Italy: D.Lgs. 231/2001 - Aggiornamento Normativo E Giurisprudenziale

Si riporta di seguito una breve rassegna dei provvedimenti maggiormente significativi in materia di responsabilità amministrativa degli enti ex D.Lgs. 231/2001.

ENTI STRANIERI

Corte di Appello di Milano – Sent. n. 1937/2014

Il 3 giugno 2014 i giudici della Quarta Sezione Penale della Corte di Appello di Milano hanno depositato le motivazioni della sentenza, emessa il 7 marzo, che ha assolto con formula piena i funzionari di quattro istituti bancari stranieri condannati in primo grado per concorso in truffa aggravata ai danni del Comune di Milano, in relazione al ruolo da essi svolto in alcune operazioni finanziarie intraprese dal Comune su strumenti finanziari derivati. Insieme ai funzionari sono state assolte da responsabilità amministrativa "dipendente da reato" ex D. Lgs. 231/2001 anche le rispettive banche di appartenenza.

Per quanto maggiormente interessa in questa sede, sebbene la manifesta insussistenza dei fatti di reato imputati ai manager bastasse, da sola, a far cadere le accuse nei confronti delle società, la Corte ha in ogni caso deciso di chiarire una serie di questioni sollevate dalla decisione di primo grado, concernenti la pretesa responsabilità amministrativa delle medesime.

La Corte ha innanzitutto smentito che la responsabilità di alcuni degli enti condannati potesse sorgere, nel caso di specie, dalla violazione dell'art. 5, co. 1, lett. a) D. Lgs. 231/2001, poiché i manager imputati non potevano qualificarsi come soggetti apicali delle rispettive società. Il giudice di primo grado, invece, aveva condannato tre delle società in quanto i funzionari avrebbero agito in un rapporto di "immedesimazione organica" con le stesse, deducendo poi da tale circostanza che i modelli organizzativi delle società, sebbene idonei, in astratto, a prevenire fatti come quelli in oggetto, non sarebbero stati tuttavia efficaci e costituissero al contrario "una attenta precostituzione di alibi, al solo fine di garantire ai funzionari di grado superiore una specie di impunità ". La Corte d'Appello ha criticato tale conclusione, inficiata dalla "pretesa di dedurre l'idoneità del modello sol perché un reato è stato commesso, mentre invece è interpretazione pacifica ed ormai accettata sia in dottrina che in giurisprudenza, che neppure per la persona giuridica sia possibile prospettare una responsabilità deprivata di ogni elemento soggettivo". Per affermare la responsabilità delle banche, sarebbe stato necessario non solo che il Tribunale verificasse la colpa in organizzazione consistente nell'adozione di un modello non idoneo, ma anche che la pubblica accusa provasse che la commissione del reato fosse stata resa possibile dall'inosservanza degli obblighi di direzione e vigilanza, in quanto tutti i funzionari imputati – escluso uno – non erano soggetti apicali della società, bensì persone sottoposte alla direzione o alla vigilanza di tali soggetti ex art. 5, co. 1, lett. b) D. Lgs. 231/2001.

In secondo luogo, la Corte ha confermato la piena applicabilità della normativa ex D.Lgs. 231/2001 agli enti stranieri e alla categoria di enti esercenti attività bancaria: "Le disposizioni in contestazione si applicano invero a tutti gli enti forniti di personalità giuridica, alle società e associazioni anche prive di personalità giuridica. [...] Pertanto, ricadono nel perimetro applicativo della norma le società di capitali, le società di persone, le società cooperative, le associazioni con o senza personalità giuridica e con o senza scopo di lucro, gli enti pubblici economici, le fondazioni e i comitati. Le Banche italiane non possono certo dirsi esentate da siffatta disposizione. Perché mai dovrebbero mai esserlo le Banche di diritto straniero che in Italia cercano obbiettivi d'investimento? Non v'è ragione alcuna di introdurre una simile deroga se non violando l'art. 3 della Costituzione". A tal fine, la Corte richiama la decisione della Corte di Cassazione del 9 maggio 2013 n. 20060 la quale aveva analizzato un caso analogo.

