Italy: Garanzie A Prima Domanda Soggette A Legge Italiana

Last Updated: 24 February 2015
Article by Giuseppe Broccoli

SUGGERIMENTI PRATICI RELATIVI ALLE GARANZIE A PRIMA DOMANDA NEL CONTESTO DEGLI APPALTI INTERNAZIONALI

19.02.2015 - Negli appalti di medie e grandi dimensioni (sia internazionali che nazionali) è prassi che il committente richieda all'appaltatore il rilascio di garanzie per l'anticipo ricevuto (advance payment bond), per il corretto adempimento (chiamate solitamente performance bond) e per il periodo di garanzia dei lavori (warranty bond). L'appaltatore dovrà pertanto chiedere (solitamente) alla propria banca l'emissione di garanzie a favore del committente.

La presente nota considera l'ipotesi in cui l'appaltatore italiano chiede l'emissione della garanzia ad una banca italiana e la garanzia sia, pertanto, soggetta a diritto italiano.

PRINCIPALI TIPI DI GARANZIE NEGLI APPALTI INTERNAZIONALI

In linea generale, il committente richiede una garanzia in virtù della quale potrà ricevere una somma di denaro all'inadempimento dell'appaltatore. Esistono sostanzialmente due tipi di garanzie:

  • la garanzia condizionale (denominata 'default guarantee' o 'conditional guarantee', in Italia equivalente alla cosiddetta fideiussione), ossia una garanzia con cui il garante si impegna a pagare una certa somma di denaro al committente in caso di inadempimento dell'appaltatore. Tale tipo di garanzia è strettamente legata al contratto di appalto nel senso che il committente, per poter ottenere il pagamento della garanzia, dovrà dimostrare l'inadempimento al contratto di appalto ed il garante (la banca) potrà sollevare, generalmente, tutte le eccezioni che l'appaltatore avrebbe potuto sollevare in base al contratto di appalto. La caratteristica di tali garanzie è che se l'appaltatore ha validi motivi per non eseguire la propria prestazione (sulla base del contratto di appalto), tali motivi potranno essere utilizzati anche dal garante per non pagare la garanzia;

    Esempio di garanzia condizionale:
    "La banca X, con riferimento al contratto stipulato tra il Committente e l'Appaltatore, presta garanzia a favore del Committente per l'esatta esecuzione dei lavori di cui al contratto di appalto in conformità a tutte le clausole e condizioni del citato contratto."
  • la garanzia autonoma (solitamente denominata 'on-demand bond' oppure 'unconditional bond' o anche semplicemente 'first demand bond') cioè una garanzia completamente slegata dal contratto di appalto (pur essendo emessa in virtù di uno specifico obbligo del contratto di appalto) e grazie alla quale il committente non deve dimostrare l'avvenuto inadempimento da parte dell'appaltatore per ottenere il pagamento della garanzia ma basterà semplicemente che 'dichiari' che l'appaltatore si è reso inadempiente. In tali garanzie, né il garante né l'appaltatore potranno sollevare alcuna eccezione relativa al contratto di appalto proprio perché tali garanzie sono 'autonome' rispetto al contratto di appalto. Salvo rarissime eccezioni (su cui si veda in seguito), il garante (la banca) dovrà in ogni caso pagare l'importo della garanzia richiesto dal committente. La garanzia autonoma, pertanto, consente al committente di coprirsi dal rischio derivante dall'inadempimento dell'appaltatore, senza la necessità di iniziare alcun contenzioso e senza la necessità di dover provare l'effettivo inadempimento dell'appaltatore.

    Esempio di garanzia autonoma:
    "La banca X, con riferimento al contratto di appalto stipulato tra Committente ed Appaltatore, si impegna a pagare a favore del Committente l'importo di € ___ a Vostra prima richiesta, senza limitazioni e/o condizioni e nonostante qualsiasi eccezione che possa venir sollevata dall'Appaltatore."

