Italy: La Riforma Della Legge Fallimentare Italiana: Piu' Flessibilita' Per I Debitori E Ruolo Attivo Per I Creditori

Last Updated: 2 October 2015
Article by Francesco Squerzoni

Nel corso degli ultimi anni, il Legislatore ha profondamente riformato la sezione relativa alle procedure pre-fallimentari contenuta nel Regio Decreto n. 267 del 16 marzo 1942 (la "Legge Fallimentare"). Finalità dell'appena menzionata riforma è quella di mettere a disposizione delle imprese italiane in stato di crisi un apparato giuridico di procedure di insolvenza più moderno e flessibile, basato sull'iniziativa privata piuttosto che su quella giudiziaria. In particolare, alcune procedure pre-fallimentari – il cui scopo finale è sempre stato liquidatorio – sono state modificate allo scopo di consentire alle imprese in stato di crisi di poter disporre di strumenti per gestire in maniera rapida situazioni di difficoltà imprenditoriale e finanziaria, così limitando gli effetti negativi che comunemente questi eventi hanno sull'attività di impresa.

Nell'ambito di tale processo di riforma, il Consiglio dei Ministri ha emanato il Decreto Legge n. 83 del 27 giugno 2015 che, come modificato, è stato convertito in legge il 5 agosto 2015 (il "Decreto"). Il Decreto introduce disposizioni volte, tra l'altro, a: (i) concedere alle imprese italiane in stato di crisi un più ampio accesso a strumenti di finanza interinale; (ii) promuovere l'attiva partecipazione dei creditori nel contesto di procedure pre-fallimentari (e.g. possibilità per i creditori di proporre piani di ristrutturazione alternativi a quello del debitore in contesti di concordato preventivo al ricorrere di determinate circostanze); (iii) conferire al Tribunale il potere di autorizzare piani di ristrutturazione che prevedano vendite di beni del debitore per mezzo di aste competitive, e (iv) introdurre alcune specifiche norme applicabili agli accordi di ristrutturazione dei debiti conclusi dalle imprese in stato di crisi con indebitamento principalmente nei confronti di banche e/o intermediari finanziari.

Questo Commentary ha lo scopo di riassumere i principali termini delle novità legislative apportate dal Decreto alla Legge Fallimentare.

Nuove Disposizioni Applicabili alle Procedure di Concordato Preventivo

Ai sensi del Decreto, qualsiasi proposta di concordato preventivo fatta dal debitore deve prevedere il pagamento di almeno il 20% dell'ammontare complessivo dei crediti chirografari affinchè essa possa essere presentata al Tribunale per l'ammissione del piano alla procedura di concordato. Tale specifico requisito non si applica a quelle procedure di concordato preventivo proposte da debitori che prevedono la prosecuzione dell'attività d'impresa (concordato con continuità aziendale).

Inoltre, la proposta del debitore deve indicare lo specifico beneficio, economicamente quantificabile, che il debitore si impegna a garantire a ciascun creditore.

Finanza Interinale

Il Decreto amplia la portata della Legge Fallimentare relativamente alla finanza interinale sia nell'ambito degli accordi di ristrutturazione dei crediti che delle procedure di concordato preventivo. In relazione a queste procedure (così come nel caso di concordato preventivo ai sensi dell'articolo 166 della Legge Fallimentare (il cosiddetto concordato "in bianco") o in pendenza dell'omologa del Tribunale di un accordo di ristrutturazione dei debiti), il debitore può richiedere al Tribunale di essere autorizzato in via d'urgenza a contrarre finanziamenti interinali pre-deducibili dietro dimostrazione della loro necessità per la prosecuzione dell'attività aziendale. Prima di autorizzare tali finanziamenti, il Tribunale può richiedere informazioni riguardo i termini del piano previsto dal debitore e ha inoltre il potere di sentire – su base non vincolante – i principali creditori. In ogni caso, l'autorizzazione è subordinata alla prova da parte del debitore che: (i) non siano disponibili mezzi di finanziamento alternativi; e (ii) in assenza del finanziamento richiesto, il debitore subirebbe un pregiudizio imminente e irreparabile.

Offerte Concorrenti

Nel caso in cui un piano di concordato preventivo comprenda un'offerta di acquisto di specifici beni o dell'azienda del debitore, o di qualsiasi ramo della stessa, il Tribunale può disporre che il suddetto trasferimento debba essere effettuato mediante procedimento competitivo secondo le modalità di asta approvate dal Tribunale stesso. Il debitore deve modificare la proposta ed il piano di concordato in conformità all'esito del procedimento competitivo.

