Italy: Internet E Diritto "All’oblio": Una Recente Sentenza Del Tribunale Di Milano

Last Updated: 24 July 2013
Article by Luigi Manna

Una recente sentenza del Tribunale di Milano (n. 5820/2013, pubblicata il 26.4.2013) in tema di diritto all'oblio in Internet offre lo spunto per una panoramica dello stato dell'arte nella giurisprudenza nazionale.

Il concetto di diritto "all'oblio" non è nuovo nella letteratura giuridica italiana, ma a renderlo di massima attualità sono state proprio l'esplosione di Internet e quella, concomitante, dell'informazione on-line.

Com'è noto, la maggioranza dei grandi quotidiani, una volta varata l'edizione digitale, ha ben presto digitalizzato il proprio archivio storico cartaceo rendendolo disponibile al pubblico on-line. Il vecchio articolo, che una volta era confinato in polverosi archivi visitati da pochi specialisti, oggi è a disposizione di tutti e 24 ore su 24 in Internet.

I meccanismi automatici d'indicizzazione dei principali motori di ricerca hanno fatto il resto. Se si fosse trattato "solo" di ricerca sui motori dedicati messi a disposizione sul sito delle varie testate, l'approdo ad articoli risalenti sarebbe stato comunque il risultato di una ricerca finalizzata. Ma quando un articolo è automaticamente indicizzato da Google e analoghi motori "generalisti", ed è restituito come risultato primario ad ogni ricerca anche casuale fatta utilizzando come chiave il nome delle persone che vi sono citate, lo scenario muta radicalmente.

È così che individui protagonisti o comprimari di cronache del passato, ad anni o decenni di distanza, ritrovano il proprio nome in Rete permanentemente associato a vicende remote, anche quando ormai quelle non riflettono la loro attuale dimensione personale; in molti casi, poi, quando si tratta di cronaca giudiziaria, accade che la posizione processuale dell'interessato sia mutata a seguito di indagini successive o del processo, ma l'articolo associato al suo nome cristallizzi i fatti per come erano, o apparivano verosimili, all'epoca in cui fu scritto (per cui, più che di evoluzione personale del soggetto, si pone un problema di evoluzione dei fatti).

In questa, come in ogni altra questione giuridica, si contrappongono e devono essere bilanciati diversi interessi: l'esercizio del diritto di cronaca e di critica, che aveva a suo tempo legittimato la pubblicazione dell'articolo originario; il diritto di libera ricerca storica, che consente la disponibilità pubblica di archivi completi; e, appunto, il diritto all'oblio. Quest'ultimo è stato costruito dalla giurisprudenza, anche con il contributo di quella qui commentata, come una particolare declinazione della tutela dell'identità personale, consistente nel diritto a vedere rappresentata la propria persona in maniera che rifletta la propria attuale dimensione personale e sociale; o, in negativo, nel diritto a non vedersi pubblicamente rappresentati in maniera non o non più corrispondente a quella (come si vede, l'espressione "diritto all'oblio" non è davvero descrittiva del concetto che intende veicolare, ed anzi può essere fuorviante; tuttavia è quella ormai correntemente usata, con questo significato, dalla giurisprudenza nostrana, e per questo motivo la si mantiene qui).

Per anni, di questioni come quelle sopra descritte si è occupato soprattutto il Garante dei dati personali, che ha in molti casi indicato una soluzione al problema nella semplice "de-indicizzazione" dell'articolo dai motori di ricerca esterni al sito del giornale, senza intervento diretto sul documento alla fonte. L'operazione è compiuta direttamente dal titolare del cosiddetto sito sorgente, qui l'editore, e non richiede la partecipazione attiva del titolare del motore di ricerca.

Tuttavia, in anni più recenti, il Garante ha registrato un aumento dei casi di richiesta d'intervento diretto sulla fonte, mediante la radicale rimozione dell'articolo dal sito sorgente o il suo aggiornamento. E quasi in contemporanea, e molto appropriatamente, l'Italia ha avuto il suo primo landmark case, la sentenza della Corte di Cassazione n. 5525/2012 (che si può leggere qui).

