Italy: Agevolazioni Fiscali Per Ristrutturazioni Edilizie E Per Interventi Di Risparmio Energetico

Last Updated: 26 November 2013
Article by Maschietto Maggiore

Con il D.L. 63/2013 (convertito con modificazioni in L. 90/2013 lo scorso 3 agosto), il Legislatore ha esteso il campo di applicazione delle detrazioni fiscali per le ristrutturazioni edilizie e per gli interventi destinati al risparmio energetico.

Per le ristrutturazioni, le maggiori novità introdotte riguardano: la proroga al 31 dicembre 2013 della detrazione del 50% relativa alle spese per opere di recupero edilizio (prevista dal D.L. 83/2012 con scadenza fissata allo scorso 30 giugno); l'innalzamento della detrazione (dal 50 al 65 per cento) concessa in caso di adeguamento antisismico delle costruzioni adibite ad abitazioni principali o ad attività produttive situate nelle zone 1 e 2, con un tetto di spesa fissato ad Euro 96.000; l'estensione del bonus del 50% anche agli elettrodomestici di classe non inferiore ad A+ (A per i forni) e l'applicazione del beneficio fiscale anche ai mobili, purché entrambi (mobili ed elettrodomestici) siano destinati a corredo dell'immobile oggetto di ristrutturazione (secondo la definizione generale data dal Codice civile e chiarita dalla Corte di Cassazione con sentenza n. 19283 del 7 settembre 2009).

Le ristrutturazioni edilizie

Con riferimento alla detrazione del 65% concessa a chi ristruttura l'edificio adibito abitazione principale o ad attività produttiva situata in zone ad elevato rischio sismico, il Parlamento, in sede di conversione del D.L. 63/2013, ha modificato l'art. 16, aggiungendo il comma 1 bis che dispone l'innalzamento dal 50 al 65 per cento della percentuale di detraibilità per le spese sostenute per la ristrutturazione degli immobili in zone ad alto rischio sismico situati nelle zone 1 e 2 (il Decreto, con l'allegato A, ha individuato, utilizzando parametri internazionali, 4 diverse zone entro le quali sono stati divisi tutti i Comuni italiani in relazione al rischio sismico). Negli altri casi, per le misure antisismiche apportate agli edifici situati nelle zone 3 e 4, si potrà beneficiare della detrazione del 36% (aumentata al 50% per i pagamenti effettuati dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2013).  L'agevolazione relativa all'adeguamento antisismico non è da confondersi con quella predisposta per gli interventi di riqualificazione energetica (sui quali v. infra) con la quale ha in comune la percentuale di sconto. Riguarda, infatti, gli interventi finalizzati all'adozione di misure antisismiche previsti dalla lettera i) dell'art. 16 bis del TUIR che attualmente godono del bonus del 50%, al pari degli altri interventi di ristrutturazione edilizia. L'innalzamento del bonus al 65% vale fino al 31 dicembre 2013; dal 1° gennaio 2014 (fatte salve ulteriori proroghe) la detrazione torna al 36% (con il limite di spesa fissato ad Euro 48.000) per tutti gli interventi di adeguamento sismico così come per quelli di ristrutturazione edilizia.

Come già accennato, per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio (di cui all'art. 3, comma 1, lettere a, b, c, d del DPR 6 giugno 2001, n. 380), l'aumento della detrazione Irpef dal 36 al 50% (già in vigore dal 26 giugno 2012), viene prorogato fino al 31 dicembre 2013. Anche il limite di spesa per la singola unità immobiliare (pertinenze comprese) è stato aumentato, per lo stesso periodo, da Euro 48.000 fino ad Euro 96.000. È agevolabile anche l'installazione di impianti fotovoltaici per la produzione di energia elettrica (Risoluzione 22/E/2013). La manutenzione ordinaria, invece, rileva con esclusivo riferimento alle parti condominiali degli edifici residenziali (sui quali v. infra): gli stessi interventi, effettuati sulle proprietà private o sulle loro pertinenze, non danno diritto ad alcuna detrazione. Tra le spese straordinarie rientrano, a titolo esemplificativo, quelle necessarie per rinnovare o sostituire parti strutturali degli edifici come i solai, i tramezzi interni e le scale ma anche interventi meno rilevanti come la sostituzione delle finiture, a patto che i lavori non alterino i volumi e le superfici delle unità immobiliari e la loro destinazione d'uso. Il bonus si ottiene anche in caso di realizzazione di autorimesse e posti auto pertinenziali, eliminazione delle barriere architettoniche, opere dirette a prevenire il rischio di compimento di atti illeciti da parte di terzi. La detrazione in parola è concessa anche per le opere di cablatura degli edifici, di contenimento dell'inquinamento acustico, di bonifica e di prevenzione di infortuni domestici, fino alle spese di progettazione e per le prestazioni professionali connesse all'esecuzione di opere edilizie e alla messa a norma degli edifici.