Proposte Concorrenti

Il Decreto consente ai creditori che detengono complessivamente almeno il 10% dei crediti chirografari (come risultanti dai bilanci presentati dal debitore insieme con il ricorso per l'ammissione alla procedura di concordato) di presentare una proposta concorrente di concordato. Tale facoltà non potrà essere esercitata qualora la proposta di concordato del debitore preveda il pagamento dei creditori chirografari per un importo almeno pari al 40% del valore nominale dei relativi crediti (come comprovato da un esperto indipendente) o, nel caso di concordato con continuità aziendale, per un importo almeno pari al 30% del valore nominale dei relativi crediti (sempre come comprovato da un esperto indipendente). Ogni proposta concorrente deve essere presentata non oltre 30 giorni prima della data fissata dal Tribunale per la votazione dei creditori sulla proposta del debitore e su ogni altra proposta concorrente.

Nel caso in cui il debitore in stato di crisi sia una società a responsabilità limitata o una società per azioni, la proposta di concordato preventivo concorrente può inoltre prevedere un aumento di capitale della società a pagamento con esclusione o limitazione di ogni diritto di opzione applicabile previsto in favore degli attuali quotisti o azionisti, a seconda dei casi. I creditori che presentino una proposta di concordato concorrente hanno diritto di voto sulla stessa solo se collocati in un'autonoma classe ai sensi della proposta concorrente. Inoltre, nel caso in cui la proposta concorrente in oggetto preveda diverse classi di creditori, la stessa potrà essere comunicata ai creditori solo una volta che il Tribunale competente abbia valutato la correttezza dei criteri adottati per la formazione delle diverse classi di creditori. La proposta(e) può (possono) essere modificate fino a 15 giorni prima della data fissata dal Tribunale per l'adunanza dei creditori per il voto.

Nel caso di proposte concorrenti, il commissario giudiziale deve fornire ai creditori, non oltre 10 giorni prima della data fissata per l'adunanza dei creditori per il voto, una relazione contenente una particolareggiata comparazione tra tutte le proposte concorrenti, inclusa un'esauriente informativa al fine di consentire ai creditori di effettuare una scelta informata. Si considera approvata la proposta che ha conseguito la maggioranza più alta dei crediti ammessi al voto. In caso di parità (tra la proposta del debitore e quella dei creditori), si considera approvata la proposta del debitore. Nel caso in cui nessuna delle proposte sia stata approvata con le maggioranze di voto previste dalla legge come sopra descritto, il giudice delegato rimetterà al voto la sola proposta che ha conseguito la maggioranza relativa dei crediti ammessi al voto nel primo turno di votazione.

Termine per l'Omologazione del Concordato Preventivo

Il Decreto estende il termine per l'omologazione del concordato preventivo da sei a nove mesi, con la possibilità per il Tribunale di concedere un'ulteriore singola estensione fino ad un massimo di 60 giorni.

Creditori votanti

 Il Decreto specifica che sia le società che controllano il debitore che quelle controllate dal debitore, così come le società sottoposte a comune controllo, non hanno diritto di voto su una proposta di concordato preventivo.

 Nuove Disposizioni Applicabili agli Accordi di Ristrutturazione dei Debiti riguardanti Imprese in Stato di Crisi Finanziaria

 Il Decreto introduce nuove disposizioni applicabili agli accordi di ristrutturazione dei debiti riguardanti debitori con un indebitamento nei confronti di banche o intermediari finanziari in misura non inferiore al 50% del rispettivo indebitamento complessivo. Tali disposizioni trovano applicazione esclusivamente con riferimento ad indebitamento nei confronti di banche ed intermediari finanziari.