Il caso discusso davanti alla Suprema Corte è emblematico. Una persona nota aveva chiesto senza successo al Garante prima, e all'autorità giudiziaria poi, di ordinare all'editore Rcs l'aggiornamento di un vecchio articolo presente nell'archivio on-line del Corriere (e comparente ai primi posti nelle ricerche fatte in "Google" usando il nome e cognome del ricorrente) che dava conto di un suo arresto, senza ovviamente dare conto – perché all'epoca non era ancora intervenuto – del suo successivo proscioglimento da ogni accusa.

Il giudice di merito aveva negato la tutela sulla base della considerazione che la notizia, all'epoca in cui era stata data, era veritiera e di pubblico interesse, per cui la sua pubblicazione aveva costituito legittimo esercizio del diritto di cronaca; mentre la presenza attuale dell'articolo in Internet assolveva a una funzione storico-documentaristica, che sarebbe stata tradita da un'integrazione del testo, la quale avrebbe fatto venir meno il valore di documento storico dell'articolo. Era, anzi, arrivato ad escludere in radice l'esistenza di un diritto all'oblio del ricorrente, dato il suo status di personaggio pubblico, e di conseguenza la sussistenza di "un persistente interesse pubblico all'apprendimento di notizie relative alla storia personale, anche giudiziaria, dell'interessato".

Ma la Corte Suprema è stata di avviso totalmente diverso. Essa ha riconosciuto espressamente l'esistenza di un diritto all'oblio, inteso nel senso di cui sopra di diritto alla tutela della propria (attuale) identità personale e morale nella sua proiezione sociale. Ha rimarcato la differenza tra un archivio in senso tradizionale e la Rete, dove tutte le notizie sono presentate in maniera non strutturata, "piatta", e decontestualizzate. Ha osservato che se la finalità di documentazione storica può legittimare, dal punto di vista del Codice della privacy, la conservazione e pubblica accessibilità dell'articolo che riporta una determinata notizia e la persistente identificabilità del protagonista – la non eccedenza e persistente compatibilità del trattamento dei dati rispetto al legittimo fine del trattamento stesso è uno dei capisaldi del diritto della privacy – è però coerente con questa finalità, e al tempo stesso rispettoso del diritto all'oblio, che la notizia sia aggiornata e contestualizzata, o financo cancellata dall'archivio, se non risponde più a verità. Si può osservare incidentalmente che, quando la tutela assume questa seconda (estrema) forma, viene ripristinata la coincidenza tra l'espressione "diritto all'oblio" e il contenuto del diritto stesso.

La Corte ha quindi concluso per la sussistenza nel caso di specie di un obbligo a carico dell'editore di predisporre un sistema idoneo a segnalare (nel corpo o a margine) la sussistenza di un seguito e di uno sviluppo della notizia, consentendone il rapido accesso.

Quasi di passaggio, la Corte ha peraltro rilevato che il fornitore del servizio di motore di ricerca non avesse alcun ruolo o responsabilità nella vicenda, spettanti invece al responsabile del sito sorgente, e rigettando così una delle difese dell'editore, che aveva sostenuto il proprio difetto di legittimazione passiva in favore di Google. I lettori più attenti alle novità giurisprudenziali noteranno che quest'inciso anticipa di oltre un anno le conclusioni dell'Avvocato Generale della Corte di Giustizia Europea nella causa C-131/12 pubblicate il 25 giugno 2013 (nelle quali peraltro l'Avvocato Generale sembra negare l'esistenza nel diritto comunitario di un diritto all'oblio).