COME INDIVIDUARE UNA GARANZIA AUTONOMA A PRIMA DOMANDA

Per stabilire se si è di fronte ad una garanzia autonoma è fondamentale analizzare attentamente il testo della garanzia (nel suo complesso) e non limitarsi alla denominazione che può venir data alla garanzia (spesso denominata semplicemente 'advance payment bond', 'performance bond' o 'warranty bond'). Di conseguenza, per creare una vera e propria garanzia autonoma a prima domanda non basterà attribuire alla stessa la mera denominazione di 'garanzia autonoma', ma sarà essenziale costruire attentamente l'intero testo della garanzia.

Ci sono alcune espressioni che consentono, la maggior parte delle volte, di identificare (e dunque di creare) una garanzia come autonoma e a prima domanda. Espressioni tipo:

  1. "a semplice richiesta" ("on first demand");
  2. "senza sollevare eccezioni" ("without objections") oppure "incondizionatamente" ("unconditionally");
  3. "nonostante qualsiasi obiezioni da parte dell'appaltatore" ("notwithstanding any objections from the contractor")

sono, solitamente e se presenti congiuntamente, indicative di una garanzia autonoma.

Tuttavia, alcune delle espressioni sopra indicate potrebbero, se utilizzate singolarmente, dar vita ad una garanzia condizionale o fideiussoria e non invece ad una garanzia autonoma. Ad esempio, l'espressione "il garante dovrà pagare a prima richiesta" o "a prima domanda" non è ritenuta dalla giurisprudenza italiana sufficiente a connotare una garanzia come autonoma ed il suo inserimento (da solo) non sarebbe sufficiente per il committente ad ottenere una vera garanzia autonoma.

RISCHI DI UNA GARANZIA AUTONOMA A PRIMA DOMANDA

Se da un alto, la garanzia bancaria a prima domanda rappresenta per il committente un valido strumento per coprirsi dal rischio dell'eventuale inadempimento dell'appaltatore, essa comporta comunque dei rischi sia per l'appaltatore che per il committente.

Rischi per l'Appaltatore:

Qualora si tratti di una garanzia a prima domanda pura, la banca garante dovrà pagare sulla base della richiesta del committente e l'appaltatore si troverà a subire l'addebito diretto dell'importo pagato dalla banca garante. Infatti, come noto, la banca presta la garanzia a fronte (quantomeno) dell'apertura di credito all'appaltatore. Data la caratteristica della garanzia autonoma (e cioè che ne può venir richiesto il pagamento senza la necessità per il committente di provare l'avvenuto inadempimento ed il conseguente obbligo della banca di pagare in virtù della semplice domanda del committente) il rischio per l'appaltatore è di vedersi escutere la garanzia in tutti quei casi in cui il committente non solo non ha effettivamente diritto a ricevere quelle somme ma ne chiede, in mala fede, il pagamento (la cosiddetta escussione abusiva o fraudolenta).

Esempio di escussione abusiva:
Il tipico esempio di escussione abusiva si ha quando il committente escute l'intero advance payment bond, pur avendo l'appaltatore già restituito (almeno in parte) l'advance payment ricevuto all'inizio dei lavori di costruzione (avendo infatti subito le relative trattenute sui pagamenti ricevuti in corso d'opera). La contabilità dell'appaltatore rivelerà in modo abbastanza semplice che l'advance payment è stato già interamente ripagato.

In tali ipotesi, l'appaltatore potrà ottenere un provvedimento con cui il giudice ordini alla banca garante di non pagare l'importo della garanzia ma solo a condizione che l'appaltatore sia in grado di dimostrare (sulla base di documenti) la mala fede del committente. Nel caso in cui il giudice non emetta alcuna inibitoria e la banca paghi l'importo della garanzia, l'appaltatore avrà diritto di agire nei confronti del committente (mediante, solitamente, arbitrato internazionale) ed eventualmente nei confronti della banca nel caso in cui quest'ultima abbia agito senza la necessaria professionalità e diligenza.