Nel caso di specie, l'accordo di ristrutturazione può prevedere la creazione di una o più categorie di banche o intermediari finanziari aventi tra loro posizione giuridica ed interessi economici omogenei. I termini e le condizioni dell'accordo di ristrutturazione saranno vincolanti per tutti i creditori (aderenti e non alla convenzione) appartenenti ad una determinata categoria purché: (i) i creditori titolari di una percentuale almeno pari al 75% dell'ammontare dei crediti di una determinata categoria approvino la proposta di accordo di ristrutturazione; e (ii) tutti i creditori appartenenti a ciascuna delle categorie siano stati debitamente e tempestivamente informati dell'avvio delle trattative inerenti l'accordo di ristrutturazione e messi in condizione di partecipare alle negoziazioni. Spetta al Tribunale valutare se tali condizioni siano state soddisfatte e se i creditori dissenzienti verranno soddisfatti almeno in misura non inferiore al massimo ammontare che essi avrebbero ottenuto in costanza delle altre alternative concretamente praticabili. Nel caso in cui un accordo di ristrutturazione dei debiti sia approvato da creditori (comprese banche, intermediari finanziari e creditori chirografari) titolari di una percentuale almeno pari al 60% dei crediti insoluti, lo stesso sarà vincolante anche per le banche e gli intermediari finanziari non aderenti alla convenzione, fermo restando che, in ogni caso, a tali creditori non aderenti non può essere imposto di concedere ulteriore credito o nuova finanza al debitore.

Il Decreto contiene analoghe disposizione anche in riferimento al pactum de non petendo; fermo restando che, in ogni caso, l'approvazione di un accordo di ristrutturazione da parte della maggioranza necessaria delle banche creditrici rimane soggetta all'attestazione da parte di un professionista indipendente che i creditori aderenti al pactum de non petendo hanno interessi economici omogenei.

Puntuale Esecuzione del Concordato Preventivo Omologato dal Tribunale

Il Decreto introduce anche nuove procedure volte ad assicurare che il debitore rispetti i termini e le condizioni del concordato preventivo omologato dal Tribunale. Nel caso di violazione dei termini e delle condizioni del concordato o di ritardo nell'adempimento da parte del debitore, il commissario giudiziale deve senza indugio riferirne al Tribunale.

Una volta sentito il debitore, il Tribunale può, a sua discrezione, attribuire al commissario giudiziale i poteri necessari per provvedere in luogo del debitore agli atti a quest'ultimo richiesti. Inoltre, il Tribunale può nominare un amministratore giudiziale al fine di sostituire l'organo amministrativo del debitore per un periodo temporale definito, attribuendogli specifici poteri.

Considerazioni finali

Dal momento che il Decreto è entrato in vigore solo di recente, allo stato non è possibile fare una previsione sull'effetto che esso avrà sulla prassi e sul mercato italiani. Nonostante ciò, le novità introdotte con il Decreto sono significative e rappresentano un ulteriore sforzo del Legislatore di fare in modo che (i) le imprese italiane in stato di crisi abbiano a disposizione strumenti legali più efficaci per affrontare tempestivamente crisi operative e finanziarie; e (ii) i creditori abbiano un ruolo più attivo nell'ambito delle procedure pre-fallimentari. Alcuni tra i punti principali del nuovo regime introdotto dal Decreto possono essere riassunti come segue:

  1. Nell'ambito di accordi di ristrutturazione dei debiti dove almeno il 50% dei creditori del debitore sono rappresentati da banche o intermediari finanziari, nel vigore della nuova disciplina, è possibile la creazione di diverse categorie che includono tali creditori. Le decisioni o le deliberazioni prese dalla maggioranza qualificata (cioè dal 75%) dei creditori appartenenti ad una categoria può risultare vincolante per la totalità dei creditori appartenenti a quella classe. Tale novità dovrebbe semplificare il processo di omologazione prevenendo – o quantomeno limitando – comportamenti speculativi di banche e intermediari finanziari creditori non aderenti alla convenzione, nonchè risolvere alcune delle problematiche che normalmente sorgono tra creditori in tali contesti.
  2. A differenza del passato, nel regime attuale i creditori possono giocare realmente un ruolo attivo nelle procedure di concordato preventivo, avendo il potere di presentare proposte concorrenti ed il diritto di richiedere al Tribunale di supervisionare le procedure di asta per la vendita d i beni o dell'azienda del debitore.
  3. Una proposta concorrente presentata dei creditori può prevede un aumento di capitale sociale del debitore realizzato da terze parti o dai creditori stessi in cambio di nuove azioni e della diluizione o eliminazione delle partecipazioni esistenti.

The content of this article is intended to provide a general guide to the subject matter. Specialist advice should be sought about your specific circumstances.

To print this article, all you need is to be registered on Mondaq.com.

Click to Login as an existing user or Register so you can print this article.

