  • comunicazioni periodiche alla clientela.

Inoltre, come a suo tempo già comunicato dalla Banca d'Italia in attuazione dell'art. 8 comma 1-bis del TUF, ciascun FIA di credito che opera in Italia deve:

  • registrarsi e partecipare alla Centrale Rischi, ovvero il sevizio centralizzato dei rischi gestito dalla Banca d'Italia;
  • procedere, nel rispetto delle disposizioni regolamentari emanate dalla stessa Banca d'Italia e relative tempistiche, con le opportune comunicazioni alla Centrale Rischi con riferimento ad ogni singolo rapporto di credito.

Si rappresenta, altresì, che la Banca d'Italia può valutare, per i FIA UE di credito che saranno ammessi ad operare in Italia, l'applicazione di ulteriori disposizioni dirette a prevedere la loro partecipazione alla Centrale Rischi, magari per il tramite di altri intermediari finanziari ex articolo 106 TUB o banche autorizzate.
Infine, è bene ricordare che i FIA di credito rientrano nella più ampia definizione di organismi di investimento collettivo del risparmio (OICR) di cui all'art. 17 bis del D.P.R. n. 601/1973 e si precisa che le operazioni di finanziamento eseguite in Italia dal FIA UE sono idonee, qualora voluto dalle parti, ad essere soggette al regime dell'imposta sostitutiva (0,25% dell'importo del finanziamento), a condizione che il prestito sia erogato in Italia ed abbia una durata superiore a 18 mesi.
Se il finanziamento è soggetto a imposta sostitutiva dello 0,25%, lo stesso e le relative garanzie sono esenti da ogni imposta di registro, di bollo, ipotecarie e catastali o tasse di concessione governativa altrimenti applicabili.
Inoltre, nessuna ritenuta d'acconto dovrebbe essere applicabile sugli interessi corrisposti a condizione che:

  1. tali finanziamenti sono offerti ad imprese italiane con una scadenza contrattuale superiore a 18 mesi; e
  2. sono concessi da investitori istituzionali, tra i quali si ritiene possano rientrare i FIA in quanto soggetti sottoposti a vigilanza e residenti/con sede in una "giurisdizione white list"; e
  3. a condizione che l'operazione di finanziamento in questione risulti conforme alle leggi italiane in materia di concessione di finanziamenti.

The content of this article is intended to provide a general guide to the subject matter. Specialist advice should be sought about your specific circumstances.

To print this article, all you need is to be registered on Mondaq.com.

Click to Login as an existing user or Register so you can print this article.

Authors
 
Some comments from our readers…
“The articles are extremely timely and highly applicable”
“I often find critical information not available elsewhere”
“As in-house counsel, Mondaq’s service is of great value”

Up-coming Events Search
Tools
Print
Font Size:
Translation
Channels
Mondaq on Twitter
 
Register for Access and our Free Biweekly Alert for
This service is completely free. Access 250,000 archived articles from 100+ countries and get a personalised email twice a week covering developments (and yes, our lawyers like to think you’ve read our Disclaimer).
 
Email Address
Company Name
Password
Confirm Password
Position
Mondaq Topics -- Select your Interests
 Accounting
 Anti-trust
 Commercial
 Compliance
 Consumer
 Criminal
 Employment
 Energy
 Environment
 Family
 Finance
 Government
 Healthcare
 Immigration
 Insolvency
 Insurance
 International
 IP
 Law Performance
 Law Practice
 Litigation
 Media & IT
 Privacy
 Real Estate
 Strategy
 Tax
 Technology
 Transport
 Wealth Mgt
Regions
Africa
Asia
Asia Pacific
Australasia
Canada
Caribbean
Europe
European Union
Latin America
Middle East
U.K.
United States
Worldwide Updates
Check to state you have read and
agree to our Terms and Conditions

Terms & Conditions and Privacy Statement

Mondaq.com (the Website) is owned and managed by Mondaq Ltd and as a user you are granted a non-exclusive, revocable license to access the Website under its terms and conditions of use. Your use of the Website constitutes your agreement to the following terms and conditions of use. Mondaq Ltd may terminate your use of the Website if you are in breach of these terms and conditions or if Mondaq Ltd decides to terminate your license of use for whatever reason.

Use of www.mondaq.com

You may use the Website but are required to register as a user if you wish to read the full text of the content and articles available (the Content). You may not modify, publish, transmit, transfer or sell, reproduce, create derivative works from, distribute, perform, link, display, or in any way exploit any of the Content, in whole or in part, except as expressly permitted in these terms & conditions or with the prior written consent of Mondaq Ltd. You may not use electronic or other means to extract details or information about Mondaq.com’s content, users or contributors in order to offer them any services or products which compete directly or indirectly with Mondaq Ltd’s services and products.

Disclaimer

Mondaq Ltd and/or its respective suppliers make no representations about the suitability of the information contained in the documents and related graphics published on this server for any purpose. All such documents and related graphics are provided "as is" without warranty of any kind. Mondaq Ltd and/or its respective suppliers hereby disclaim all warranties and conditions with regard to this information, including all implied warranties and conditions of merchantability, fitness for a particular purpose, title and non-infringement. In no event shall Mondaq Ltd and/or its respective suppliers be liable for any special, indirect or consequential damages or any damages whatsoever resulting from loss of use, data or profits, whether in an action of contract, negligence or other tortious action, arising out of or in connection with the use or performance of information available from this server.

The documents and related graphics published on this server could include technical inaccuracies or typographical errors. Changes are periodically added to the information herein. Mondaq Ltd and/or its respective suppliers may make improvements and/or changes in the product(s) and/or the program(s) described herein at any time.