La detrazione fiscale passa del 36 al 50% (per un importo massimo di Euro 96.000) anche per le spese sostenute dal condominio, dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2013, per le opere di manutenzione (sia ordinaria che straordinaria) sulle parti comuni degli edifici. Anche per queste spese, dal 1° gennaio 2014, la detrazione tornerà ad essere del 36%.

Il risparmio energetico 

Passando all'analisi delle agevolazioni fiscali connesse a particolari interventi che aumentano il livello di efficienza energetica, il Legislatore fiscale, come già sopra evidenziato, con D.L. n. 63 del 4 giugno 2013, ha prorogato fino al prossimo 31 dicembre la detrazione fiscale per gli interventi di efficienza energetica. Inoltre, lo stesso decreto, ha innalzato fino al 65% la percentuale di detraibilità delle spese sostenute nel periodo che va dal 6 giugno 2013 (data di entrata in vigore del decreto) al 31 dicembre 2013 (con un limite di spesa fissato ad Euro 96.600).

Con la conversione in legge del D.L. n. 63/2013, sono stati fatti rientrare tra le spese sul risparmio energetico agevolabili fino al 65% fino al 31 dicembre 2013 anche gli interventi di "sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con pompe di calore ad alta efficienza e con impianti geotermici a bassa entalpia" e di "sostituzione di scaldacqua tradizionali con scaldacqua a pompa di calore dedicati alla produzione di acqua calda sanitaria".

L'agevolazione fiscale per la riqualificazione energetica consiste in una detrazione dall'IRPEF o dall'IRES (ed è questa la differenza più significativa con la detrazione relativa alle ristrutturazioni edilizie, che ha solo base IRPEF) ed è concessa quando si eseguono interventi che aumentano il livello di efficienza energetica degli edifici esistenti. In particolare, le detrazioni sono riconosciute se le spese sono state sostenute per: (i) riduzione del fabbisogno energetico per il riscaldamento; (ii) miglioramento termico dell'edificio (finestre, comprensive di infissi, coibentazioni, pavimenti); (iii) istallazione di pannelli solari; (iv) sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale.

Le detrazioni, da ripartire in rate annuali di pari importo, sono riconosciute nelle seguenti misure: (i) 55% delle spese sostenute fino al 5 giugno 2013; (ii) 65% delle spese sostenute per interventi sulle singole unità immobiliari dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2013 (30 giugno 2014 se l'intervento è effettuato sulle parti comuni degli edifici condominiali o se riguarda tutte le unità immobiliari di cui si compone il singolo condominio).

Possono beneficiare della detrazione: le persone fisiche (compresi gli esercenti arti e professioni), le imprese commerciali (ditte individuali, società di persone o di capitali), le associazioni tra professionisti, gli enti pubblici e provati che non svolgono attività commerciale. Il bonus energetico è escluso per le imprese di costruzione, ristrutturazione edilizia e vendita, per i lavori eseguiti sugli immobili oggetto della loro attività, anche nel caso in cui la società svolga attività di locazione immobiliare. Il beneficio spetta, sempre e comunque, soltanto all'utilizzatore dell'immobile oggetto dei lavori: per una società, ad esempio, non è possibile fruire della detrazione su immobili locati a terzi.

Come ha avuto modo di specificare l'Agenzia delle Entrate, condizione indispensabile al fine di poter beneficiare della detrazione è che gli interventi siano eseguiti su unità immobiliari e su edifici (o su parti di edifici) residenziali esistenti, di qualsiasi categoria catastale, anche se rurali, compresi quelli strumentali all'attività d'impresa o professionale. Di conseguenza, non sono agevolabili le spese effettuate in corso di costruzione dell'immobile, coerentemente alla disciplina di settore adottata a livello comunitario in base alla quale tutti i nuovi edifici sono assoggettati a prescrizioni minime della prestazione energetica in funzione della loro tipologia e delle locali condizioni climatiche.