Authors
 
Some comments from our readers…
“The articles are extremely timely and highly applicable”
“I often find critical information not available elsewhere”
“As in-house counsel, Mondaq’s service is of great value”

Related Topics
 
Related Articles
 
Up-coming Events Search
Tools
Print
Font Size:
Translation
Channels
Mondaq on Twitter
 
Register for Access and our Free Biweekly Alert for
This service is completely free. Access 250,000 archived articles from 100+ countries and get a personalised email twice a week covering developments (and yes, our lawyers like to think you’ve read our Disclaimer).
 
Email Address
Company Name
Password
Confirm Password
Position
Mondaq Topics -- Select your Interests
 Accounting
 Anti-trust
 Commercial
 Compliance
 Consumer
 Criminal
 Employment
 Energy
 Environment
 Family
 Finance
 Government
 Healthcare
 Immigration
 Insolvency
 Insurance
 International
 IP
 Law Performance
 Law Practice
 Litigation
 Media & IT
 Privacy
 Real Estate
 Strategy
 Tax
 Technology
 Transport
 Wealth Mgt
Regions
Africa
Asia
Asia Pacific
Australasia
Canada
Caribbean
Europe
European Union
Latin America
Middle East
U.K.
United States
Worldwide Updates
Registration (you must scroll down to set your data preferences)

Mondaq Ltd requires you to register and provide information that personally identifies you, including your content preferences, for three primary purposes (full details of Mondaq’s use of your personal data can be found in our Privacy and Cookies Notice):

  • To allow you to personalize the Mondaq websites you are visiting to show content ("Content") relevant to your interests.
  • To enable features such as password reminder, news alerts, email a colleague, and linking from Mondaq (and its affiliate sites) to your website.
  • To produce demographic feedback for our content providers ("Contributors") who contribute Content for free for your use.

Mondaq hopes that our registered users will support us in maintaining our free to view business model by consenting to our use of your personal data as described below.

Mondaq has a "free to view" business model. Our services are paid for by Contributors in exchange for Mondaq providing them with access to information about who accesses their content. Once personal data is transferred to our Contributors they become a data controller of this personal data. They use it to measure the response that their articles are receiving, as a form of market research. They may also use it to provide Mondaq users with information about their products and services.

Details of each Contributor to which your personal data will be transferred is clearly stated within the Content that you access. For full details of how this Contributor will use your personal data, you should review the Contributor’s own Privacy Notice.

Please indicate your preference below:

Yes, I am happy to support Mondaq in maintaining its free to view business model by agreeing to allow Mondaq to share my personal data with Contributors whose Content I access
No, I do not want Mondaq to share my personal data with Contributors

Also please let us know whether you are happy to receive communications promoting products and services offered by Mondaq:

Yes, I am happy to received promotional communications from Mondaq
No, please do not send me promotional communications from Mondaq
Terms & Conditions

Mondaq.com (the Website) is owned and managed by Mondaq Ltd (Mondaq). Mondaq grants you a non-exclusive, revocable licence to access the Website and associated services, such as the Mondaq News Alerts (Services), subject to and in consideration of your compliance with the following terms and conditions of use (Terms). Your use of the Website and/or Services constitutes your agreement to the Terms. Mondaq may terminate your use of the Website and Services if you are in breach of these Terms or if Mondaq decides to terminate the licence granted hereunder for any reason whatsoever.

Use of www.mondaq.com

To Use Mondaq.com you must be: eighteen (18) years old or over; legally capable of entering into binding contracts; and not in any way prohibited by the applicable law to enter into these Terms in the jurisdiction which you are currently located.

You may use the Website as an unregistered user, however, you are required to register as a user if you wish to read the full text of the Content or to receive the Services.

You may not modify, publish, transmit, transfer or sell, reproduce, create derivative works from, distribute, perform, link, display, or in any way exploit any of the Content, in whole or in part, except as expressly permitted in these Terms or with the prior written consent of Mondaq. You may not use electronic or other means to extract details or information from the Content. Nor shall you extract information about users or Contributors in order to offer them any services or products.