Suggerimenti per l'Appaltatore:

  1. Cercare di inserire una clausola nella garanzia che stabilisca che il committente può chiedere il pagamento della garanzia solo dietro presentazione di documenti emessi, ad esempio, da un terzo indipendente che accerti la mancata corretta esecuzione di parte delle opere.
  2. Fare particolare attenzione non solo al testo della garanzia ma anche alla clausola che nel contratto di appalto prevede l'obbligo di prestare la garanzia e rendere il più chiari possibili i casi specifici in cui il committente possa pretendere il pagamento della garanzia da parte della banca.
  3. Prevedere all'interno del contratto e della garanzia una procedura specifica per l'escussione della garanzia (ad esempio "il committente potrà escutere la garanzia solo dopp aver dato un termine di X giorni all'appaltatore per fornire le proprie giustificazioni circa l'asserito inadempimento. Il committente dovrà inviare alla banca la richiesta di escussione per iscritto indicando dettagliatamente quali siano gli inadempimenti attribuiti all'appaltatore").

Rischi per il Committente:

Dall'altro alto, anche il committente corre dei rischi nel caso in cui escutesse una garanzia autonoma in tutti quei casi in cui è onestamente consapevole di non aver diritto al pagamento. In tali casi, infatti, il committente si troverebbe esposto ad un'azione per danni da parte dell'appaltatore.

Esempio di escussione abusiva:
L'inadempimento dell'appaltatore dipende in realtà da un fatto del committente ad esempio nel caso in cui sia il committente ad impedire che l'appaltatore esegua puntualmente e correttamente la prestazione oggetto del contratto o nell'ipotesi in cui il committente rifiuti di dare istruzioni specifiche all'appaltatore su come agire in determinate circostanze.

Suggerimenti per il Committente:

  1. Prevedere espressamente che la garanzia potrà essere escussa senza alcuna condizione ed indipendentemente da qualsiasi eccezione e/o obiezione che l'appaltatore possa sollevare in base al contratto di appalto;
  2. Nel contratto di appalto prevedere una clausola che preveda espressamente che si tratta di una garanzia autonoma, a prima richiesta e svincolata dal contratto di appalto e che regolamenti in modo chiaro le modalità di escussione;
  3. Escutere la garanzia solo nel caso in cui l'appaltatore si sia reso inadempiente al contratto e non usare invece l'escussione della garanzia come strumento per fare pressioni di altro genere sull'appaltatore.

CONCLUSIONI

La redazione di una garanzia a prima domanda richiede particolare attenzione per evitare che essa sia considerata una garanzia condizionale e dunque soggetta a tutte le condizioni del contratto sottostante. La sostanza della garanzia prevale sulla denominazione che ne viene data (e nel contesto delle commesse internazionali esse vengono denominate semplicemente advance payment bond, performance bond o warranty bond). La garanzia autonoma e a prima domanda (se redatta correttamente) consente al committente di ottenere una pronta riparazione della perdita economica derivante dall'inadempimento senza la necessità di dover iniziare alcun contenzioso. Si tratta tuttavia di uno strumento che, dal lato dell'appaltatore, rappresenta ovviamente un rischio notevole in caso di escussione abusiva. La garanzia bancaria autonoma viene spesso utilizzata infatti come strumento intimidatorio o come grimaldello attraverso il quale il committente, in casi patologici, riesce ad esercitare una certa pressione sull'appaltatore.

Il testo della presente nota rappresenta una sintesi di un articolo scritto da Giuseppe Broccoli (e Lauren Adams, Barrister, per gli aspetti di diritto inglese) dal titolo "ON-DEMAND BONDS: A REVIEW OF ITALIAN AND ENGLISH DECISIONS ON FRAUDULENT OR ABUSIVE CALLING", pubblicato su International Construction Law Review – ICLR [2015].

The content of this article is intended to provide a general guide to the subject matter. Specialist advice should be sought about your specific circumstances.

To print this article, all you need is to be registered on Mondaq.com.

Click to Login as an existing user or Register so you can print this article.

Authors
Giuseppe Broccoli
 
Some comments from our readers…
“The articles are extremely timely and highly applicable”
“I often find critical information not available elsewhere”
“As in-house counsel, Mondaq’s service is of great value”

Related Topics
 
Related Articles
 
Up-coming Events Search
Tools
Print
Font Size:
Translation
Channels
Mondaq on Twitter
 
Register for Access and our Free Biweekly Alert for
This service is completely free. Access 250,000 archived articles from 100+ countries and get a personalised email twice a week covering developments (and yes, our lawyers like to think you’ve read our Disclaimer).
 