Il decreto, inoltre, in relazione ad alcune particolari tipologie di intervento, prevede che gli edifici oggetto dei medesimi abbiano alcune specifiche caratteristiche quali, ad esempio:

essere già dotati di impianto di riscaldamento e che lo stesso sia presente nei luoghi dell'intervento (con espressa esclusione riferita all'istallazione di pannelli solari);

nelle ristrutturazioni che prevedono il frazionamento (con conseguente aumento) delle unità immobiliari, il beneficio è compatibile unicamente con la realizzazione di un impianto termico centralizzato a servizio delle unità stesse;

nel caso di ristrutturazioni con demolizione e ricostruzione si può accedere all'incentivo solo nel caso di fedele ricostruzione. Restano esclusi, quindi, gli interventi relativi a lavori di ampliamento.

È bene  precisare che le agevolazioni fiscali connesse alle attività di riqualificazione energetica non sono cumulabili con l'agevolazione prevista dall'esaminato D.L. 83/2012 in materia di recupero edilizio. Pertanto, nel caso in cui gli interventi realizzati rientrino sia nelle agevolazioni previste per il risparmio energetico che in quelle previste per le ristrutturazioni edilizie, il contribuente potrà fruire, per le medesime spese, soltanto dell'uno o dell'altro beneficio fiscale.

Per fruire dell'agevolazione fiscale sulle spese energetiche è necessario acquisire la seguente documentazione:

l'asseverazione, che consente di dimostrare che l'intervento realizzato è conforme ai requisiti tecnici richiesti;

l'attestato di prestazione energetica, che comprende i dati relativi all'efficienza energetica propri dell'edificio;

la scheda informativa relativa agli interventi realizzati; è necessaria se l'intervento riguarda la sostituzione di finestre comprensive di infissi in singole unità immobiliari o l'istallazione di pannelli solari;

l'invio all'ENEA: entro 90 giorni dalla fine lavori occorre trasmettere all'ENEA copia dell'attestato di certificazione o di qualificazione energetica e la scheda informativa relativa agli interventi realizzati;

la fine lavori: per data di fine lavori dive intendersi quella coincidente con il collaudo, a nulla rilevando la data di esecuzione dei pagamenti.

Per beneficare del bonus in parola è richiesto il conseguimento di un indice di prestazione energetica inferiore di almeno il 20% rispetto alle regole del 2005 (cfr. all. C del D.LGS. 192/2005). Il raggiungimento di questo obiettivo deve essere dimostrato con la redazione, da parte di un certificatore energetico, di un attestato di certificazione energetica redatto sulla base delle procedure approvate dalle Regioni e dalle Province autonome di Trento e Bolzano o, in assenza di regole locali, secondo quanto previsto dal D.LGS. 192/2005. Si tratta di un adempimento necessario solo nei seguenti 3 casi: riqualificazione energetica globale dell'immobile; coibentazione verticale dell'involucro edilizio (il cd. "cappotto"); l'isolamento di tetti e solai. In ogni caso, la riduzione del consumo energetico dell'immobile dovrà essere calcolata in riferimento al fabbisogno energetico dell'intero edificio.

In ultimo si segnala che la legge 90/2013 di conversione del Decreto, ha modificato l'art. 6 del D.LGS. 192/2005 rendendo obbligatorio dotarsi dell'attestato di prestazione energetica (A.P.E.) prima di procedere alla richiesta del certificato di agibilità, solo per gli immobili sottoposti a ristrutturazioni importanti.

La medesima attestazione è obbligatoria (pena la nullità del contratto) per le compravendite, le locazioni e i trasferimenti, anche a titolo gratuito, degli immobili. Come già l'A.C.E., la nuova attestazione può essere rilasciata da esperti qualificati e indipendenti. È richiesto, nel caso di immobili di nuova costruzione o ristrutturati, anche in caso di cessione (anche a titolo gratuito) o di affitto, anche di una singola unità. L'impatto della modifica non è di poco conto dal momento che, anche per la vendita su carta di un immobile, il costruttore è tenuto a dare informazioni all'acquirente sull'indice di prestazione energetica dell'edificio.   

The content of this article is intended to provide a general guide to the subject matter. Specialist advice should be sought about your specific circumstances.

To print this article, all you need is to be registered on Mondaq.com.

Click to Login as an existing user or Register so you can print this article.