La Corte ha infine ribadito il principio secondo il quale il titolo di responsabilità dell'ente sia autonomo rispetto alla responsabilità penale individuale dei soggetti incriminati. Difatti perche vi sia responsabilità amministrativa è necessario che venga compiuto un reato da parte di un soggetto riconducibile all'ente, ma non anche che tale reato venga accertato con individuazione e condanna del responsabile (art. 8, co. 1 lett. a)). Pertanto, sebbene nel giudizio in oggetto non si ricadesse nell'ipotesi prospettata, in quanto l'assoluzione è avvenuta per insussistenza del fatto, in generale "non va automaticamente esclusa la responsabilità amministrativa dell'ente in conseguenza dell'assoluzione del suo funzionario".

REATI SOCIETARI – INTERESSE O VANTAGGIO DELL' ENTE

Corte di Cassazione, Sez. v Penale, n. 10265/2014

Con la sentenza resa il 28 novembre 2013 e depositata il 4 marzo 2014, la Corte di Cassazione ha concluso il processo a carico dell'amministratore delegato ed il direttore generale di un noto istituto di credito, quali persone fisiche, e, quale persona giuridica, la stessa banca da essi amministrata. La banca era accusata di aver tratto un profitto dalla consumazione a suo vantaggio o comunque nel suo interesse dei reati di false comunicazioni sociali dannose (art. 2622 c.c.), di ostacolo all'esercizio delle funzioni delle autorità pubbliche di vigilanza (art. 2638 c.c.) e di aggiotaggio informativo (art. 185 D.Lgs. n. 58/1998), in relazione a una serie di operazioni in strumenti derivati ritenute, in ragione della loro complessità e rischiosità degli strumenti scelti, vere e proprie speculazioni.

Spinta dalle argomentazioni della difesa, la quale sosteneva che i reati fossero stati commessi nell'esclusivo interesse degli autori e che non sussistesse un parallelo interesse dell'ente, la Corte si è espressa sul rapporto tra le condizioni oggettive dell'"interesse" e del "vantaggio" di cui all'art. 5 del Decreto. La Corte ha confermato che la responsabilità amministrativa delle persone giuridiche sorge in connessione a reati compiuti nell'interesse oppure a vantaggio della società, concetti giuridici differenti tra loro che "devono ritenersi criteri imputativi concorrenti, ma alternativi". L'interesse dell'ente si colloca "a monte" e consiste nell'indebito arricchimento, prefigurato e magari non realizzato, che la persona fisica persegue con l'illecito stesso, per il quale è sufficiente una verifica ex ante rispetto alla commissione del reato; viceversa, il vantaggio è quanto obbiettivamente conseguito con la commissione del reato (sebbene non prospettato ex ante), può essere tratto dall'ente anche quando la persona fisica non abbia agito nel suo interesse e richiede sempre una verifica ex post.

La Corte ha chiarito che, perché sia configurabile la responsabilità della persona giuridica, il D.Lgs. 231/2001 non richiede necessariamente che l'autore del reato abbia voluto perseguire l'interesse di quest'ultima. Pertanto, "ai fini della configurabilità della responsabilità dell'ente, è sufficiente che venga provato che lo stesso abbia ricavato dal reato un vantaggio, anche quando non è stato possibile determinare l'effettivo interesse vantato ex ante alla consumazione dell'illecito e purché non sia contestualmente stato accertato che quest'ultimo sia stato commesso nell'esclusivo interesse del suo autore persona fisica o di terzi."

La responsabilità amministrativa della banca è stata ritenuta sussistente, nel caso di specie, anche in riferimento ai reati presupposto di ostacolo alla vigilanza (art. 2638 c.c.) e false comunicazioni sociali (art. 2622 c.c.), entrambi contemplati nel catalogo di cui all'art. 25-ter D.Lgs. 231/ 2001.

REATI SOCIETARI – INTERESSE O VANTAGGIO DELL' ENTE

Corte di Cassazione, Sez. II Penale, sent. n. 16359/2014

Con la sentenza n. 16359 del 15 aprile 2014 la Corte di Cassazione ha rigettato il ricorso contro un'ordinanza di sequestro preventivo per equivalente adottato ai sensi dell'art. 19 D.Lgs. 231/2001, motivato dalla prospettata responsabilità amministrativa di una società quotata i cui soggetti apicali erano imputati del reato di formazione fittizia di capitale ex art. 2632 c.c.. Tale reato, si rammenta, rientra nel novero dei reati societari, presupposto di responsabilità amministrativa ai sensi dell'art. 25-ter, lett. i) D.Lgs. 231/2001.