Email Address
Company Name
Password
Confirm Password
Position
Mondaq Topics -- Select your Interests
 Accounting
 Anti-trust
 Commercial
 Compliance
 Consumer
 Criminal
 Employment
 Energy
 Environment
 Family
 Finance
 Government
 Healthcare
 Immigration
 Insolvency
 Insurance
 International
 IP
 Law Performance
 Law Practice
 Litigation
 Media & IT
 Privacy
 Real Estate
 Strategy
 Tax
 Technology
 Transport
 Wealth Mgt
Regions
Africa
Asia
Asia Pacific
Australasia
Canada
Caribbean
Europe
European Union
Latin America
Middle East
U.K.
United States
Worldwide Updates
Registration (you must scroll down to set your data preferences)

Mondaq Ltd requires you to register and provide information that personally identifies you, including your content preferences, for three primary purposes (full details of Mondaq’s use of your personal data can be found in our Privacy and Cookies Notice):

  • To allow you to personalize the Mondaq websites you are visiting to show content ("Content") relevant to your interests.
  • To enable features such as password reminder, news alerts, email a colleague, and linking from Mondaq (and its affiliate sites) to your website.
  • To produce demographic feedback for our content providers ("Contributors") who contribute Content for free for your use.

Mondaq hopes that our registered users will support us in maintaining our free to view business model by consenting to our use of your personal data as described below.

Mondaq has a "free to view" business model. Our services are paid for by Contributors in exchange for Mondaq providing them with access to information about who accesses their content. Once personal data is transferred to our Contributors they become a data controller of this personal data. They use it to measure the response that their articles are receiving, as a form of market research. They may also use it to provide Mondaq users with information about their products and services.

Details of each Contributor to which your personal data will be transferred is clearly stated within the Content that you access. For full details of how this Contributor will use your personal data, you should review the Contributor’s own Privacy Notice.

Please indicate your preference below:

Yes, I am happy to support Mondaq in maintaining its free to view business model by agreeing to allow Mondaq to share my personal data with Contributors whose Content I access
No, I do not want Mondaq to share my personal data with Contributors

Also please let us know whether you are happy to receive communications promoting products and services offered by Mondaq:

Yes, I am happy to received promotional communications from Mondaq
No, please do not send me promotional communications from Mondaq
Terms & Conditions

Mondaq.com (the Website) is owned and managed by Mondaq Ltd (Mondaq). Mondaq grants you a non-exclusive, revocable licence to access the Website and associated services, such as the Mondaq News Alerts (Services), subject to and in consideration of your compliance with the following terms and conditions of use (Terms). Your use of the Website and/or Services constitutes your agreement to the Terms. Mondaq may terminate your use of the Website and Services if you are in breach of these Terms or if Mondaq decides to terminate the licence granted hereunder for any reason whatsoever.

Use of www.mondaq.com

To Use Mondaq.com you must be: eighteen (18) years old or over; legally capable of entering into binding contracts; and not in any way prohibited by the applicable law to enter into these Terms in the jurisdiction which you are currently located.

You may use the Website as an unregistered user, however, you are required to register as a user if you wish to read the full text of the Content or to receive the Services.

You may not modify, publish, transmit, transfer or sell, reproduce, create derivative works from, distribute, perform, link, display, or in any way exploit any of the Content, in whole or in part, except as expressly permitted in these Terms or with the prior written consent of Mondaq. You may not use electronic or other means to extract details or information from the Content. Nor shall you extract information about users or Contributors in order to offer them any services or products.

In your use of the Website and/or Services you shall: comply with all applicable laws, regulations, directives and legislations which apply to your Use of the Website and/or Services in whatever country you are physically located including without limitation any and all consumer law, export control laws and regulations; provide to us true, correct and accurate information and promptly inform us in the event that any information that you have provided to us changes or becomes inaccurate; notify Mondaq immediately of any circumstances where you have reason to believe that any Intellectual Property Rights or any other rights of any third party may have been infringed; co-operate with reasonable security or other checks or requests for information made by Mondaq from time to time; and at all times be fully liable for the breach of any of these Terms by a third party using your login details to access the Website and/or Services

however, you shall not: do anything likely to impair, interfere with or damage or cause harm or distress to any persons, or the network; do anything that will infringe any Intellectual Property Rights or other rights of Mondaq or any third party; or use the Website, Services and/or Content otherwise than in accordance with these Terms; use any trade marks or service marks of Mondaq or the Contributors, or do anything which may be seen to take unfair advantage of the reputation and goodwill of Mondaq or the Contributors, or the Website, Services and/or Content.