Authors
 
Some comments from our readers…
“The articles are extremely timely and highly applicable”
“I often find critical information not available elsewhere”
“As in-house counsel, Mondaq’s service is of great value”

Related Topics
 
Related Articles
 
Up-coming Events Search
Tools
Print
Font Size:
Translation
Channels
Mondaq on Twitter
 
Register for Access and our Free Biweekly Alert for
This service is completely free. Access 250,000 archived articles from 100+ countries and get a personalised email twice a week covering developments (and yes, our lawyers like to think you’ve read our Disclaimer).
 
Email Address
Company Name
Password
Confirm Password
Position
Mondaq Topics -- Select your Interests
 Accounting
 Anti-trust
 Commercial
 Compliance
 Consumer
 Criminal
 Employment
 Energy
 Environment
 Family
 Finance
 Government
 Healthcare
 Immigration
 Insolvency
 Insurance
 International
 IP
 Law Performance
 Law Practice
 Litigation
 Media & IT
 Privacy
 Real Estate
 Strategy
 Tax
 Technology
 Transport
 Wealth Mgt
Regions
Africa
Asia
Asia Pacific
Australasia
Canada
Caribbean
Europe
European Union
Latin America
Middle East
U.K.
United States
Worldwide Updates
Registration (you must scroll down to set your data preferences)

Mondaq Ltd requires you to register and provide information that personally identifies you, including your content preferences, for three primary purposes (full details of Mondaq’s use of your personal data can be found in our Privacy and Cookies Notice):

  • To allow you to personalize the Mondaq websites you are visiting to show content ("Content") relevant to your interests.
  • To enable features such as password reminder, news alerts, email a colleague, and linking from Mondaq (and its affiliate sites) to your website.
  • To produce demographic feedback for our content providers ("Contributors") who contribute Content for free for your use.

Mondaq hopes that our registered users will support us in maintaining our free to view business model by consenting to our use of your personal data as described below.

Mondaq has a "free to view" business model. Our services are paid for by Contributors in exchange for Mondaq providing them with access to information about who accesses their content. Once personal data is transferred to our Contributors they become a data controller of this personal data. They use it to measure the response that their articles are receiving, as a form of market research. They may also use it to provide Mondaq users with information about their products and services.

Details of each Contributor to which your personal data will be transferred is clearly stated within the Content that you access. For full details of how this Contributor will use your personal data, you should review the Contributor’s own Privacy Notice.

Please indicate your preference below:

Yes, I am happy to support Mondaq in maintaining its free to view business model by agreeing to allow Mondaq to share my personal data with Contributors whose Content I access
No, I do not want Mondaq to share my personal data with Contributors

Also please let us know whether you are happy to receive communications promoting products and services offered by Mondaq:

Yes, I am happy to received promotional communications from Mondaq
No, please do not send me promotional communications from Mondaq
Terms & Conditions

Mondaq.com (the Website) is owned and managed by Mondaq Ltd (Mondaq). Mondaq grants you a non-exclusive, revocable licence to access the Website and associated services, such as the Mondaq News Alerts (Services), subject to and in consideration of your compliance with the following terms and conditions of use (Terms). Your use of the Website and/or Services constitutes your agreement to the Terms. Mondaq may terminate your use of the Website and Services if you are in breach of these Terms or if Mondaq decides to terminate the licence granted hereunder for any reason whatsoever.

Use of www.mondaq.com

To Use Mondaq.com you must be: eighteen (18) years old or over; legally capable of entering into binding contracts; and not in any way prohibited by the applicable law to enter into these Terms in the jurisdiction which you are currently located.

You may use the Website as an unregistered user, however, you are required to register as a user if you wish to read the full text of the Content or to receive the Services.

You may not modify, publish, transmit, transfer or sell, reproduce, create derivative works from, distribute, perform, link, display, or in any way exploit any of the Content, in whole or in part, except as expressly permitted in these Terms or with the prior written consent of Mondaq. You may not use electronic or other means to extract details or information from the Content. Nor shall you extract information about users or Contributors in order to offer them any services or products.