Le ripercussioni di questa storica sentenza non si sono fatte attendere. Sulla sua scorta, tra il dicembre 2012 e il gennaio 2013 il Garante ha accolto due ricorsi prescrivendo all'editore di segnalare con un'annotazione a margine dell'articolo l'esistenza dello "sviluppo" della notizia, in modo da assicurare da un lato, all'interessato, il rispetto della propria attuale identità personale, e dall'altro, ad ogni lettore, un'informazione attendibile e completa. I due provvedimenti si possono leggere qui e qui. Si noti che si trattava di articoli già precedentemente de-indicizzati.

Ma anche i giudici ordinari hanno preso nota. Ed è, infatti, in parte "figlia" della decisione della Suprema Corte anche la sentenza milanese che ha offerto lo spunto per questo scritto, che la cita espressamente. Il caso, del resto, presenta diverse analogie con quello deciso dalla Cassazione.

L'attore qui lamentava la perdurante presenza in Rete – nell'archivio on-line de La Repubblica e, a cascata, nei motori di ricerca – di un articolo del 1985 in cui lo si descriveva come usuraio ed evasore e lamentava, oltre che la diffamazione, la violazione del proprio diritto all'oblio. Il giudice milanese ha escluso la diffamazione per prescrizione, ma ha riconosciuto la lesione del diritto all'oblio, ritenuto prevalente su ogni altro ipotetico interesse.

In particolare, ha osservato che i fatti addebitati all'attore erano risultati essere non tutti veri; che difettava il requisito dell'interesse pubblico alla loro permanente conoscenza, dato il lasso di tempo trascorso dalla vicenda e la carenza di un qualche ruolo di rilevo pubblico dell'attore; e che mancava il perseguimento di un'apprezzabile finalità, tale da giustificare l'identificabilità in Rete dell'attore in relazione al fatto storico, considerato che lo scopo di tenuta dell'archivio può essere soddisfatto con la conservazione di una copia cartacea.

Ricordando che la Cassazione aveva ipotizzato come misura estrema di tutela quella della radicale cancellazione dell'articolo dalla Rete, il giudice ha ritenuto che nel caso sottoposto al suo esame fosse proprio questo il rimedio più appropriato, data la carenza nella fattispecie di apprezzabili interessi da contrapporre alla tutela dell'identità personale.

Ha dunque ordinato la rimozione dell'articolo dall'archivio telematico del giornale, consentendo solo la tenuta di una copia cartacea, e condannato l'editore al risarcimento del danno morale.

Non c'è dubbio che per gli editori nazionali che hanno digitalizzato e immesso on-line il proprio archivio storico si pongano adesso enormi problemi di gestione. Escluso che si possa concepire una due diligence preventiva di milioni di articoli, essi dovranno decidere come gestire le richieste di aggiornamento o cancellazione in nome del diritto all'oblio che, senza dubbio, cominceranno ad arrivare, e staranno anzi già arrivando, sempre più numerose.

The content of this article is intended to provide a general guide to the subject matter. Specialist advice should be sought about your specific circumstances.

To print this article, all you need is to be registered on Mondaq.com.

Click to Login as an existing user or Register so you can print this article.

Authors
 
Some comments from our readers…
“The articles are extremely timely and highly applicable”
“I often find critical information not available elsewhere”
“As in-house counsel, Mondaq’s service is of great value”

Related Topics
 
Related Articles
 
Up-coming Events Search
Tools
Print
Font Size:
Translation
Channels
Mondaq on Twitter
 
Register for Access and our Free Biweekly Alert for
This service is completely free. Access 250,000 archived articles from 100+ countries and get a personalised email twice a week covering developments (and yes, our lawyers like to think you’ve read our Disclaimer).
 