Nel caso di specie, i direttori e dirigenti avrebbero aumentato fittiziamente il capitale sociale della società incrementandone fraudolentemente il valore, mediante la sopravvalutazione della partecipazione di una seconda società conferita nella prima e l'attribuzione gratuita di una nuova azione ogni dieci possedute, attraverso il passaggio a capitale della riserva sovrapprezzo di azioni, fraudolentemente formata con l'anzidetta rilevante sopravvalutazione.

Alla luce di tale prospettato illecito, il G.I.P. aveva, pertanto, provveduto al sequestro preventivo per equivalente di somme di denaro, titoli e valori, beni mobili e immobili e altre utilità nella disponibilità della società in questione e delle sue controllate, sino alla corrispondenza della somma equivalente al valore dell'aumento fittizio.

La Corte non ha accolto le argomentazioni della difesa dell'ente, la quale sosteneva che l'aumento di capitale fosse stato compiuto solo ed esclusivamente nell'interesse degli amministratori e che la società imputata non ne avesse ricevuto alcun vantaggio né profitto. Al contrario, la Corte ha individuato il vantaggio conseguito dalla società nel fatto che il valore sovrastimato e iscritto in bilancio avesse determinato: a) un aumento dell'affidabilità della medesima compagine sociale nei confronti dei terzi – operatori economici, nuovi investitori, clienti e fornitori e istituti di credito – proprio in ragione della funzione di garanzia del capitale sociale; b) una sensibile moltiplicazione del valore delle azioni della società quotata in borsa, anche in conseguenza della successiva diffusione di comunicati in ordine all'avvenuta capitalizzazione.

"Va, quindi confermato che l'aumento fittizio di capitale costituì un'operazione effettuata nell'interesse della società, di cui questa si avvantaggiò e che, pertanto, il profitto che ne ricavò è confiscabile".

AGGIORNAMENTO NORMATIVO - REATI AMBIENTALI

Il progetto di legge recante "Disposizioni in materia di delitti contro l'ambiente e l'azione di risarcimento del danno ambientale, nonché delega al Governo per il coordinamento delle disposizioni riguardanti gli illeciti in materia ambientale", del quale abbiamo descritto i punti fondamentali nella scorsa newsletter, è attualmente in sede di discussione in seno alla Commissione parlamentare assegnataria. Ricordiamo che, nel caso in cui venisse approvato nel suo testo originale, il disegno allargherebbe il catalogo dei reati presupposto della responsabilità amministrativa degli enti ad includere i due reati dolosi di reato di inquinamento ambientale (art. 452-bis c.p.) e di disastro ambientale (art. 452-ter c.p.).

The content of this article is intended to provide a general guide to the subject matter. Specialist advice should be sought about your specific circumstances.

To print this article, all you need is to be registered on Mondaq.com.

Click to Login as an existing user or Register so you can print this article.

Authors
Events from this Firm
21 Nov 2018, Seminar, New York, United States

“Big data” is changing our economy. It has allowed Amazon, Google, Facebook and many others to redesign traditional business models and to create new or improved products and services with greater utility for consumers and often at very little cost.

24 Nov 2018, Speaking Engagement, New York, United States

Each year, the New York Region of IFA hosts a panel and reception at the NYU Law School. This year’s panel will include a discussion of the TCJA international provisions.

27 Nov 2018, Speaking Engagement, New York, United States

Employment Managing Associates, Alexandra Stathpoulos and Alexandra Heifetz are presenting at the University of California, Berkeley School of Law’s FORM+FUND Series.

 
Some comments from our readers…
“The articles are extremely timely and highly applicable”
“I often find critical information not available elsewhere”
“As in-house counsel, Mondaq’s service is of great value”

Related Topics
 
Related Articles
 
Up-coming Events Search
Tools
Print
Font Size:
Translation
Channels
Mondaq on Twitter
 
Register for Access and our Free Biweekly Alert for
This service is completely free. Access 250,000 archived articles from 100+ countries and get a personalised email twice a week covering developments (and yes, our lawyers like to think you’ve read our Disclaimer).
 