In your use of the Website and/or Services you shall: comply with all applicable laws, regulations, directives and legislations which apply to your Use of the Website and/or Services in whatever country you are physically located including without limitation any and all consumer law, export control laws and regulations; provide to us true, correct and accurate information and promptly inform us in the event that any information that you have provided to us changes or becomes inaccurate; notify Mondaq immediately of any circumstances where you have reason to believe that any Intellectual Property Rights or any other rights of any third party may have been infringed; co-operate with reasonable security or other checks or requests for information made by Mondaq from time to time; and at all times be fully liable for the breach of any of these Terms by a third party using your login details to access the Website and/or Services

however, you shall not: do anything likely to impair, interfere with or damage or cause harm or distress to any persons, or the network; do anything that will infringe any Intellectual Property Rights or other rights of Mondaq or any third party; or use the Website, Services and/or Content otherwise than in accordance with these Terms; use any trade marks or service marks of Mondaq or the Contributors, or do anything which may be seen to take unfair advantage of the reputation and goodwill of Mondaq or the Contributors, or the Website, Services and/or Content.

Mondaq reserves the right, in its sole discretion, to take any action that it deems necessary and appropriate in the event it considers that there is a breach or threatened breach of the Terms.

Mondaq’s Rights and Obligations

Unless otherwise expressly set out to the contrary, nothing in these Terms shall serve to transfer from Mondaq to you, any Intellectual Property Rights owned by and/or licensed to Mondaq and all rights, title and interest in and to such Intellectual Property Rights will remain exclusively with Mondaq and/or its licensors.

Mondaq shall use its reasonable endeavours to make the Website and Services available to you at all times, but we cannot guarantee an uninterrupted and fault free service.

Mondaq reserves the right to make changes to the services and/or the Website or part thereof, from time to time, and we may add, remove, modify and/or vary any elements of features and functionalities of the Website or the services.

Mondaq also reserves the right from time to time to monitor your Use of the Website and/or services.

Disclaimer

The Content is general information only. It is not intended to constitute legal advice or seek to be the complete and comprehensive statement of the law, nor is it intended to address your specific requirements or provide advice on which reliance should be placed. Mondaq and/or its Contributors and other suppliers make no representations about the suitability of the information contained in the Content for any purpose. All Content provided "as is" without warranty of any kind. Mondaq and/or its Contributors and other suppliers hereby exclude and disclaim all representations, warranties or guarantees with regard to the Content, including all implied warranties and conditions of merchantability, fitness for a particular purpose, title and non-infringement. To the maximum extent permitted by law, Mondaq expressly excludes all representations, warranties, obligations, and liabilities arising out of or in connection with all Content. In no event shall Mondaq and/or its respective suppliers be liable for any special, indirect or consequential damages or any damages whatsoever resulting from loss of use, data or profits, whether in an action of contract, negligence or other tortious action, arising out of or in connection with the use of the Content or performance of Mondaq’s Services.

General

Mondaq may alter or amend these Terms by amending them on the Website. By continuing to Use the Services and/or the Website after such amendment, you will be deemed to have accepted any amendment to these Terms.

These Terms shall be governed by and construed in accordance with the laws of England and Wales and you irrevocably submit to the exclusive jurisdiction of the courts of England and Wales to settle any dispute which may arise out of or in connection with these Terms. If you live outside the United Kingdom, English law shall apply only to the extent that English law shall not deprive you of any legal protection accorded in accordance with the law of the place where you are habitually resident ("Local Law"). In the event English law deprives you of any legal protection which is accorded to you under Local Law, then these terms shall be governed by Local Law and any dispute or claim arising out of or in connection with these Terms shall be subject to the non-exclusive jurisdiction of the courts where you are habitually resident.

You may print and keep a copy of these Terms, which form the entire agreement between you and Mondaq and supersede any other communications or advertising in respect of the Service and/or the Website.

No delay in exercising or non-exercise by you and/or Mondaq of any of its rights under or in connection with these Terms shall operate as a waiver or release of each of your or Mondaq’s right. Rather, any such waiver or release must be specifically granted in writing signed by the party granting it.

If any part of these Terms is held unenforceable, that part shall be enforced to the maximum extent permissible so as to give effect to the intent of the parties, and the Terms shall continue in full force and effect.

Mondaq shall not incur any liability to you on account of any loss or damage resulting from any delay or failure to perform all or any part of these Terms if such delay or failure is caused, in whole or in part, by events, occurrences, or causes beyond the control of Mondaq. Such events, occurrences or causes will include, without limitation, acts of God, strikes, lockouts, server and network failure, riots, acts of war, earthquakes, fire and explosions.

By clicking Register you state you have read and agree to our Terms and Conditions