Email Address
Company Name
Password
Confirm Password
Position
Mondaq Topics -- Select your Interests
 Accounting
 Anti-trust
 Commercial
 Compliance
 Consumer
 Criminal
 Employment
 Energy
 Environment
 Family
 Finance
 Government
 Healthcare
 Immigration
 Insolvency
 Insurance
 International
 IP
 Law Performance
 Law Practice
 Litigation
 Media & IT
 Privacy
 Real Estate
 Strategy
 Tax
 Technology
 Transport
 Wealth Mgt
Regions
Africa
Asia
Asia Pacific
Australasia
Canada
Caribbean
Europe
European Union
Latin America
Middle East
U.K.
United States
Worldwide Updates
Registration (you must scroll down to set your data preferences)

Mondaq Ltd requires you to register and provide information that personally identifies you, including your content preferences, for three primary purposes (full details of Mondaq’s use of your personal data can be found in our Privacy and Cookies Notice):

  • To allow you to personalize the Mondaq websites you are visiting to show content ("Content") relevant to your interests.
  • To enable features such as password reminder, news alerts, email a colleague, and linking from Mondaq (and its affiliate sites) to your website.
  • To produce demographic feedback for our content providers ("Contributors") who contribute Content for free for your use.

Mondaq hopes that our registered users will support us in maintaining our free to view business model by consenting to our use of your personal data as described below.

Mondaq has a "free to view" business model. Our services are paid for by Contributors in exchange for Mondaq providing them with access to information about who accesses their content. Once personal data is transferred to our Contributors they become a data controller of this personal data. They use it to measure the response that their articles are receiving, as a form of market research. They may also use it to provide Mondaq users with information about their products and services.

Details of each Contributor to which your personal data will be transferred is clearly stated within the Content that you access. For full details of how this Contributor will use your personal data, you should review the Contributor’s own Privacy Notice.

Please indicate your preference below:

Yes, I am happy to support Mondaq in maintaining its free to view business model by agreeing to allow Mondaq to share my personal data with Contributors whose Content I access
No, I do not want Mondaq to share my personal data with Contributors

Also please let us know whether you are happy to receive communications promoting products and services offered by Mondaq:

Yes, I am happy to received promotional communications from Mondaq
No, please do not send me promotional communications from Mondaq
Terms & Conditions

Mondaq.com (the Website) is owned and managed by Mondaq Ltd (Mondaq). Mondaq grants you a non-exclusive, revocable licence to access the Website and associated services, such as the Mondaq News Alerts (Services), subject to and in consideration of your compliance with the following terms and conditions of use (Terms). Your use of the Website and/or Services constitutes your agreement to the Terms. Mondaq may terminate your use of the Website and Services if you are in breach of these Terms or if Mondaq decides to terminate the licence granted hereunder for any reason whatsoever.

Use of www.mondaq.com

To Use Mondaq.com you must be: eighteen (18) years old or over; legally capable of entering into binding contracts; and not in any way prohibited by the applicable law to enter into these Terms in the jurisdiction which you are currently located.

You may use the Website as an unregistered user, however, you are required to register as a user if you wish to read the full text of the Content or to receive the Services.

You may not modify, publish, transmit, transfer or sell, reproduce, create derivative works from, distribute, perform, link, display, or in any way exploit any of the Content, in whole or in part, except as expressly permitted in these Terms or with the prior written consent of Mondaq. You may not use electronic or other means to extract details or information from the Content. Nor shall you extract information about users or Contributors in order to offer them any services or products.

In your use of the Website and/or Services you shall: comply with all applicable laws, regulations, directives and legislations which apply to your Use of the Website and/or Services in whatever country you are physically located including without limitation any and all consumer law, export control laws and regulations; provide to us true, correct and accurate information and promptly inform us in the event that any information that you have provided to us changes or becomes inaccurate; notify Mondaq immediately of any circumstances where you have reason to believe that any Intellectual Property Rights or any other rights of any third party may have been infringed; co-operate with reasonable security or other checks or requests for information made by Mondaq from time to time; and at all times be fully liable for the breach of any of these Terms by a third party using your login details to access the Website and/or Services

however, you shall not: do anything likely to impair, interfere with or damage or cause harm or distress to any persons, or the network; do anything that will infringe any Intellectual Property Rights or other rights of Mondaq or any third party; or use the Website, Services and/or Content otherwise than in accordance with these Terms; use any trade marks or service marks of Mondaq or the Contributors, or do anything which may be seen to take unfair advantage of the reputation and goodwill of Mondaq or the Contributors, or the Website, Services and/or Content.