In your use of the Website and/or Services you shall: comply with all applicable laws, regulations, directives and legislations which apply to your Use of the Website and/or Services in whatever country you are physically located including without limitation any and all consumer law, export control laws and regulations; provide to us true, correct and accurate information and promptly inform us in the event that any information that you have provided to us changes or becomes inaccurate; notify Mondaq immediately of any circumstances where you have reason to believe that any Intellectual Property Rights or any other rights of any third party may have been infringed; co-operate with reasonable security or other checks or requests for information made by Mondaq from time to time; and at all times be fully liable for the breach of any of these Terms by a third party using your login details to access the Website and/or Services

however, you shall not: do anything likely to impair, interfere with or damage or cause harm or distress to any persons, or the network; do anything that will infringe any Intellectual Property Rights or other rights of Mondaq or any third party; or use the Website, Services and/or Content otherwise than in accordance with these Terms; use any trade marks or service marks of Mondaq or the Contributors, or do anything which may be seen to take unfair advantage of the reputation and goodwill of Mondaq or the Contributors, or the Website, Services and/or Content.

Mondaq reserves the right, in its sole discretion, to take any action that it deems necessary and appropriate in the event it considers that there is a breach or threatened breach of the Terms.

Mondaq’s Rights and Obligations

Unless otherwise expressly set out to the contrary, nothing in these Terms shall serve to transfer from Mondaq to you, any Intellectual Property Rights owned by and/or licensed to Mondaq and all rights, title and interest in and to such Intellectual Property Rights will remain exclusively with Mondaq and/or its licensors.

Mondaq shall use its reasonable endeavours to make the Website and Services available to you at all times, but we cannot guarantee an uninterrupted and fault free service.

Mondaq reserves the right to make changes to the services and/or the Website or part thereof, from time to time, and we may add, remove, modify and/or vary any elements of features and functionalities of the Website or the services.

Mondaq also reserves the right from time to time to monitor your Use of the Website and/or services.

Disclaimer

The Content is general information only. It is not intended to constitute legal advice or seek to be the complete and comprehensive statement of the law, nor is it intended to address your specific requirements or provide advice on which reliance should be placed. Mondaq and/or its Contributors and other suppliers make no representations about the suitability of the information contained in the Content for any purpose. All Content provided "as is" without warranty of any kind. Mondaq and/or its Contributors and other suppliers hereby exclude and disclaim all representations, warranties or guarantees with regard to the Content, including all implied warranties and conditions of merchantability, fitness for a particular purpose, title and non-infringement. To the maximum extent permitted by law, Mondaq expressly excludes all representations, warranties, obligations, and liabilities arising out of or in connection with all Content. In no event shall Mondaq and/or its respective suppliers be liable for any special, indirect or consequential damages or any damages whatsoever resulting from loss of use, data or profits, whether in an action of contract, negligence or other tortious action, arising out of or in connection with the use of the Content or performance of Mondaq’s Services.

General

Mondaq may alter or amend these Terms by amending them on the Website. By continuing to Use the Services and/or the Website after such amendment, you will be deemed to have accepted any amendment to these Terms.

These Terms shall be governed by and construed in accordance with the laws of England and Wales and you irrevocably submit to the exclusive jurisdiction of the courts of England and Wales to settle any dispute which may arise out of or in connection with these Terms. If you live outside the United Kingdom, English law shall apply only to the extent that English law shall not deprive you of any legal protection accorded in accordance with the law of the place where you are habitually resident ("Local Law"). In the event English law deprives you of any legal protection which is accorded to you under Local Law, then these terms shall be governed by Local Law and any dispute or claim arising out of or in connection with these Terms shall be subject to the non-exclusive jurisdiction of the courts where you are habitually resident.

You may print and keep a copy of these Terms, which form the entire agreement between you and Mondaq and supersede any other communications or advertising in respect of the Service and/or the Website.

No delay in exercising or non-exercise by you and/or Mondaq of any of its rights under or in connection with these Terms shall operate as a waiver or release of each of your or Mondaq’s right. Rather, any such waiver or release must be specifically granted in writing signed by the party granting it.

If any part of these Terms is held unenforceable, that part shall be enforced to the maximum extent permissible so as to give effect to the intent of the parties, and the Terms shall continue in full force and effect.

Mondaq shall not incur any liability to you on account of any loss or damage resulting from any delay or failure to perform all or any part of these Terms if such delay or failure is caused, in whole or in part, by events, occurrences, or causes beyond the control of Mondaq. Such events, occurrences or causes will include, without limitation, acts of God, strikes, lockouts, server and network failure, riots, acts of war, earthquakes, fire and explosions.

By clicking Register you state you have read and agree to our Terms and Conditions