Registration

Mondaq Ltd requires you to register and provide information that personally identifies you, including what sort of information you are interested in, for three primary purposes:

  • To allow you to personalize the Mondaq websites you are visiting.
  • To enable features such as password reminder, newsletter alerts, email a colleague, and linking from Mondaq (and its affiliate sites) to your website.
  • To produce demographic feedback for our information providers who provide information free for your use.

Mondaq (and its affiliate sites) do not sell or provide your details to third parties other than information providers. The reason we provide our information providers with this information is so that they can measure the response their articles are receiving and provide you with information about their products and services.

If you do not want us to provide your name and email address you may opt out by clicking here .

If you do not wish to receive any future announcements of products and services offered by Mondaq by clicking here .

Information Collection and Use

We require site users to register with Mondaq (and its affiliate sites) to view the free information on the site. We also collect information from our users at several different points on the websites: this is so that we can customise the sites according to individual usage, provide 'session-aware' functionality, and ensure that content is acquired and developed appropriately. This gives us an overall picture of our user profiles, which in turn shows to our Editorial Contributors the type of person they are reaching by posting articles on Mondaq (and its affiliate sites) – meaning more free content for registered users.

We are only able to provide the material on the Mondaq (and its affiliate sites) site free to site visitors because we can pass on information about the pages that users are viewing and the personal information users provide to us (e.g. email addresses) to reputable contributing firms such as law firms who author those pages. We do not sell or rent information to anyone else other than the authors of those pages, who may change from time to time. Should you wish us not to disclose your details to any of these parties, please tick the box above or tick the box marked "Opt out of Registration Information Disclosure" on the Your Profile page. We and our author organisations may only contact you via email or other means if you allow us to do so. Users can opt out of contact when they register on the site, or send an email to unsubscribe@mondaq.com with “no disclosure” in the subject heading

Mondaq News Alerts

In order to receive Mondaq News Alerts, users have to complete a separate registration form. This is a personalised service where users choose regions and topics of interest and we send it only to those users who have requested it. Users can stop receiving these Alerts by going to the Mondaq News Alerts page and deselecting all interest areas. In the same way users can amend their personal preferences to add or remove subject areas.

Cookies

A cookie is a small text file written to a user’s hard drive that contains an identifying user number. The cookies do not contain any personal information about users. We use the cookie so users do not have to log in every time they use the service and the cookie will automatically expire if you do not visit the Mondaq website (or its affiliate sites) for 12 months. We also use the cookie to personalise a user's experience of the site (for example to show information specific to a user's region). As the Mondaq sites are fully personalised and cookies are essential to its core technology the site will function unpredictably with browsers that do not support cookies - or where cookies are disabled (in these circumstances we advise you to attempt to locate the information you require elsewhere on the web). However if you are concerned about the presence of a Mondaq cookie on your machine you can also choose to expire the cookie immediately (remove it) by selecting the 'Log Off' menu option as the last thing you do when you use the site.

Some of our business partners may use cookies on our site (for example, advertisers). However, we have no access to or control over these cookies and we are not aware of any at present that do so.

Log Files

We use IP addresses to analyse trends, administer the site, track movement, and gather broad demographic information for aggregate use. IP addresses are not linked to personally identifiable information.

Links

This web site contains links to other sites. Please be aware that Mondaq (or its affiliate sites) are not responsible for the privacy practices of such other sites. We encourage our users to be aware when they leave our site and to read the privacy statements of these third party sites. This privacy statement applies solely to information collected by this Web site.

Surveys & Contests

From time-to-time our site requests information from users via surveys or contests. Participation in these surveys or contests is completely voluntary and the user therefore has a choice whether or not to disclose any information requested. Information requested may include contact information (such as name and delivery address), and demographic information (such as postcode, age level). Contact information will be used to notify the winners and award prizes. Survey information will be used for purposes of monitoring or improving the functionality of the site.

Mail-A-Friend

If a user elects to use our referral service for informing a friend about our site, we ask them for the friend’s name and email address. Mondaq stores this information and may contact the friend to invite them to register with Mondaq, but they will not be contacted more than once. The friend may contact Mondaq to request the removal of this information from our database.

Emails

From time to time Mondaq may send you emails promoting Mondaq services including new services. You may opt out of receiving such emails by clicking below.

*** If you do not wish to receive any future announcements of services offered by Mondaq you may opt out by clicking here .

Security

This website takes every reasonable precaution to protect our users’ information. When users submit sensitive information via the website, your information is protected using firewalls and other security technology. If you have any questions about the security at our website, you can send an email to webmaster@mondaq.com.

Correcting/Updating Personal Information

If a user’s personally identifiable information changes (such as postcode), or if a user no longer desires our service, we will endeavour to provide a way to correct, update or remove that user’s personal data provided to us. This can usually be done at the “Your Profile” page or by sending an email to EditorialAdvisor@mondaq.com.

Notification of Changes

If we decide to change our Terms & Conditions or Privacy Policy, we will post those changes on our site so our users are always aware of what information we collect, how we use it, and under what circumstances, if any, we disclose it. If at any point we decide to use personally identifiable information in a manner different from that stated at the time it was collected, we will notify users by way of an email. Users will have a choice as to whether or not we use their information in this different manner. We will use information in accordance with the privacy policy under which the information was collected.

How to contact Mondaq

You can contact us with comments or queries at enquiries@mondaq.com.

If for some reason you believe Mondaq Ltd. has not adhered to these principles, please notify us by e-mail at problems@mondaq.com and we will use commercially reasonable efforts to determine and correct the problem promptly.