Email Address
Company Name
Password
Confirm Password
Position
Mondaq Topics -- Select your Interests
 Accounting
 Anti-trust
 Commercial
 Compliance
 Consumer
 Criminal
 Employment
 Energy
 Environment
 Family
 Finance
 Government
 Healthcare
 Immigration
 Insolvency
 Insurance
 International
 IP
 Law Performance
 Law Practice
 Litigation
 Media & IT
 Privacy
 Real Estate
 Strategy
 Tax
 Technology
 Transport
 Wealth Mgt
Regions
Africa
Asia
Asia Pacific
Australasia
Canada
Caribbean
Europe
European Union
Latin America
Middle East
U.K.
United States
Worldwide Updates
Registration (you must scroll down to set your data preferences)

Mondaq Ltd requires you to register and provide information that personally identifies you, including your content preferences, for three primary purposes (full details of Mondaq’s use of your personal data can be found in our Privacy and Cookies Notice):

  • To allow you to personalize the Mondaq websites you are visiting to show content ("Content") relevant to your interests.
  • To enable features such as password reminder, news alerts, email a colleague, and linking from Mondaq (and its affiliate sites) to your website.
  • To produce demographic feedback for our content providers ("Contributors") who contribute Content for free for your use.

Mondaq hopes that our registered users will support us in maintaining our free to view business model by consenting to our use of your personal data as described below.

Mondaq has a "free to view" business model. Our services are paid for by Contributors in exchange for Mondaq providing them with access to information about who accesses their content. Once personal data is transferred to our Contributors they become a data controller of this personal data. They use it to measure the response that their articles are receiving, as a form of market research. They may also use it to provide Mondaq users with information about their products and services.

Details of each Contributor to which your personal data will be transferred is clearly stated within the Content that you access. For full details of how this Contributor will use your personal data, you should review the Contributor’s own Privacy Notice.

Please indicate your preference below:

Yes, I am happy to support Mondaq in maintaining its free to view business model by agreeing to allow Mondaq to share my personal data with Contributors whose Content I access
No, I do not want Mondaq to share my personal data with Contributors

Also please let us know whether you are happy to receive communications promoting products and services offered by Mondaq:

Yes, I am happy to received promotional communications from Mondaq
No, please do not send me promotional communications from Mondaq
Terms & Conditions

Mondaq.com (the Website) is owned and managed by Mondaq Ltd (Mondaq). Mondaq grants you a non-exclusive, revocable licence to access the Website and associated services, such as the Mondaq News Alerts (Services), subject to and in consideration of your compliance with the following terms and conditions of use (Terms). Your use of the Website and/or Services constitutes your agreement to the Terms. Mondaq may terminate your use of the Website and Services if you are in breach of these Terms or if Mondaq decides to terminate the licence granted hereunder for any reason whatsoever.

Use of www.mondaq.com

To Use Mondaq.com you must be: eighteen (18) years old or over; legally capable of entering into binding contracts; and not in any way prohibited by the applicable law to enter into these Terms in the jurisdiction which you are currently located.

You may use the Website as an unregistered user, however, you are required to register as a user if you wish to read the full text of the Content or to receive the Services.

You may not modify, publish, transmit, transfer or sell, reproduce, create derivative works from, distribute, perform, link, display, or in any way exploit any of the Content, in whole or in part, except as expressly permitted in these Terms or with the prior written consent of Mondaq. You may not use electronic or other means to extract details or information from the Content. Nor shall you extract information about users or Contributors in order to offer them any services or products.