Mondaq reserves the right, in its sole discretion, to take any action that it deems necessary and appropriate in the event it considers that there is a breach or threatened breach of the Terms.

Mondaq’s Rights and Obligations

Unless otherwise expressly set out to the contrary, nothing in these Terms shall serve to transfer from Mondaq to you, any Intellectual Property Rights owned by and/or licensed to Mondaq and all rights, title and interest in and to such Intellectual Property Rights will remain exclusively with Mondaq and/or its licensors.

Mondaq shall use its reasonable endeavours to make the Website and Services available to you at all times, but we cannot guarantee an uninterrupted and fault free service.

Mondaq reserves the right to make changes to the services and/or the Website or part thereof, from time to time, and we may add, remove, modify and/or vary any elements of features and functionalities of the Website or the services.

Mondaq also reserves the right from time to time to monitor your Use of the Website and/or services.

Disclaimer

The Content is general information only. It is not intended to constitute legal advice or seek to be the complete and comprehensive statement of the law, nor is it intended to address your specific requirements or provide advice on which reliance should be placed. Mondaq and/or its Contributors and other suppliers make no representations about the suitability of the information contained in the Content for any purpose. All Content provided "as is" without warranty of any kind. Mondaq and/or its Contributors and other suppliers hereby exclude and disclaim all representations, warranties or guarantees with regard to the Content, including all implied warranties and conditions of merchantability, fitness for a particular purpose, title and non-infringement. To the maximum extent permitted by law, Mondaq expressly excludes all representations, warranties, obligations, and liabilities arising out of or in connection with all Content. In no event shall Mondaq and/or its respective suppliers be liable for any special, indirect or consequential damages or any damages whatsoever resulting from loss of use, data or profits, whether in an action of contract, negligence or other tortious action, arising out of or in connection with the use of the Content or performance of Mondaq’s Services.

General

Mondaq may alter or amend these Terms by amending them on the Website. By continuing to Use the Services and/or the Website after such amendment, you will be deemed to have accepted any amendment to these Terms.

These Terms shall be governed by and construed in accordance with the laws of England and Wales and you irrevocably submit to the exclusive jurisdiction of the courts of England and Wales to settle any dispute which may arise out of or in connection with these Terms. If you live outside the United Kingdom, English law shall apply only to the extent that English law shall not deprive you of any legal protection accorded in accordance with the law of the place where you are habitually resident ("Local Law"). In the event English law deprives you of any legal protection which is accorded to you under Local Law, then these terms shall be governed by Local Law and any dispute or claim arising out of or in connection with these Terms shall be subject to the non-exclusive jurisdiction of the courts where you are habitually resident.

You may print and keep a copy of these Terms, which form the entire agreement between you and Mondaq and supersede any other communications or advertising in respect of the Service and/or the Website.

No delay in exercising or non-exercise by you and/or Mondaq of any of its rights under or in connection with these Terms shall operate as a waiver or release of each of your or Mondaq’s right. Rather, any such waiver or release must be specifically granted in writing signed by the party granting it.

If any part of these Terms is held unenforceable, that part shall be enforced to the maximum extent permissible so as to give effect to the intent of the parties, and the Terms shall continue in full force and effect.

Mondaq shall not incur any liability to you on account of any loss or damage resulting from any delay or failure to perform all or any part of these Terms if such delay or failure is caused, in whole or in part, by events, occurrences, or causes beyond the control of Mondaq. Such events, occurrences or causes will include, without limitation, acts of God, strikes, lockouts, server and network failure, riots, acts of war, earthquakes, fire and explosions.

By clicking Register you state you have read and agree to our Terms and Conditions