Mondaq reserves the right, in its sole discretion, to take any action that it deems necessary and appropriate in the event it considers that there is a breach or threatened breach of the Terms.

Mondaq’s Rights and Obligations

Unless otherwise expressly set out to the contrary, nothing in these Terms shall serve to transfer from Mondaq to you, any Intellectual Property Rights owned by and/or licensed to Mondaq and all rights, title and interest in and to such Intellectual Property Rights will remain exclusively with Mondaq and/or its licensors.

Mondaq shall use its reasonable endeavours to make the Website and Services available to you at all times, but we cannot guarantee an uninterrupted and fault free service.

Mondaq reserves the right to make changes to the services and/or the Website or part thereof, from time to time, and we may add, remove, modify and/or vary any elements of features and functionalities of the Website or the services.

Mondaq also reserves the right from time to time to monitor your Use of the Website and/or services.

Disclaimer

The Content is general information only. It is not intended to constitute legal advice or seek to be the complete and comprehensive statement of the law, nor is it intended to address your specific requirements or provide advice on which reliance should be placed. Mondaq and/or its Contributors and other suppliers make no representations about the suitability of the information contained in the Content for any purpose. All Content provided "as is" without warranty of any kind. Mondaq and/or its Contributors and other suppliers hereby exclude and disclaim all representations, warranties or guarantees with regard to the Content, including all implied warranties and conditions of merchantability, fitness for a particular purpose, title and non-infringement. To the maximum extent permitted by law, Mondaq expressly excludes all representations, warranties, obligations, and liabilities arising out of or in connection with all Content. In no event shall Mondaq and/or its respective suppliers be liable for any special, indirect or consequential damages or any damages whatsoever resulting from loss of use, data or profits, whether in an action of contract, negligence or other tortious action, arising out of or in connection with the use of the Content or performance of Mondaq’s Services.

General

Mondaq may alter or amend these Terms by amending them on the Website. By continuing to Use the Services and/or the Website after such amendment, you will be deemed to have accepted any amendment to these Terms.

These Terms shall be governed by and construed in accordance with the laws of England and Wales and you irrevocably submit to the exclusive jurisdiction of the courts of England and Wales to settle any dispute which may arise out of or in connection with these Terms. If you live outside the United Kingdom, English law shall apply only to the extent that English law shall not deprive you of any legal protection accorded in accordance with the law of the place where you are habitually resident ("Local Law"). In the event English law deprives you of any legal protection which is accorded to you under Local Law, then these terms shall be governed by Local Law and any dispute or claim arising out of or in connection with these Terms shall be subject to the non-exclusive jurisdiction of the courts where you are habitually resident.

You may print and keep a copy of these Terms, which form the entire agreement between you and Mondaq and supersede any other communications or advertising in respect of the Service and/or the Website.

No delay in exercising or non-exercise by you and/or Mondaq of any of its rights under or in connection with these Terms shall operate as a waiver or release of each of your or Mondaq’s right. Rather, any such waiver or release must be specifically granted in writing signed by the party granting it.

If any part of these Terms is held unenforceable, that part shall be enforced to the maximum extent permissible so as to give effect to the intent of the parties, and the Terms shall continue in full force and effect.

Mondaq shall not incur any liability to you on account of any loss or damage resulting from any delay or failure to perform all or any part of these Terms if such delay or failure is caused, in whole or in part, by events, occurrences, or causes beyond the control of Mondaq. Such events, occurrences or causes will include, without limitation, acts of God, strikes, lockouts, server and network failure, riots, acts of war, earthquakes, fire and explosions.

By clicking Register you state you have read and agree to our Terms and Conditions