In your use of the Website and/or Services you shall: comply with all applicable laws, regulations, directives and legislations which apply to your Use of the Website and/or Services in whatever country you are physically located including without limitation any and all consumer law, export control laws and regulations; provide to us true, correct and accurate information and promptly inform us in the event that any information that you have provided to us changes or becomes inaccurate; notify Mondaq immediately of any circumstances where you have reason to believe that any Intellectual Property Rights or any other rights of any third party may have been infringed; co-operate with reasonable security or other checks or requests for information made by Mondaq from time to time; and at all times be fully liable for the breach of any of these Terms by a third party using your login details to access the Website and/or Services

however, you shall not: do anything likely to impair, interfere with or damage or cause harm or distress to any persons, or the network; do anything that will infringe any Intellectual Property Rights or other rights of Mondaq or any third party; or use the Website, Services and/or Content otherwise than in accordance with these Terms; use any trade marks or service marks of Mondaq or the Contributors, or do anything which may be seen to take unfair advantage of the reputation and goodwill of Mondaq or the Contributors, or the Website, Services and/or Content.

Mondaq reserves the right, in its sole discretion, to take any action that it deems necessary and appropriate in the event it considers that there is a breach or threatened breach of the Terms.

Mondaq’s Rights and Obligations

Unless otherwise expressly set out to the contrary, nothing in these Terms shall serve to transfer from Mondaq to you, any Intellectual Property Rights owned by and/or licensed to Mondaq and all rights, title and interest in and to such Intellectual Property Rights will remain exclusively with Mondaq and/or its licensors.

Mondaq shall use its reasonable endeavours to make the Website and Services available to you at all times, but we cannot guarantee an uninterrupted and fault free service.

Mondaq reserves the right to make changes to the services and/or the Website or part thereof, from time to time, and we may add, remove, modify and/or vary any elements of features and functionalities of the Website or the services.

Mondaq also reserves the right from time to time to monitor your Use of the Website and/or services.

Disclaimer

The Content is general information only. It is not intended to constitute legal advice or seek to be the complete and comprehensive statement of the law, nor is it intended to address your specific requirements or provide advice on which reliance should be placed. Mondaq and/or its Contributors and other suppliers make no representations about the suitability of the information contained in the Content for any purpose. All Content provided "as is" without warranty of any kind. Mondaq and/or its Contributors and other suppliers hereby exclude and disclaim all representations, warranties or guarantees with regard to the Content, including all implied warranties and conditions of merchantability, fitness for a particular purpose, title and non-infringement. To the maximum extent permitted by law, Mondaq expressly excludes all representations, warranties, obligations, and liabilities arising out of or in connection with all Content. In no event shall Mondaq and/or its respective suppliers be liable for any special, indirect or consequential damages or any damages whatsoever resulting from loss of use, data or profits, whether in an action of contract, negligence or other tortious action, arising out of or in connection with the use of the Content or performance of Mondaq’s Services.

General

Mondaq may alter or amend these Terms by amending them on the Website. By continuing to Use the Services and/or the Website after such amendment, you will be deemed to have accepted any amendment to these Terms.

These Terms shall be governed by and construed in accordance with the laws of England and Wales and you irrevocably submit to the exclusive jurisdiction of the courts of England and Wales to settle any dispute which may arise out of or in connection with these Terms. If you live outside the United Kingdom, English law shall apply only to the extent that English law shall not deprive you of any legal protection accorded in accordance with the law of the place where you are habitually resident ("Local Law"). In the event English law deprives you of any legal protection which is accorded to you under Local Law, then these terms shall be governed by Local Law and any dispute or claim arising out of or in connection with these Terms shall be subject to the non-exclusive jurisdiction of the courts where you are habitually resident.

You may print and keep a copy of these Terms, which form the entire agreement between you and Mondaq and supersede any other communications or advertising in respect of the Service and/or the Website.

No delay in exercising or non-exercise by you and/or Mondaq of any of its rights under or in connection with these Terms shall operate as a waiver or release of each of your or Mondaq’s right. Rather, any such waiver or release must be specifically granted in writing signed by the party granting it.

If any part of these Terms is held unenforceable, that part shall be enforced to the maximum extent permissible so as to give effect to the intent of the parties, and the Terms shall continue in full force and effect.

Mondaq shall not incur any liability to you on account of any loss or damage resulting from any delay or failure to perform all or any part of these Terms if such delay or failure is caused, in whole or in part, by events, occurrences, or causes beyond the control of Mondaq. Such events, occurrences or causes will include, without limitation, acts of God, strikes, lockouts, server and network failure, riots, acts of war, earthquakes, fire and explosions.

By clicking Register you state you have read and agree to our Terms and Conditions